Eleuterococco, Ginseng siberiano

Ginseng siberiano,detto anche eleuterococco, viene definita pianta adattogena dalle varie proprietà in quanto in grado, secondo la definizione data a questo termine da Lazarev (1947) e Brekhman (1969), di esercitare un'azione aspecifica sui processi fisiologici con il risultato di innalzare la resistenza fisica contro gli stress ambientali e l'efficienza generale in situazioni di carico.

Eleuterococco, Ginseng siberiano

Ginseng Siberiano

Nome comune: Eleuterococco, Ginseng siberiano
Francese: Eleuthérocoque
Inglese: Eleutherococcus
Famiglia: Araliaceae
Parte utilizzata: radice

Costituenti principali del ginseng siberiano:

  • Glucosidi vari:eleuterosidi A = glucoside del p-sitosterolo eleuterosidi Bl = glucoside cumarinico dell'isofrassidina eleuterosidi C = etilgalattoside eleuterosidi B-D-E = eterosidi del siringasterolo eleuterosidi l-K-L-M ~ derivati dell'acido oleanoico.
  • polisaccaridi.
  • composti fenolici (cumarine, lignani, acidi fenilpropanici).

Attività principali: adattogeno, antistress, antifatica.

Impiego terapeutico: astenia funzionale, ipotensione, convalescenza, attività sportiva.

Curiosità sul ginseng siberiano:

  • Gli atleti russi utilizzarono la pianta durante le olimpiadi di Monaco come anabolizzante non dopante.
  • In passato si riteneva che la pianta fosse in grado di ridurre il tasso alcolico ematico nei bevitori.

Prorpietà del ginseng Siberiano

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: