Equisetum o coda di cavallo

L'Equisetum o equiseto è un genere di pianta vascolare Pteridofita appartenente alla famiglia delle Equisetaceae, conosciuta comunemente come "coda di cavallo".

La coda cavallina o equiseto è una erba dalle proprietà curative da ritenersi tra gli organismi più antichi della Terra, in quanto il ritrovamento di resti fossili di alcune specie dell'ordine delle Equisetales indicano che erano piante diffuse già alla fine del Devoniano (395 – 345 milioni di anni fa). Dal punto di vista filogenetico sono piante più primitive delle angiosperme, infatti sono senza organi sessuali distinti, si propagano e si riproducono per mezzo di spore. Al genere Equisetum appartengono circa 20 o 30 specie (a seconda dei vari autori), delle quali una decina sono proprie della flora italiana.

Equisetum o coda di cavallo

Equisetum

Caratteristiche dell'equisetum

Le parti fuori dalla terra sono utilizzate per preparazioni mediche. L’equiseto viene utilizzato per la "ritenzione di fluidi" (edema), i renali, i calcoli alla vescica, le infezioni del tratto urinario, l'incapacità di controllare la minzione (incontinenza), e disturbi generali del rene e della vescica. E' anche usato per il trattamento della calvizie, della tubercolosi, dell’ ittero, dell’epatite, della fragilità delle unghie, della gotta, dell’artrosi, della debolezza delle ossa (osteoporosi), del congelamento, della perdita di peso; è anche molto efficace nei pesanti periodi mestruali e nei sanguinamenti incontrollati (emorragie), del polmone,  naso, o allo stomaco.  L’equiseto viene applicato direttamente sulla pelle per curare le ferite e ustioni. Ci sono state segnalazioni di prodotti a base di equiseto contaminate da una pianta chiamata chiamata “Equisetum palustre”. Questa pianta contiene sostanze chimiche che possono avvelenare il bestiame, ma la tossicità nelle persone non è stata provata.

L’equiseto ha un fusto articolato e cavo, con piccole sporgenze, ciascuna delle quali è definita Pteridophyte, il che significa che non fiorisce e non produce semi, ma produce un "strobilo" nella parte superiore del tronco e si diffonde tramite piccole spore.

L’equiseto si può trovare in tutto il mondo, soprattutto in zone umide. Fiorisce in climi tropicali e temperati. E 'abbastanza facile da coltivare. Può essere facilmente diffuso. Anche se tollera l’umidità (e non la siccità), l’equiseto non gradisce di essere completamente sommerso nell’acqua per lunghi periodi di tempo. Può essere utilizzato in giardini ornamentali, specialmente attorno piscine.

L’equiseto viene raccolto in alcuni luoghi, e talvolta usato per la lucidatura dei mobili. La pianta non deve essere mangiata senza adottare alcuna precauzione, perché contiene silice. Tuttavia, può essere usata con parsimonia in alcuni rimedi a base di erbe, di solito sotto forma di Equisetum arvense, che è considerata la forma più adatta agli esseri umani. E' utilizzato in molti integratori per aiutare il controllo della pipì a letto (o enuresi notturna). È anche usato per trattare l'osteoporosi, i calcoli renali, le infezioni delle vie urinarie e le ferite. Si può trovare anche in molti cosmetici e shampoo.

Le persone che si affidano all’equiseto come rimedio devono assumerlo con molta cautela e sotto controllo medico. Le persone affette da disturbi cardiaci o renali non devono assumerlo come integratore. Esso può anche interagire con i farmaci, per cui, anche in questo caso, dovrebbe essere prima di tutto consultato un medico, in particolare quelli specializzati sui rimedi naturali.

Altri nomi dell’equisetum (in base al Paese in cui si trova)

Bottle Brush, Cavalinha, Coda Cavallina, Cola de Caballo, Common Horsetail, Corn Horsetail, Dutch Rushes, Equiseti Herba, Equisetum, Equisetum arvense, Equisetum hyemale, Equisetum telmateia, Field Horsetail, Horse Herb, Horsetail Grass, Horsetail Rush, Horse Willow, Paddock-Pipes, Pewterwort, Prele, Prêle, Scouring Rush, Souring Rush, Shave Grass, Shavegrass, Spring Horsetail, Toadpipe.

Utilizzo e vantaggi dell’equiseto cosa cavallina:

L’equiseto è una pianta è ricca di silicone naturale, un abrasivo naturale. E’ poco apprezzato, ma è un minerale importante per una buona salute e contribuisce anche alla salute delle ossa, delle cartilagini, dei tendini e del tessuto connettivo. L'uso primario della pianta, tuttavia, è sotto forma di diuretico, poiché stimola delicatamente un aumento del flusso urinario, ed aiuta ad eliminare i batteri infettivi, tramite lo svuotamento della vescica, senza alterare l'equilibrio di elettroliti del corpo. La forma in polvere dell’erba è il rimedio migliore quando ci sono pochi elettroliti nel corpo. E' anche in fase di studio un eventuale utilizzo della pianta come trattamento per l'età avanzata, nei casi di deterioramento della memoria.

Equiseto: modalità di utilizzo

Equiseto per l’osteoporosi - Alcuni ricercatori francesi sostengono che il silicio, contenuto nell’equiseto, potrebbe contribuire a prevenire l'osteoporosi e accelerare la guarigione delle fratture. Si consiglia di assumerlo come un tè, una o due volte al giorno.

Equiseto con effetto emmenagogo - Oltre ad essere utile per i problemi renali e della vescica, un decotto forte agisce come un emmenagogo, essendo raffreddante e astringente, ed è di efficace nelle emorragie, nelle ulcerazione cistiche e nelle ulcere delle vie urinarie.

Equiseto con effetto diuretico - Si tratta di un lieve diuretico che funziona senza intaccare gli elettroliti nel corpo, in modo da non alterarne l’equilibrio.

Effetti collaterali e controindicazioni dell’equiseto:

Nell’assumere la polvere di equiseto per il suo effetto diuretico, assicuratevi di bere molta acqua in più del solito per averne il massimo beneficio. Evitare l’assunzione se ci sono calcoli renali. Non assumete  l’equiseto se siete sotto cura con un ACE-inibitore per la pressione alta o se soffrite di insufficienza cardiaca congestizia, poiché la combinazione di erbe con il farmaco può causare un eccessivo accumulo di potassio. L’uso non è raccomandato durante la gravidanza

L’equiseto può essere pericoloso se assunto per via orale a lungo termine. Esso contiene una sostanza chimica chiamata tiaminasi che rompe la vitamina tiamina, provocandone una grave carenza. Alcuni prodotti sono etichettati come "tiaminasi-free", ma non esistono abbastanza informazioni disponibili per sapere se questi prodotti sono sicuri.

Speciali avvertenze e precauzioni:

Gravidanza e allattamento: Non si sa ancora abbastanza circa l'uso di equiseto durante la gravidanza e l'allattamento. Stare sul sicuro ed evitare di usare ogni rimedio a base di equiseto.
Diabete: L’equiseto potrebbe abbassare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete. Attenzione ai livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia) e controllare lo zucchero nel sangue se si ha il diabete e si usa l’equiseto.

Bassi livelli di potassio (ipopotassiemia):  L’equiseto potrebbe portare ad un’eccessiva eliminazione di  potassio da parte del corpo. Fino a quando non si saprà di più, bisogna utilizzare l’equiseto con cautela se si è a rischio di carenza di potassio.

Bassi livelli di tiamina (carenza di tiamina): Vi è una fondata preoccupazione che assumere l’equiseto in condizioni di carenza di tiamina potrebbe recare danni peggiori.

Come usare l’equiseto?

Metodi di preparazione e dosaggio: di solito nel tè, nelle tinture e sotto forma di capsule.
L'equiseto contiene silicio di cui possono beneficiare le ossa e potrebbe aiutare a prevenire l'osteoporosi e accelerare la guarigione delle fratture. Selenio e silicio, possono contribuire a promuovere la circolazione del cuoio capelluto, e come risultato, possono aiutare a prevenire la perdita dei capelli. L'uso primario dell’erba, come già scritto, è come un diuretico per l'edema e le infezioni della vescica. L’equiseto riduce le irritazioni delle vie urinarie, che possono portare ad incontinenza.

L’equiseto può essere preso da solo, ma è spesso combinato con altre erbe per potenziare i suoi effetti. Un esempio di suggerimenti: si potrebbero mescolare equiseto, radice dell’Uva Oregon, radice di marshmallow e ortica, per ottenere un ottimo rimedio per il sistema urinario e per la salute delle ossa.

Per fare il tè all’equiseto: portare ad ebollizione l’acqua, aggiungere l’equiseto e poi cuocere a fuoco lento per un minimo di tre ore, utili ad estrarne i costituenti chimici principali. Aggiungere un cucchiaino di zucchero. Lo zucchero aiuterà ad “attirare a sé”  ancora più silicio fuori dalla pianta.

Interazioni con i farmaci e conclusioni finali

Siate molto cauti con le combinazioni di equiseto e farmaci o equiseto ed erbe. Per esempio, se si assume il litio, l’equiseto potrebbe avere un effetto simile a un diuretico. Se si assume anche l’equiseto si potrebbe ridurre la capacità del corpo di liberarsi dal litio. Questo potrebbe aumentare la quantità di litio è nel corpo e causare gravi effetti collaterali. Parlate con il vostro medico di fiducia prima di utilizzare questo prodotto, perché la dose di litio potrebbe aver bisogno di essere cambiata. Ci sono anche interazioni con le erbe e gli integratori, per esempio nel caso dell’areca.  Equiseto e areca insieme rischiano di portare ad una riduzione della quantità di tiamina che il corpo deve utilizzare.

Consultate sempre il vostro medico di fiducia prima di apportare qualsiasi cambiamento nella cura a base di equiseto!

Consigli e considerazioni dedicate alla pianta equisetum.

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: