Equiseto: Coda cavallina

Quali sono le proprietà e controindicazioni dell'equiseto? La pianta di equiseto o coda cavallina serve per varie cose, poichè ha numerose proprietà officinali curative e benefiche, come molte altre piante che pervenuteci dalla tradizione popolare, dopo accertamenti basati su prove biologiche e sperimentazioni cliniche sono passate a far parte della farmacopea odierna. Altre piante tuttavia pur avendo tradizioni antichissime, sono rimaste di dominio esclusivo della medicina popolare e fra queste l'Equisetum.

Equiseto, Coda cavallina

Equiseto (Proprietà equiseto)


La pianta di Equiseto:

Nome comune: Equiseto; Coda cavallina
Francese: Prèle
Inglese: Horsetail

Famiglia: Equisetaceae
Parte utilizzata: cauli


Costituenti principali equiseto:

  • sostanze minerali (15-20%): 5-8% acido silicico*; sali di potassio
  • saponosidi
  • flavonoidi; steroli
  • acido ascorbico e acidi fenoli: acidi cinnamici, acidi dicaffeiltartrici...
  • alcaloidi tracce.


Attività principali dell'equiseto:

  • diuretica-emopoietica-emostatica;
  • ri mineralizzante;
  • astringente, rassodante ed elasticizzante per uso esterno.


Impiego terapeutico della coda cavallina:

  • anemie secondarie;
  • fratture, osteoporosi,
  • forme reumatiche unghie e capelli deboli;
  • durante l'accrescimento; arteriosclerosi.

Uso esterno: pelli grasse e tendenzialmente seborroiche, piaghe, emorroidi ecc.

Usato nell'antichità per la sua azione diuretica ed emostatica, solo all'inizio nel nostro secolo venne valorizzato e preso in considerazione, sia dal punto di vista clinico che farmacologico, confermando così la sua triplice azione diuretica- emostatica-rimineralizzante.

La pianta è assai usata in cosmetologia per la prevenzione delle rughe, dell'invecchiamento cutaneo e contro la cellulite.


Curiosità sull'equiseto:

  • «Produce questa, quasi nel nascimento suo, un certo germoglio grosso e tenero, simile a una ghianda, il quale chiamano i nostri maremmani Sanesi Paltrufali, usati da loro nei cibi la quaresima, prima cotti lessi nell'acqua, e poi infarinati e fritti nella padella in cambio di pesce.» Così scrive P.A. Mattioli, medico senese del 1500, nel suo Erbario a proposito dell'Equiseto.
  • Vogel (Materiae medicae, 1760) fedele agli usi e costumi nordici, consiglia il decotto in acqua o birra nei casi di emorragia. A proposito del decotto conclude affermando che «lo stesso, con aggiunta di burro insipido e miele è un rimedio popolare e casalingo, ma non per questo da disprezzare, nella nefrite calcolosa».
    Anche Culpeper (1616-1654) consiglia il decotto, preso nel vino, che «provoca l'orina, ed aiuta la pietra e la stranguria».
  • Tabernaemontanus (1520-1590) nel suo New Kreuterbuch consigliava la polvere di Equiseto come rimineralizzante da mescolare nel cibo dei malati [Mereu A., Essere 3, luglio 1986].
  • «Anche esternamente, cotti nell'acqua o nel latte, ed impastati con miele, furono provati utili contro i dolori renali e la stranguria»


Equiseto e possibili controindicazioni ed interazioni con farmaci:

Tal volta specialmente a dosaggi elevati l'assunzione di equiseto può portare a diversi effetti collaterali:

  • Nausea
  • Diarrea
  • Perdita di potassio
  • Aumento della minzione (urinare di frequente)
  • Debolezza muscolare

La pianta di equiseto è controindicata nelle donne in gravidanza, soggetti con disturbi renali ed anche diabete (in tutte le sue forme) ed inoltre non dovrebbe essere assunta in particolare, qualora una persona facesse uso di lassativi e farmaci diuretici.

Proprietà ed effetti collaterali e benefici dell'equiseto

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo equiseto: Coda cavallina

Coda cavallina

un buon contributo per la conoscenza dei poteri medicali e non della pianta e dei suoi derivati. grazie

Equiseto: Coda cavallina

Articolo estremamente utile

Assumo equiseto per rinforzare le ossa in menopausa

L'ho iniziato a prendere dopo la menopausa per rinforzare le ossa.
Sembra che funzioni.

Lascia il tuo commento: