Dolore al seno in allattamento

Durante l'allattamento si può manifestare il dolore al seno che va e viene oppure continuo, quindi la domanda più comune sarà " dolore al seno cosa può essere ?" Alcune donne avvertono, di tanto in tanto, un dolore al petto, un dolore al seno o ad entrambi i seni. Durante il periodo dell'allattamento, la donna può doversi confrontare parallelamente col dolore al seno e le cause generalmente possono essere facilmente riconosciute, e quindi iniziamo proprio da esse.

Possibili cause del dolore al seno durante l'allattamento:

Per iniziare, il dolore al seno durante l'allattamento può esser causato da un riflesso di emissione del latte. Questo perché in tale circostanza viene esaltato un ormone, l'ossitocina, la quale ha il compito di stimolare le cellule muscolari del seno che spremono il latte.

L'ossitocina viene rilasciata nei primi giorni ogni qual volta viene allattato il bambino al seno ed alcune donne asseriscono di aver notato alcune perdite dal seno in presenza di questa condizione.
Il riflesso di emissione del latte si presenta con sintomi diversi da soggetto a soggetto. Infatti alcune donne possono presentare un formicolio, oppure una certa pressione, oppure ancora un leggero dolore mentre in altri soggetti la sintomatologia è pressoché assente.
Una seconda ipotesi che causerebbe il dolore al seno in allattamento, è la produzione di elevate quantità di latte oltre la norma.
Alle volte una donna che presenta questo tipo di produzione di latte sviluppa forti fitte dolorose al seno, tuttavia è una condizione che generalmente scompare nell'arco dei primi tre mesi di allattamento al seno. Inoltre è importante sapere che se il bambino durante l'allattamento al seno assume un contatto corretto con lo stesso, la produzione del latte sarà normalizzata automaticamente  coincidendo con i momenti nei quali si dovrà nutrire il bambino.

L'infezione come causa:

Anche una comune infezione fungina e cioè il Mughetto, può svilupparsi dando vita ad un dolore al seno durante l'allattamento. L'infezione può presentarsi sia nella bocca del bambino sia sui capezzoli del seno della donna. Ciò è causato dall'ambiente umido, caldo e zuccherino della bocca del bambino che durante l'alimentazione entra inevitabilmente in contatto con il seno della donna generando tale infezione. Occasionalmente, quindi, può accadere che si inserisca nei condotti lattiferi, i canali attraverso i quali scorre il latte materno, sviluppando perciò l'infezione e causando un dolore al seno mentre si allatta.
La durata è parallela al periodo della nutrizione però tende a peggiorare anche successivamente. In ogni caso è assai improbabile contrarre questo tipo di infezione che causa il dolore al seno durante l'allattamento, ma nell'eventualità che ciò accada è opportuno farsi visitare da un medico specialista.

Dopo il parto:

Un'ulteriore causa del dolore al seno in periodo di allattamento deriva da una grande affluenza di latte nei primi giorni successivi al parto. Accade quindi che vi sia una maggiore circolazione del sangue verso il seno gonfiando i tessuti dello stesso, portando perciò ad un rigonfiamento del seno, ad una sensazione di caldo e di dolore.

Le cellule che producono il latte in questo caso si gonfiano, ma è una circostanza del tutto normale proprio perché l'organismo della donna si prepara all'allattamento rendendo sicura l'alimentazione del bambino con la produzione abbondante di latte. Successivamente, una volta che il bambino inizia l'allattamento, il seno regolerà automaticamente il fabbisogno nutrizionale e il disagio generato poco dopo il parto svanirà di volta in volta.

L'infiammazione del seno, la Mastite:

Nel caso, invece, vi sia la crescita di un'infiammazione del seno, la donna sviluppa una condizione dolorosa chiamata Mastite.
Accade cioè che il latte in eccesso viene espulso fuori nel tessuto mammario, dando una colorazione rossa al seno e facendo cadere la donna in uno stato febbrile. L'allattamento in questo caso può essere tranquillamente continuato a condizione che via sia un immediato trattamento da parte di un medico.
Cosa fare, come comportarsi.
Di fronte ad un dolore al seno durante l'allattamento, è però opportuno sapere cosa fare e come comportarsi.
Per esempio, se il seno presenta produzioni di latte oltre la norma, il bambino non riuscirà mai ad attaccarsi correttamente al seno e quindi a non nutrirsi completamente del latte. Perciò si deve procedere accompagnando il bambino al seno delicatamente con una mano sino a quando non sarà in grado di assumere una posizione comoda e corretta per l'allattamento.
Se però il bambino tende a staccarsi è utile conoscere un paio di mosse che potrebbero aiutare la donna a risolvere alcune problematiche relative al seno, come in questo caso, il dolore al seno.
Bisogna perciò iniziare col posizionare il bambino al seno come al solito, nel caso vi sia un riflesso di emissione del latte interrompere delicatamente l'aspirazione e “catturare” il latte in uscita con un asciugamano.
Il bambino dovrà essere interrotto dall'allattarsi quando il flusso del latte rallenterà un po', in ogni caso quando riuscirà a mantenere un'attaccatura adeguata l'alimentazione al seno si stabilizzerà e diverrà più confortevole. Ovvio che prima si porrà rimedio a tale condizione prima si riuscirà a debellare il dolore al seno durante l'allattamento.

Quando è opportuno chiedere il consulto medico?

Nei casi ove il bambino ha difficoltà ad entrare in contatto correttamente col seno durante l'allattamento e le soluzioni sopracitate non hanno raggiunto lo scopo desiderato è auspicabile l'aiuto del medico curante, dell'ostetrica o di un ginecologo.

Informazioni relative al dolore al seno durante l'allattamento.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo dolore al seno in allattamento

Dolore al seno mentro allatto il mio secondo bimbo

ho partorito da 3 settimane il mio secondo bimbo,e oltre ad avere una forte infiammazione al capezzolo (non sono ragadi) è solo tutto rosso e dolorante,il mio latte va e viene da diversi gg. capita ke la sera ci sia e dopo qualke ora nn ne esca sapete dirmi da cosa è dovuto? col primo figlio nn ne ho avuti di questi problemi

Lascia il tuo commento: