Distimia: sintomi cause e cura

Il disturbo di distimia evidenzia talvolta la sua presenza già nei primi anni di vita del paziente: sintomi depressivi possono iniziare anche in maniera insidiosa già nell’infanzia o negli anni dell’adolescenza e proseguire poi lungo il corso della vita presentandosi in maniera più o meno lieve.

La distimia cosa è? La distimia, a volte indicata come depressione cronica, è in altre parole una forma di depressione meno grave. Le persone che soffrono di distimia presentano un stato d’animo quasi perennemente infelice, ma non presentano evidenti problemi fisici.

Distimia: sintomi cause e cura

Distimia

Distimia:

Cause della distimia

Distimia sintomi

Distimia bipolare

Distimia reattiva

Distimia atipica

Distimia cura e trattamento

Distimia rimedi

Cause della distimia

In generale non sono chiare le  precise cause alla base della distimia. Questa forma di depressione cronica spesso è correlata ad un cambiamento del cervello dovuto alla serotonina, ovvero ad un prodotto chimico o neurotrasmettitore che aiuta il cervello ad affrontare le emozioni. Situazioni difficili, malattie croniche, farmaci e problemi relazionali o di lavoro, possono aumentare la probabilità che si presenti un problema di distimia.

Sintomi classici della distimia

Con la distimia, i sintomi possono persistere per un lungo periodo di tempo, anche sino a due anni o più prima che lo stesso problema venga riscontrato. I sintomi che si presentano sono simili a quelli della depressione e creano disturbo per lo più allo stato psicologico della persona che non trae soddisfazione dalle attività che svolge e non è felice. Si susseguono alterazioni dell’umore, che possono durare fino a quattro anni e per di più, spesso tale condizione va di pari passo con sempre più gravi episodi di depressione. La combinazione delle due situazioni può portare ad un disturbo depressivo ricorrente. Questa è una delle ragioni per cui la condizione di distimia deve essere immediatamente risolta.

Oltre a ciò, è presente un senso di tristezza continuo. Altri problemi includono disturbi del sonno (si dorme troppo o troppo poco), insonnia, sentimenti di impotenza, disperazione ed un senso di inutilità. Possono presentarsi momenti in cui il paziente avverte una sensazione di forti sensi di colpa, perdita di interesse verso la vita, difficoltà persino nel divertirsi, difficoltà nella concentrazione ed ancora è possibile avvertire un continuo senso di affaticamento e mancanza di forze. Si possono avvertire anche variazioni dell’appetito che portano la persona o mangiare troppo o non avere completamente senso di fame. Insieme a questa serie di problemi possono presentarsi anche problemi fisici quali dolori persistenti e generali, mal di testa, crampi e problemi digestivi.

Distimia bipolare

Il disturbo bipolare è a volte indicato come una depressione maniacale. Si tratta di un problema che dura per molto tempo e coinvolge in parte anche la stabilità della mente. Il paziente avverte sbalzi di umore imprevedibili, stati d’animo caratterizzati da picchi eccessivi di tristezza e scoraggiamento. Tra i diversi tipi di depressione, la distimia bipolare è una delle condizioni più particolari. Si alternano in questi casi fasi di ansia e depressione, dovuti ad uno squilibrio delle sostanze chimiche del cervello.
Il disturbo può essere risolto mediante la somministrazione di farmaci e grazie ad un tempestivo intervento psichiatrico. Il disturbo colpisce bambini ed adolescenti con la stessa probabilità in cui interessa adulti ed anziani.

Distimia reattiva

La distimia reattiva, talvolta definita come disturbo dell’adattamento, indica uno stato d’animo caratterizzato da depressione in risposta ad uno situazione specifica che ha vissuto il paziente. In altre parole, la distimia reattiva è una condizione di depressione lieve o moderata che insorge inseguito ad un determinato evento stressante, come può esserlo ad esempio un lutto di una persona cara, un divorzio, problemi con conseguente perdita di lavoro, problemi con i bambini, il raggiungimento dell’età pensionabile o addirittura, causa può esserlo persino un trasferimento in un altro luogo. Generalmente, i sintomi di questo tipo di problema durano pochi mesi a seguito dell’evento in questione che lo ha scatenato.
Spesso accade che le persone affette da distimia reattiva ricorrano all’uso di sostanze illecite (alcol, marjuana, cocaina), facendone un abuso: queste condizioni richiedono l’intervento tempestivo con un trattamento specifico da parte di uno psicologo.

Distimia atipica

La distimia atipica è una condizione che raramente si verifica. Il disturbo è caratterizzato da sintomi che non sono presenti nei più comuni casi di depressione: si presentano condizioni di grandi eccessi relativi a diversi aspetti della vita quotidiana. Il paziente può vivere periodi in cui si presentano smisurati episodi di fame o di sonno, problemi che si verificano ripetutamente in cicli alternati da fasi depressive. Questo tipo di distimia interessa in particolar modo le donne ed in genere si presenta già negli anni dell’adolescenza, ma se non tratta continua sino a quando si giunge l’età adulta.

Trattamento e cura della distimia

Pazienti con distimia che non vengono curati in maniera adeguata, possono vivere con questo problema anche per tutta la vita. Per di più la stessa rilevazione del problema non è immediata: in genere si scopre la presenza di questo disturbo solo dopo che sono trascorsi alcuni anni dall’avvio dei disturbi. Negli adulti i sintomi continuano per circa due anni prima che il problema venga rilevato, mentre nei bambini si susseguono per un anno. La distimia non viene quindi diagnosticata sino a quando il paziente presenta problemi già da molto tempo. I sintomi del disturbo di distimia possono essere trattati con l’utilizzo di farmaci stabilizzanti dell’umore, antipsicotici atipici, antidepressivi ed inoltre con la psicoterapia. Il problema viene rilevato di solito, grazie all’intervento di uno specialista quale ad esempio uno psicologo. È sufficiente l’analisi dei sintomi per riuscire a capire se sia presente la distimia nel paziente.

La psicoterapia è utilizzata nella distimia così come in altri disturbi dell’umore e si pone l’obiettivo di aiutare il paziente a gestire bene la condizione in cui si trova ed a sviluppare le adeguate capacità per affrontare la vita quotidiana. Oltre a ciò la psicoterapia può rappresentare anche un aiuto per il paziente per quanto riguarda il ciclo di farmaci da assumere. Talvolta la terapia può essere non solo individuale, ma coinvolgere le persone che si hanno intorno, sottoponendosi a delle terapie di gruppo.

Per quanto riguarda gli antidepressivi sono disponibili diverse tipologie di farmaco. In base alle condizioni del paziente ed in base ad un esame fisico, il medico deciderà come procedere relativamente al trattamento farmacologico. Gli antidepressivi possono richiedere diverse settimane prima di manifestare la propria azione benefica. Il trattamento deve essere seguito per almeno 6-9 mesi e deve essere immediatamente avviato subito dopo che si sia presentato un episodio di depressione cronica.

Antidepressivi comunemente utilizzati in caso di distimia sono:

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina: Celexa, Lexapro, Prozac, Luvox, Paxil, Zoloft;
  • Inibitori della ricaptazione della serotonina noradrenalina: Effexor, Cymbalta, Pristiq;
  • Antidepressivi triciclici: Elavil, Asendin, Anafranil, Norpramin, Adapin, Sinequan, Tofranil;
  • MonoAminoOssidasi (I-MAO): Marplan, Nardil, Parnate, Emsam;
  • Altri antidepressivi: mirtazapina, Bupropione.

Spesso gli antidepressivi portano una serie di effetti collaterali fastidiosi come ad esempio, problemi di insonnia, aumento di peso ed un desiderio sessuale ridotto.
La distimia è un problema risolvibile, ma così come altre malattie croniche è importante che la diagnosi avvenga nel più breve tempo possibile e quindi è bene che allo stesso modo il trattamento sia immediatamente avviato.

Rimedi naturali per la distimia

Un elemento essenziale per riuscire a sfuggire da questa condizione è disporre di un supporto morale da parte di amici e familiari. L’aiuto psicologico di altre persone vicine fa una grande differenza relativamente ad una buona riuscita della cura. Altri trattamenti oltre quello farmacologico o in sostituzione a questo, nel caso in cui il paziente non risponda in maniera positiva alla terapia cui è stato sottoposto, includono dei rimedi alternativi come la particolare terapia della luce. Una dieta equilibrata, l’esecuzione di un regolare esercizio fisico, la riduzione del consumo di alcol e del fumo possono migliorare la condizione di distimia. Il miglioramento della circolazione sanguigna induce un miglioramento della salute mentale. Oltre a ciò è bene passare più tempo con amici e familiari. La stessa risoluzione del problema è resa più semplice quando il paziente viene messo al corrente della situazione e quando dunque il medico è in grado di fornire la corretta diagnosi e la conseguente corretta terapia personalizzata per il caso del paziente in questione.

Considerazione finale sulla distimia

La distimia è un problema che se non risolto in tempo, tende a peggiorare inevitabilmente portando quindi ad uno stato di depressione maggiore per poi alternarsi nuovamente con una condizione più lieve e quindi ripresentando la condizione di distimia per infine proseguire nuovamente in un’alternanza dell’uno e dell’altro problema.

Nessuna tipologia di distimia deve essere trascurata.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo distimia: sintomi cause e cura

Articolo interessante sulla distimia

E' interessante l'articolo anche se avrei voluto avere informazioni circa le psicoterapie più efficaci. grazie

Distimia da parecchi anni

Soffro di distimia da parecchi anni, (forse da sempre), qualche anno fa ho avuto un episodio di depressione maggiore, con questa diagnosi (come dipendente di pubblica amministrazione) sono stata collocata in pensione da una Commissione Medico Legale. Dopo questo evento, per altri 2-3 anni, tra alti e bassi, sono stata leggermente meglio. Ora da 5-6 mesi sto malissimo, accuso di nuovo una stanchezza infinita, debolezza muscolare, una sensazione di testa "vuota", "ingabbiata", sonnolenza continua nel corso della giornata, desiderio di stare sempre a letto, mentre la sera, come una fenice risorgo dalle ceneri.
Inoltre, questo da sempre, assoluta inappetenza. Da quando sono in pensione, consigliata dai medici, mi sono iscritta a dei corsi per anziani "Università terza età", sono interessantissimi e stimolanti, ma faccio un'enorme fatica lasciare il letto ed uscire. Assumo al mattino 12 gocce di Citolapram, al tramonto una compressa di melatonina e la sera mezzo Trirrico e una compressa di Stilnox. Mi hanno detto che la distimia è una forma di depressione cronica e larvata, non guarirò mai completamente, ma posso tenerla sotto controllo.

La cura per distimia che mi ha prescritto il dottore è con xanax carbolitium elopram

ho 54 anni sposato con 2 figli,36 anni fà ho cominciato ad avere dei disturbi il fatto è accaduto cambiando luogo di lavoro inaspettatamente ho cominciato ad avere ansia e attacchi di panico allimprovviso. qualche mese prima mi sentivo un leone ero nella pienezza della salute e nel volgere di poco tempo la mia esistenza è cambiata mi sono chiuso in me stesso senza parlarne con i miei genitori o qualche amico per paura di non essere capito e anche perchè non sapevo nemmeno io cosa dire quello che mi stava accadendo,così ho cominciato a parlarne con qualche medico neurologo che mi prescrisse di prendere qualche ansiolitico ma questa cura non ebbe successo ,cominciai a contare sulle mie forze dopo qualche anno ho cominciato ad assumere antidepressivi anche questi senza successo affidondomi solo alle mie forze e frequentando gruppi di preghiera migliorando un pò la situazione e conoscendo la mia futura moglie che mi ha dato 2 figli,anche con questi eventi meravigliosi non ho provato emozioni particolari,ora da circa 4anni ho incontrato un medico che mi ha diagnosticato la distimia curandomi con xanax carbolitium elopram adesso le cose vanno meglio dormo di notte ,non mi butto sempre sul divan,gli attacchi di panico sono spariti insieme all'ansia devo solo debellare i sensi di colpa che sono presenti nella mia vita,se avete qualche cosiglio da darmi

Distimia

buon articolo, ho potuto confrontarmi e mi sento sollevata anche se il medico mi aveva aiutata appieno. grazie

Distimia cronica

Anch'io soffro di distimia cronica ho provato tantissimi antidepressivi e psicoterapia da 3 anni ma a tutt ora non ho benefici. Mi piacerebbe parlarne con persone che hanno il mio stesso problema visto che con altri non puoi parlare altrimenti ti giudicano subito. grazie mille.

La distimia

DISTIMIA...sono passati anni prima che capissero cosa avevo... a parte questo, caro Paolo io prendo Deniban, prova sentire il tuo medico cosa ne pensa, spero ti sia di aiuto.

Ho appena scoperto di soffrire di distimia

io ho scoperto ora questo disagio chiamiamolo così .Come te ho sempre sonno non ho voglia di affrontare la giornata sono sempre stanca ed il confronto con gli altri mi è pesante forse se ci uniamo ne parliamo tra noi possiamo aiutarci daiiiiii forza proviamo saluti

Ditimia e depressione

la mia diagnosi è depressione maggiore ricorrente, ma mi rendo conto ora che tra una crisi e l'altra c'è la distimia. ho pianto leggendo questo articolo perchè vedo scritto ciò che sento e questo mi rassicura sul fatto che non sia solo una mia convinzione. avrei gradito dei consigli erboristici da abbinare alla terapia farmacologica.

La distimia fa vivere male

purtroppo e una vita che vivo con questo problema .SI VIVE MALE MALISSIMO quando diminuisce sto molto bene almeno penso.VIVO PERO CON LA PAURA CHE RITORNI. Ora dopo 9 mesi con Deniban 50mg sono come detto migliorato.Sto ritornando al lavoro speriamo che riesca ad affrontarlo e tornare a casa la sera contento, sperando di avere la forza di riaffrontarlo la mattina successiva alzandomi con forza.E DURO MA DOBBIAMO FARCELA PER TUTTI COLORO CHE CI STANNO A FIANCO .Il lavoro e secondo me la cosa piu importante per considerarsi utili anche se purtroppo non sempre si riesce ad essere lucidi che fatica la sera. Tutto cio che o letto e vero ciaooooooooooo

Il toccasana per la distimia

Un ottimo aiuto è il DENIBAN 1 compressa da 50mg preso alla sera per circa due mesi, poi per un mese si dimezza la compressa e si inizia al mattino con ELOPRAM con 4 gocce e dopo una settimana con 8 gocce. Il mese dopo il deniban solo mezza compressa una sera si e una no per 15 gg. e poi stop. Si continua con ELOPRAM al mattino fino a 10 gocce per 6 mesi. Per me è stato un toccasana.

Ho 37 anni appena compiuti. Ho iniziato a soffrire di ansia almeno 11 anni fa, a causa di vari cambiamenti lavorativi e la morte di mio padre forse alla età di 17.prima nervosismo sul lavoro che si è poi scatenato in disturbi psicosomatici.forte dolore alla schiena e stanchezza cronica. La faccio breve,dal 2004/2005ho iniziato a prendere antidepressivi e ansiolitici,è la qualità della mia vita è peggiorata, difficoltà nelle relazioni sociali,in generale.ci si sforza ma il problema rimane.a sprazzi ho cercato di fare della psicoterapia.attualmente da febbraio ho ripreso,un po meglio sto cercando lavoro. Ogni 2 mesi mi vedo con una d.ssa del CPS del mio paese che mi da indicazioni o consigli sulle possibili variazioni dei farmaci.detto questo credo che per chi ne soffre sia difficile trovare la forza di sforzarsi ogni giorno sia x alzarsi sia per avere stimoli e x chi lavora riuscire a mantenere un equilibrio,almeno per me in qti anni è stata dura,speriamo che le cose vadano meglo...non ne sono così convinto..credo che soffriro' per sempre di distimia o di come si chiama qto tipo di patologia e credo che non potro mai godere pienamente dei momenti di serenità che le situazioni di vita possono offrirti ogni tanto..un saluto a tutti!

Lascia il tuo commento: