Eclampsia gravidica: Pressione alta in gravidanza

La pressione alta durante la gravidanza è un disagio abbastanza comune per una percentuale elevata di donne.

Pressione alta in gravidanza? Quali sono i sintomi le cause? Cosa fare? Una donna su 10 in gravidanza può sviluppare l'ipertensione accompagnata dalla comparsa di proteine nelle urine (proteinuria) ed una quantità eccessiva di liquidi nel corpo (edema). Il tutto di solito non è riscontrato prima del sesto mese di gravidanza, ma in ogni caso solo 1 donna su 100 potrà riscontrare una forma grave di questa complicazione della gravidanza. La Pre-eclampsia, inoltre, può verificarsi anche fino ad una settimana dopo il parto del bambino.

Eclampsia gravidica: Pressione alta in gravidanza

Pressione alta in gravidanza

Quali sono le cause della eclampsia?

Non è ancora noto perché alcune donne sviluppano l'alta pressione sanguigna durante la gravidanza. Alcune condizioni pre-esistenti aumentano il rischio di sviluppare l’ipertensione.

Le cause più comuni della pressione alta in gravidanza sono:

  • Prima gravidanza
  • Diabete
  • Ipertensione essenziale (pressione alta prima della gravidanza)
  • Malattie renali croniche
  • Gravidanze precedenti colpite dalla pre-eclampsia
  • Parto Gemellare.

Quali sono i sintomi classici della Eclampsia gravidica?

Ipertensione (pressione alta)

A meno che la pressione sanguigna non sia molto alta, una donna non sarà consapevole del fatto che sia aumentata. In particolare, come regola generale, una pressione arteriosa superiore a 140/90mmHg in gravidanza è considerata ancora nella norma. Una pressione molto alta deve risultare maggiore di 170/110mmHg.

Mal di testa

Inoltre, dei sintomi abbastanza evidenti sono il mal di testa e la comparsa delle luci lampeggianti davanti agli occhi. Per cui, la misurazione della pressione sanguigna di una donna è una parte essenziale di ogni visita clinica prenatale.

Altri sintomi

Per quanto riguarda, le proteine nelle urine, questa patologia viene rilevata dal medico o dall’ostetrica utilizzando un bastone speciale che viene immerso in un campione di urina. Le cause di proteinuria sono, sicuramente, un improvviso aumento di peso insidioso con gonfiore a mani, piedi, viso o altre parti del corpo, anche se la pre-eclampsia è la causa maggiormente dannosa per la madre e il feto. Naturalmente, in gravidanza è normale il gonfiore, ma deve indurre una donna ad avere la sua pressione del sangue e delle urine controllata.

Inoltre, se si riscontra dolore all'addome superiore destro può indicare coinvolgimento del fegato, che in casi gravi può essere complicato da uno squilibrio del sistema di coagulazione che provoca una difficoltà del sangue a coagulare. Mal di testa, affaticamento e dolori all'addome superiore sono tutti sintomi della fase più grave della condizione.

La Pre-eclampsia è spesso suddivisa in lieve, moderata e grave a seconda del livello della pressione arteriosa e del coinvolgimento di altri organi nel processo della malattia. Nel peggiore dei casi, la pre-eclampsia può evolvere in eclampsia, una situazione in cui la madre ha una convulsione.

Fortunatamente, l’eclampsia è rara perché la maggior parte delle donne con pre-eclampsia sono generalmente individuate e trattate prima che l’eclampsia possa svilupparsi. Tutti i sintomi scompaiono dopo il parto e, di norma, la pressione arteriosa e il livello di proteine nelle urine torneranno alla normalità dopo un massimo di due settimane.

I trattamenti per l'eclampsia

Circa il trattamento, sicuramente l'obiettivo primario è quello di monitorare la madre e il feto da vicino. Questo può richiedere il ricovero ospedaliero, anche perché la pre-eclampsia può, in casi gravi, influenzare la funzione placentare e diminuire il flusso di nutrimento e ossigeno al feto, che rallenterebbe la crescita. A tal proposito, i farmaci antipertensivi dei diversi gruppi sono spesso utilizzati per ridurre la pressione sanguigna.

Se la condizione della donna peggiora e il feto è a rischio, l'unica soluzione è quella di partorire o per induzione o eseguendo un parto cesareo. Per prevenire il tutto, è necessario monitorare la pressione arteriosa della donna e dell'urina. Fornire alle donne una piccola dose di aspirina (ad esempio, Nu-sigilli 75mg) per tutta la gravidanza è stata proposta come una misura preventiva, ma la ricerca attuale non supporta questa pratica.

Mentre, l’assunzione di calcio per quanto abbia un beneficio incerto, può essere utile per le donne con un elevato rischio di pre-eclampsia. Degli studi più recenti hanno confermato l'uso di antiossidanti come la vitamina C e vitamina E per prevenire la pre-eclampsia. La ricerca è in una fase iniziale, anche se i primi risultati sono promettenti.

Informazioni relative alla pressione alta durante la gravidanza (fenomeno detto Eclampsia gravidica)

Gravidanza on line

Lascia il tuo commento: