Emorragia subaracnoidea

Quali sono i sintomi e le conseguenze oltre che il trattamento della emorragia subaracnoidea? Emorragia subaracnoidea detta ESA è un raro colpo cerebrale causato da un sanguinamento che scorre sulla superficie di tutto il cervello, come tutti i colpi l’ emorragia subaracnoidea è un’emergenza medica che richiede un trattamento immediato per prevenire le delle complicanze gravi come i danni cerebrali, la morte.

Questo accidente si verifica nelle arterie che corrono sotto una membrana del nostro cervello, chiamata aracnoide, che è sotto la superficie del cranio.

Emorragia subaracnoidea

Emorragia subaracnoidea

Tre quarti delle emorragie subaracnoidee sono causati da casi di aneurisma (dilatazione dei vasi arteriosi intracranici), per via del sollecitamento della pressione sanguigna. Nel corso dello colpo si manifestano dei deterioramenti al tessuto cerebrale. La riduzione dell’afflusso del sangue (vasospasmo cerebrale) che segue dopo un episodio di aneurisma, può procurare inoltre ulteriori danni, come una perdita parziale delle funzioni del cervello, o addirittura la morte.

Quanto sono comuni questi tipi di emorragie?

Le emorragie subaracnoidee sono rare e responsabili del 5% di tutti i casi di ictus (interruzione della fornitura di sangue nel cervello), che sono i principali motivi di cessazione della vita correlati ai colpi.

Tali incidenti frequentemente più riscontrati nelle persone di mezza età e le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite da essi rispetto agli uomini.

I sintomi dell’emorragia subaracnoidea:

  • improvviso e feroce mal di testa
  • torcicollo (contrattura del fascio muscolare di un lato del collo)
  • offuscamento della vista
  • fotofobia (ipersensibilità alla luce)
  • formicolio facciale
  • vomito
  • cambiamenti di personalità e del comportamento (depressione, apatia, confusione mentale).
  • difficoltà nell’esprimersi (biascicamento).

Talvolta tali avvisaglie sono scambiate per una meningite (infezione degli strati del cervello), in quanto anche questa patologia è caratterizzata da delle cefalee e da rigidità del collo. Anche tale condizione può risultare letale come la citata emorragia: per questo qualora abbiate uno dei summenzionati sintomi, sarà meglio che vi rechiate immediatamente in ospedale. Circa il 30-40% delle persone che hanno avuto un caso di emorragia subaracnoidea ha sperimentato uno stato di incoscenza (parziale, o totale).

Prevenzione delle emorragie

Le emorragie si prevengono:

  • mangiando cibi leggeri, non elaborati
  • evitando il fumo
  • facendosi controllare spesso la pressione arteriosa.

Diagnosi della emorragia subaracnoidea:

Se vi sentite poco bene e riconoscete di avere i succitati indizi, recatevi dal medico: quest’ultimo potrà indirizzarvi verso un’unità specialistica neurochirurgia ( atta a trattare il sistema nervoso, il cervello).

Gli operatori di questo reparto potranno farvi:

  • una tomografia computerizzata (CT): i raggi x permettono di vedere tridimensionalmente il vostro cranio
  • una puntura lombare: se si è verificata un’ ESA ci sarà sangue nel liquido cerebrospinale (chiamato liquor, o cefaloradichiano)
  • risonanza magnetica (MRI): sfrutta i campi magnetici e le onde radio per produrre dettagliatamente le immagini del nostro corpo.

Le scansioni sono usate perfino per rilevare i problemi dei vasi sanguigni

  • doppler: serve per monitorare il flusso di sangue nel cervello
  • un’arteriografia delle carotidi (quando sospettano un caso di embolia cerebrale).

Trattamenti e terapia contro l'emorragia subaracnoidea:

Dopo un caso di aneurisma cerebrale si verifica il vasospasmo: per evitare che questo causi ulteriori danni alla testa, il malato dovrà prendere la Nimodipina per tre settimane.

Intervento chirurgico per l'emorragia subaracnoidea:

1. Il neurosurgical clipping è una procedura che viene effettuata in anestesia generale. Il neurochirurgo inciderà il cuoio capelluto e rimuoverà un piccolo lembo di tessuto osseo per esporre il cervello di sotto (enterico). Lo specialista cercherà l’aneurisma e dopo averlo trovato lo sigillerà con una piccola pinza a molla di titanio (clip). Poi rimpiazzerà il lembo di tessuto danneggiato e procederà a richiudere lo scalpo.

2. L’ Avvolgimento endovascolare - L’avvolgimento endovascolare è un procedimento che coinvolge un piccolo tubo di plastica (o catetere), che viene inserito in un’arteria della gamba, o all’inguine. Il tubo viene guidato attraverso una rete di vasi sanguigni nella tua testa ed infine raggiunge l’aneurisma.

3. Le spirali in platino - Le spirali in platino sono delle bobine che sono fatte passare con un tuo nell’aneurisma. Esse bloccano il flusso del sangue dell’anerurisma e così si evitano altre emorragie.

Qualora uno delle suddette operazioni non possano essere praticate al paziente (perché via del suo stato di salute), l’esperto gli prescriverà a vita degli anticoagulanti.

Emorragia subaracnoidea (sintomi, diagnosi e trattamento)

Malattie

Lascia il tuo commento: