Elettroagopuntura

L'elettroagopuntura è una tecnica conosciuta anche come stimolazione elettroagopunturale e si può affermare che costituisce un campo avanzato dell'agopuntura.

Esistono due metodi nell'elettroagopuntura: nella prima variante i punti dell'agopuntura vengono stimolati con aghi che, tramite elettrodi fissati sugli stessi, trasmettono un debole flusso elettrico; nella seconda variante i punti sono stimolati con una penna che, applicata direttamente sulla pelle, trasmette leggeri impulsi.

Prima di ogni trattamento è necessario sottoporsi a una visita accurata con un medico per escludere i casi "controindicati".

Elettroagopuntura

Elettroagopuntura

In passato l'elettroagopuntura veniva usata come anestetico locale negli interventi di una certa durata; oggi è considerata un ottimo rimedio in caso di forti dolori cronici.

Questa terapia permette di limitare l'uso di medicinali e di ridurre, quindi, il rischio di effetti collaterali che possono seguirne l'assunzione.

Per ottenere l'effetto desiderato, la potenza del flusso elettrico è regolata nel rispetto dei limiti di tolleranza del paziente, che, quindi, non avverte alcun dolore.

L'azione lenitiva del dolore dipende direttamente dalla potenza elettrica emessa, il cui stimolo agisce come anestetico e, nello stesso tempo, come attivatore dei meridiani energetici.

I dolori acuti vengono attenuati con frequenze da 10 a 50 Hz, a bassa intensità e lunga durata, il che rappresenta l'effetto definito dalla medicina cinese Yin.

I dolori cronici dipendono da un disturbo di origine astenica: per tonificare e, quindi, "attivare" il punto corrispondente, sono utilizzate frequenze da 2 a 10 Hz più basse, ma a una più alta intensità, il che rappresenta l'effetto Yang.

Gli impulsi più forti raggiungono le strutture muscolari più profonde e le vene.

Essenzialmente l'elettroagopuntura è indicata nella cura di tutte le malattie per le quali si prevede l'agopuntura tradizionale.

In Cina è una terapia usata principalmente in caso di malattie del sistema nervoso, dei muscoli e delle articolazioni, più raramente in caso di disturbi interni.

In Occidente l'elettroagopuntura viene utilizzata nel trattamento di:

  • dolori cronici dovuti a disturbi degenerativi delle articolazioni e della colonna vertebrale;
  • mal di testa acuti, leggere emicranie, dolori molto forti dovuti a gravi malattie;
  • contratture muscolari, per le quali il massaggio manuale risulta insufficiente;
  • dolori in seguito a operazioni e incidenti, come fratture ossee;
  • coliche;
  • doglie, per stimolarle e favorire il parto;
  • interventi importanti, come supporto all'anestesia.

Trattamento con elettroagopuntura..

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: