Esaurimento nervoso

"Esaurimento nervoso" anche se è il più delle volte utilizzato impropriamente è un termine che indica in modo essenziale uno stato fisico caratterizzato da sintomi quali nevrosi, stanchezza, astenia, difficoltà a relazionarsi con altre persone, irritabilità ed instabilità emotiva.

L' esaurimento nervoso è un problema dai sintomi fisici e mentali e dalle cause conosciute e studiate dalla medicina sia antica che moderna, l'esaurimento nervoso è un problema emotivo comune a molte persone che con il passare del tempo tende a manifestarsi con maggior frequenza in tutto il mondo coinvolgendo un numero sempre più frequente di soggetti. Si può definire anche come attacco di ansia che mette “sotto-sopra”, anche in modo improvviso e senza motivo apparente, la vita quotidiana di un soggetto.

Esaurimento nervoso

Esaurimento nervoso


Cause biologiche dell'esaurimento nervoso:

L'errore relativo al termine esaurimento nervoso che spesso viene fatto da molti, consiste nel pensare che la parola esaurimento nervoso sia collegata ad una presunta esauribilità delle singole cellule nervose che si instauri dopo continui e notevoli sforzi psichici, invece non è cosi in quanto queste cellule non possono fisiologicamente esaurirsi indi per cui, tutti i disturbi dell'esaurimento nervoso hanno un'origine esclusivamente psichica. La causa di un esaurimento nervoso è solitamente una risposta eccessivo stress dal corpo. Essi possono anche derivare da uno squilibrio chimico di neurotrasmettitori, sostanze che cervello controllo e segnalazione nervo. Esaurimenti nervosi può capitare a chiunque, ma è più probabile se avete una storia personale di disturbi d'ansia, o se si sta vivendo un periodo di forte stress nella vostra vita.


Primi sintomi dell'esaurimento nervoso

Essenzialmente il termine esaurimento nervoso è un insieme di lettere spesso impropriamente usato per definire uno stato di nevrosi tipicamente caratterizzato da sintomi quali:

  • costante senso di stanchezza
  • periodi di astenia
  • irritabilità
  • instabilità emotiva
  • comportamento atipico
  • preoccupazione
  • nervosismo
  • paura
  • ansia
  • stress

Altri sintomi possono essere:

  • tachicardia
  • sudorazione
  • pianto
  • tremori
  • tensione
  • mancanza di respiro
  • vertigini
  • nausea e vomito
  • insonnia
  • etc.


Sintomi fisici dell'esaurimento nervoso:

Uno dei sintomi principali dell'esaurimento consiste nel senso di stanchezza pregnante che in ogni esaurimento nervoso è spesso accompagnata da episodi di scoraggiamento unito a depressione, ansia ed eccessive preoccupazioni relative ad ogni piccola cosa o compito da svolgere. Solitamente in questo frangente il soggetto colpito è facilmente irritabile e per questo tende ad avere frequenti contrasti con le persone che gli stanno vicine e può manifestare il suo disagio con innalzamento del tono volare oppure con crisi di pianto. Un altro sintomo fisico frequente consiste nel mal di testa che può essere in varie forme ed oltre a questo possono sopraggiungere anche altre problematiche a carico di vari apparati del corpo (apparato digerente, apparato cardiovascolare, apparato genitale) :

Attenzione comunque alla valutazione dei sintomi in quanto potrebbero indicare una condizione anche grave e pertanto si consiglia sempre e comunque un consiglio medico  e/o un’assistenza sanitaria immediata al pronto soccorso per avere nell’immediato i primi consigli e suggerimenti di aiuto e sostegno.

Esaurimento nervoso e varie teorie:

Le teorie degli esperti in merito all'esaurimento nervoso, sono numerose ma le più comuni, riconosciute ed utili a spiegare questa grave problematica convergono nella tesi che l'esaurimento nervoso sia una sorta di rifugio durante la fuga del soggetto dai conflitti emotivi che lo angustiano e questa tendenza a scaricare le tensioni in modo diverso a seconda del soggetto, causano le problematiche esposte.


Terapia di cura contro l'esaurimento nervoso:

Per la cura di questa problematica, solitamente il medico dopo un’attenta diagnosi ed a seconda dei livelli di gravità accusati del paziente prescrive farmaci appositi uniti ad una adeguata alimentazione oltre ad un periodo di riposo e sessioni di terapia per aiutare il paziente ad esporre le problematiche e trovare una soluzione per uscirne da esse. il primo trattamento per la cura dell’esaurimento nervoso è certamente il cambio più salutare dello stile di vita della persona afflitta da esaurimento, come ad esempio metodi di rilassamento psico-fisico e migliorare la qualità e la quantità di sonno.

Rimedi per ridurre l’esaurimento nervoso

Alcuni rimedi per ridurre l’esaurimento nervoso da associare alle cure mediche e le terapie consigliate dal medico sono semplici consigli come ad esempio:

  • ridurre la caffeina e la teina
  • fare del regolare esercizio fisico
  • fare dei corsi di gestione dello stress
  • imparare le tecniche di rilassamento
  • regolare il ciclo del sonno

Inoltre si possono prendere in considerazione dei trattamenti complementari come agopuntura, yoga e massoterapia.


Alimentazione per esaurimento nervoso

L’alimentazione non deve essere sottovalutata per un valido aiuto contro l’esaurimento nervoso e la depressione. Gli alimenti che possono innalzare i livelli di seratonina (sostanza chimica rilasciata dal cervello) sono da consumare con una frequenza molto limitata perché possono dare forti squilibri di umore.

Tra gli alimenti da evitare si devono tenere presente:

  • cioccolato,
  • caffè,
  • dolci e biscotti,
  • alcolici,
  • etc.

Gli alimenti top per essere considerati ottimali contro esaurimento e depressione invece sono:

  • carne
  • pesce
  • fagioli
  • pollo
  • banane
  • uova
  • carboidrati (anche pasta e riso integrali)


Rimedi naturali contro l’esaurimento nervoso

Anche la natura può contribuire ad aiutare nei rimedi contro l’esaurimento nervoso, sempre sotto consiglio medico, ed alcuni esempi di tali rimedi sono:


Omeopatia per esaurimento nervoso

L’omeopatia può essere un aiuto nei casi più lievi ed il rimedio omeopatico per eccellenza è l’Anacardium orientale ottenuto dalla tintura madre del succo essiccato della pianta anonima, la quale presenta qualità benefiche sul sistema nervoso e digerente e può essere associato ad altri rimedi omeopatici come:

  • Phosphoricum acidum,
  • Gelsemium,
  • Kalium phosphoricum


Possibili complicanze derivanti dall’esaurimento nervoso

Le complicanze derivanti dall’esaurimento nervoso non trattate o curate esaustivamente possono portare alla gravità del problema, ecco perché si consiglia sempre un costante controllo medico, sia per essere curati che per essere sostenuti ed incoraggiati positivamente. Alcune possibili complicanze posso portare all’assenteismo da scuola o lavoro, depressione, ansia, imbarazzo, etc.


Recupero da un esaurimento nervoso

Il primo passo per recuperare e superare un esaurimento nervoso è di accettare e soprattutto convincersi a parlarne con un medico specialista (psicologo o psichiatra) per letteralmente “venirne fuori” ed imparare a gestire la problematica nel momento interessante o eventualmente futuro per evitare tutti disagi e problemi che ne possono derivare.

Molto importante per il recupero ed il sostegno sono i membri della famiglia e gli amici che devono sostenere chi si trova a combattere un esaurimento, soprattutto perché spesso la persona afflitta si rende conto della problematica che la colpisce ma difficilmente riesce ad affrontare e gestire la situazione.

Informazioni e suggerimenti sull'easurimento nervoso.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo esaurimento nervoso

Esaurimento nervoso a 30 anni

Salve, sono un ragazzo di 30 anni. Le spiego il mio caso, in un giorno di gennaio iniziai a sentire sempre piu' stanchezza, a dimenticare le cose fino che la vista inzia ad annebbiarsi, infatti non vedo molto bene nonstante abbia fatto la visita oculistica e mi è stato riferito che l'occhio sta bene, ma io continuo a vedere annebbiato, sono confuso, non riesco neanche più a ricordare le cose che sto pensando in quel momento. Credo sia l'inizio o di un fore esaurimento o sto impazzendo, anche perchè perdo il filo del discorso, sto in un altro mondo, anche in questo momento chiedo scusa ma non riesco ad esprimermi piu bene, cosa devo fare? a chi mi devo rivolgere, voglio un aiuto prima che finisca tutto male... grazie infinite

anch' io non sto bene.......sono esaurita, insomma ho le batterie scariche a furia di dare e fare, non trovo però un indizzio, per poterle ricaricare. ho bisogno di mollare tutto e non pensare per un pò. A volte penso di non uscirne più. adriana

non ho più voglia di cercare, di volere non voglio più niente. Ho lottato una vita solo x niente. ed ora sono senza forze.
Passerà, ma intanto... non ho più il mio punto di riferimento.... che amavo più della mia vita.

ciao a tutti.......non ci sono parole per descrivere cio' che ho dentro ...l'esaurimento e' al massimo ...delusioni ...rabbia pianti e cosi via.di tutto e di piu ..ma la cosa che mi preoccupa tanto e' la sofferenza fisica che io provo quando discuto con qualcuno ...dopo ci sto' eramente male ..non riesco a riprendermi ..soffro tanto e il malessere viene da dentro ...aiutatemi

Ciao a tutti, volevo sapere una cosa molto importante, il mio ragazzo vive a roma mentre io a pavia. Da quando ci siamo messi insieme lui ha messo da parte il lavoro di commercialista e quando gli arrivavano le carte per qualcosa lui le nascondeva e creava pile e pile di carte. Oltre a questo lavoro lui è anche professore di economia e il preside gli ha dato un incarico pesante e quindi è pieno di contatti di persone. Nonostante tutto è anche un volontario nella CRI a roma. Infine c'è anche sua madre che deve essere operata alle mani perché non riesce a muoverle e il mio ragazzo dovrebbe curarla per il fatto che sa molte cose di medicina e molto altro. Tutto questo è pesante e dopo un po di tempo si è messo a lavorare fino all'esaurimento nervoso per via delle scadenze e per il fatto che non riusciamo a vederci da + di 40 giorni mentre ci vedevamo ogni 15 giorni. Lui è in ospedale a penare perchè gli tirano i tendini e i muscoli si induriscono tutti e soffre moltissimo e i dottori gli danno una dose di sedativi dopo che ha avuto quelle crisi. I dottori gli hanno anticipato che uscirà intorno il 20 di questo mese se va tutto bene, io vorrei fare un salto giù per vedere come sta e per sentirlo un attimo si puo o non si puo??... fatto sta, che io lo amo davvero tanto e volevo sapere se per le vacanze poteva venire a Rimini con me (dal 25 al 30 di questo mese perché ormai abbiamo prenotato l'albergo e non possiamo più disdire) per riposare al posto di starsene a casa sua a vedere oggetti che gli ricordano troppe cose come le carte di lavoro e molto altro, per non parlare dei suoi genitori, di suo fratello e di molto altro... e non cè solo quello, avrei deciso di andare ad abitare con lui non solo per tranquillizzarlo ma perché lo amo e vorrei passare la vita con lui... aiutatemi perchè non voglio che degli specialisti dicano al mio ragazzo di mollarmi per il fatto che posso essere uno dei suoi tanti problemi... vi prego sono disperato aiutatemiiii :'(

Ciao a tutti, come qualche mese fa mi ritrovo a cercare su internet una soluzione a questa situazione.
Verso la fine di ottobre primi di novembre ho avuto il primo crollo, dopo visite di ogni tipo sono risultato la persona più sana a livello fisico, nonostante io abbia ormai da tempo disturbi alimentari.
Il medico non ha saputo aiutarmi, ad ogni domanda la risposta è "magari è un periodo di stress".
Bene se questo fosse vero allora diciamo che il mio periodo dura da qualche anno.
Nell'ultima settimana ho avuto le stesse sensazioni che ho avuto quel fatidico giovedì, magari basterebbe poco, magari rilassarsi e staccare potrebbe aiutare, ma so con certezza che tornando a lavoro e a casa le cose tornerebbero come prima. Non voglio cure o risposte a domande che ormai mi suonano famigliari, vorrei solo capire il perché, non tanto la causa (quella penso di averla capita) vorrei sapere perché di questa situazione, perché a molti questa cosa non succede?forse sono io che non sono abbastanza forte?o forse è questo mio modo di fare, trattenere come una spugna e non parlare mai di come mi sento per non dare peso alle mie angoscie?...sono vicino a tutti voi che siete nella mia stessa situazione, spero che un domani ci troveremo a scrivere commenti su quanto sia bello vivere ogni giorno al 100% con la gioia di alzarsi ogni mattina...e spero avvenga presto.
Un abbraccio a tutti.

Credo di avere un esaurimento perchè sono settimane che sto sempre giù di morale, sono sempre stanca, e litigo con tutti, perfino con le persone che mi vogliono bene e che ho più vicine. accuso le persone, mi faccio paranoie per cose assurde, non riesco a trovare un motivo per sorridere, le mie giornate sono tutte uguali, non c'è un diversivo, non c'è una novità.. è come se fossi diventata schiava dell'abitudine e mi sento imprigionata. vorrei che tante cose nella mia vita avessero preso un corso diverso e invece mi sento molto sola ed abbattuta e chi dovrebbe capirmi (il ragazzo che amo più di me stessa) mi lascia sola, sottovaluta il problema, nn ha capito davvero cosa ho e come sto. a volte vorrei sparire dalla circolazione per non far preoccupare chi mi vuole bene, perchè riconosco che vedermi stare così non è piacevole e chi mi vuole bene soffre quanto me purtroppo.. ho bisogno di scappare, di cambiare aria per qualche mese ma sono sotto tesi e non posso mollare tutto. vorrei davvero svegliarmi domani e credere che le litigate degli ultimi tempi e il mio malessere, siano soltanto un brutto sogno..

Ciao a tutti, penso di avere lo stesso problema, sono senza forze, sempre nervosa, non ho voglia di stare in mezzo alla gente, ho crisi di pianto, non me ne importa più di niente. Non sono mai stata felice del mio lavoro e la situazione in casa mia non è delle migliori, vivo ancora con i miei, in più la persona che amavo di più al mondo e che mi dava forza mi ha lasciata, forse perchè i miei problemi ed il mio stato d'animo hanno angosciato anche lui. Dal 6 giugno mi sento vuota, inutile, questa cosa mi ha annullata... Mi sono licenziata dal lavoro per paura di impazzire, oltretutto sono dimagrita, non molto ma calcolando che io sono magra di natura... insomma sto veramente male e l'unica soluzione che vedo in questo momento è quella di allontanarmi. Nell'ultimo anno ho fatto dei progetti per il mio futuro lavorativo, ma questa cosa che mi è capitata (parlo del mio lui, o meglio ex) mi ha distrutta e ho paura di non riuscire a fare quello che avevo in mente, non riesco più a concentrarmi. Non so quando passerà questo malessere.
Sono d'accordo con toy85, spero che un giorno saremo felici tutti di vivere la vita al massimo e ci ritroveremo a commentarlo...
In bocca al lupo a tutti quanti

Salve a tutti, non sono io che ho un problema, ma bensì mio papà, da circa un anno che è sempre serio, triste, immerso nei suoi pensieri, quando si è tutti insieme e lo chiami non ti sente perché sta pensando ai suoi. Ultimamente è molto rabbioso e se la prende con mia mamma che tra l'altro è ammalata, non ride quasi mai neanche quando ci sono i sui nipotini e con loro non gioca. Noi viviamo in campagna e c'è sempre qualcosa da fare fuori, lui non lo fa non ne ha voglia e se lo fà è perché viene spronato e lo fa contro voglia e brontolando. E' molto permaloso non gli si può fare un critica. Personalmente sono molto preoccupata prima di tutto per, ma anche per mia mamma che sta soffrendo molto e per la sua malattia dovrebbe vivere in un ambiente tranquillo.....
che purtroppo non è.!!!
Se qualcuno mi può rispondere. Saluti

anche io ho un figlio che ha incominciato a maggio. Stress, insonnia, stanchezza, un litigio continuo con la gente, in particolare con me. La sera per lui è un inferno, ripete mille ma mille volte le stesse cose, vi prego: datemi un consiglio, grazie!

Ciao a tutti! Leggendo le vostre storie e le vostre situazioni, nella maggior parte mi ci sono vista anche io! Sono una ragazza giovane, nel corso della mia vita ho affrontato situazioni e traumi molto pesanti, non sono mai andata da uno psicologo per cercare di elaborarli, ho sempre fatto tutto autonomamente, è da quando sono piccola che tutta la gente che mi circonda, compresi anche i miei genitori, mi hanno sempre vista più grande di quello che sono e quindi non hanno mai sentito il bisogno concreto di accudirmi, di ascoltarmi, erano loro ad affidare a me tutte le loro paure e tutti i loro insuccessi, si sfogavano e si sfogano tuttora con me, e questo lo fanno anche tutti i miei amici...Ho sempre sopportato lo stress nel migliore dei modi, riuscivo a gestire ogni tipo di situazione al meglio, ma è da un lungo periodo che sto' avvertendo che non ce la faccio più, non sono più in grado di sopportare alcun tipo di stress, anche le situazioni più semplici mi sembrano enormi, complicate, irrisolvibili, e mi incutono una quantità di stress immensa! Sento il mio corpo e la mia mente sempre più stanca, sono apatica, non vedo più un senso in tutto quello che faccio! Ho serie difficoltà a dormire, non riesco mai ad addormentarmi, cosa che prima non mi era mai accaduta, e se dormo lo faccio molto male, in modo molto agitato, e poi di giorno ho grandi difficoltà a svegliarmi! Da poco tempo ho iniziato a soffrire anche di vertigini e di giramenti di testa, crampi muscolari e stipsi.. a tratti ho difficoltà nel respirare, non riesco a fare un ciclo di respiro completo! E' un esaurimento nervoso vero e proprio? E' una nevrastenia? Credo proprio che mi rivolgerò ad uno psicologo, continuare così è insopportabile!

Ciao a tutti.. vorrei esporre la mia situazione attuale.. allora..proprio oggi sono arrivato al limite al lavoro, non è successo nulla di particolare ma ormai sono ossessionato dalla paura; anche solo pensare del dover andare sul posto di lavoro mi crea già forti mal di stomaco, perdita di appetito o emicranie.
Dovuto alle pressioni continue sul mio ruolo di responsabile che ormai ho deciso di lasciare dato le grandi pressioni esercitate nel complesso. non sono stato ancora spostato (lavoro in un supermercato) in reparto o in un ruolo minore dopo un mese dalla mia richiesta; ora sono giunto al limite.. sul lavoro e anche fuori non riesco a comunicare.. non capisco cosa mi blocchi, penso sempre di aver fallito e mi sento scusate il termine una "mxxxa". Ho difficoltà nel prendere sonno e a mangiare ma non sempre perché a volte si presenta il perfetto contrario. Domani vado dal medico e voglio rimettermi.. non mi sento piu me stesso e non riesco a trovare un punto dove appoggiare un piede per rialzarmi.. nulla togliendo alla mia famiglia.. premetto che da bambino ho perso un fratello, all'età di 18 anni i miei si sono separati perché mio padre beveva e mi sono trasferito a circa 60 km con mia mamma e mia sorella piccola; quindi mi sono trovato in città nuova, senza amici, a dover cercarmi un lavoro in un ambiente totalmente nuovo con tutti gli scompensi che si possono avere. spero in una risposta ma soprattutto spero di non essere stato troppo confusionario ma purtroppo rispecchierebbe molto il mio stato attuale. grazie e cordiali saluti
Gianluca

Vorrei sapere solamente dove si può fare una visita per guarire. I sintomi sono uguali a tutti gli altri, solo che considerando che si tratti di una malattia ho paura, ho veramente paura da questa cosa che abbiamo dentro...

salve,sono una donna di 33 anni,una volta erò piena di vita e di voglia di vivere,oggi mi ritrovo sempre stanca,arrabbiata,nervosa,o passato un anno di inferno con dolori strazianti,tutta la parte sinistra mi faceva male, mal di schiena,viso dovuto al fatto che stringevo denti nel sogno ,o fatto mille controlli,e tutto era apposto,risonanze magnetiche ,visita neurologica,prelievo sangue,non o mai presso medicine de nessun tipo,oggi sto decisamente meglio,non sono guarita ma i dolori sono di meno e meno frequenti,con lo yoga o provato un miglioramento notevole,e poi la palestra(corsa,step.etc.)ma ci vuole tanta volontà da parte nostra,provate a cambiare qualcosa,non so,il look,la casa,la cita,il lavoro,il compagno,quello che e piu fastidioso per voi,io o cambiato addirittura paese,oltre che la casa e il lavoro,decisamente si migliora

salve, ho letto l'articolo che mi ha interessata molto e ho deciso di raccontare la mia situazione. anch'io mi sento sempre infelice, stanca, nervosa. scatto per niente, ho terrore di perdere le persone che mi stanno accanto e le stresso, ci litigo e sto male x giorni. mi arrabbio dico quello che non vorrei dire e sto male.e ho un bimbo di 2 anni ma nonostante tutto non riesco a ritrovare la voglia di essere felice che avevo prima.mi sento spenta dentro, stanca.

Salve ho 33 anni vorrei un consiglio e da tanto tempo che mi sento giù non riesco a fare un tubo trovo sempre scuse per evitare uscite lavoro ecc mi mancano le forze non riesco a concentrarmi mi so fatto tante visite cardiovascolare mi so messo holter ecg analisi risonanza al cranio e cervicale aiutatemi consigliatemi che posso fare voglio vivere e non ci riesco sono diventato apatico su tutto grazie cercate di rispondermi ..

buonasera,sono una ragazza di 21anni.Da quando mi sono lasciata con il mio ex ragazzo ho incominciato ad avere dei sintomi strani: nessuna voglia di mangiare, sensi di vomito, attacchi di panico, attacchi d'ansia e tanto nervoso!..
passati mesi continuo a peggiorare...Ad esempio, dopo una lite con la mia amica, sono andata a dormire verso le 11.30 ed al mio risveglio avevo braccia e mani alzate a meta altezza del viso e le mie dita erano tutte piegate strane , come una persona spastica non so come spiegarvi. Non avevo possibilità di movimento e pure formicolio alle mani. quella notte molto faticosa, ho cercato di fare piccoli respiri per mantenere la calma e poter riaprire le dita molto ma molto lentamente e finalmente ci sono riuscita!..Il giorno seguente sono andata dalla dottoressa e mi ha detto che ho le crisi di nervi che penso troppo e per qualsiasi cosa me la prendo.I sintomi presenti sono i seguenti : forte mal di testa, dolori alle mani, crampi, irritazioni corporee, sensi di vomito con schiuma bianca,attacchi di pianto improvvisi, forte dolori al petto,poi ci sono quelli che proviamo dentro al nostro essere che sono ancora di più di quelli esterni che può vedere la gente!. aiutatemi per favore sono ancora giovane, come posso curarmi da questa cosa??..la dott.ss dice che devo solo calmarmi, io ho risposto certo' ma non ci riesco le cose sono peggiorate. aiutatemi vi prego <3

Ciao a tutti. Sono Giuseppe di Roma, ho 29 anni e sono due anni che convivo con lo stress e depressione e vi dico che l'unica cura che esiste per questa malattia e conviverci e avere la forza di svolgere la vita quotidiana con tutte le sintomatiche che uno ha e avere tanta fede perché pregare e appoggiarsi su dio libera aiuta a guarire. Non c'è medicina migliore che avere fede nel signore e combattere con noi stessi. Abbiate fede ragazzi e sarete liberati dal male che avete dentro

E' già qualche tempo che mi trovo nella stessa situazione,non sto bene da nessuna parte nè a casa coi miei bambini, nè a lavoro e ultimamente neanche con mio marito che penso mi lascerà vedendomi sempre scontenta di tutto e in lacrime...voglio tornare come prima ma non riesco non mi rende contenta niente.Sono sicura che presto perderò tutto marito e bambini

Ciao a tutti,io mio chiamo Carmen e sono di Salerno ed ho 29 anni.Bhè,che dire...prima il panico e l'ansia miei fedeli amici da 10 anni e più ormai...poi l'asma (Che a sua volta mi provoca crisi respiratorie)ed ora anche questo senso di morte continuo...questa stanchezza fissa mista ad abbattimento psico-fisico e sonnolenza.Inizialmente pensavo fosse dovuto ad una carenza di ferro e d'anemica avevo subito provveduto con integratori ma ovviamente con scarsi risultati poiché adesso comprendo bene tutto e il mio quadro mi è molto più chiaro.SONO ESAURITA..in tutti i sensi.Dai e dai tutti i giorni i datori di lavoro che ti spolpano fino al midollo un marito che ti rende la vita domestica un'impresa ogni giorno ed un bambino d'accudire e che a sua volta ha bisogno di te al 110 per cento e tu che vai sempre più giù senza che nessuno ti sorregga.SONO STANCA TANTO TROPPO.ma non vorrei mollare così.HELP.

Ecco ci risiamo. Mi ritrovo di nuovo a fissarmi per quello che gli altri pensano di me, come 5 anni fa. Avevo mille idee per la testa, progetti da realizzare, sicura di me stessa ma la gente riuscì a prendere il sopravvento sul mio essere. Non dormivo più, mangiavo ma non prendevo peso, la testa mi scoppiava a furia di pensare, pensare a cose inutili che fino alla fine mi portarono al crollo psicologico. Non sopportavo nessuno, genitori, amici, fidanzato, non sapevo più che giorno era. la testa era veramente uscita fuori da me. ancora non riesco a togliermi dalla testa quel brutto periodo. Quando mi accorsi di essere arrivata a quelle condizioni, con la mia volontà e l'aiuto di quelle stesse persone che odiavo e, soprattutto, senza prendere alcun farmaco riusci ad uscirne anche in breve tempo.
Adesso mi sto accorgendo di provare le stesse sensazioni che mi portarono all'esaurimento, ma non posso assolutamente permettermi di crollare perché ora sono una moglie e una mamma di 2 bimbi piccoli. tra pochi giorni sarà il 2° compleanno della mia piccola e ho intenzioni di organizzarle una mega festa con torta e buffet preparati interamente da me. già da tempo mi sono messa all'opera ma ora che il gran giorno è arrivato, mi sento di non farcela e non voglio assolutamente che ciò accada. voglio riuscire nel mio obbiettivo, sentirmi soddisfatta di me stessa. CE LA FARO'!

Ciao, non sono più una ragazzina i 30 li ho compiuti da un po' ma mi sento addosso 90 anni.Trascorro le giornate tutte uguali con la speranza che non capiti qualcosa di brutto non mi interessa vivere in modo straordinario vorrei solo la normalità. Odio uscire, a volte ne farei proprio a meno e ho la testa sempre tra le nuvole: spesso non ricordo ciò che ho fatto il giorno stesso.Mi sembra che vada tutto male: i miei genitori si sono separati lo scorso anno e mio padre non ha nessun rapporto con noi figli. Ci ha lasciato con un sacco di bugie e tanti debiti.Presto l'attività che gestiva con mia madre andrà in fallimento, vedo mia madre soffrire , mi sento impotente e spesso mi arrabbio perchè non la vedo reagire e sembra che dia la colpa a tutti noi.Io sono sposata, ho la mia vita , il mio lavoro e ho avuto altri problemi di altro genere, spesso sento di non farcela più. Perdo le staffe mi arrabbio con tuttie poi inspiegabilmente me ne pento chiedendo scusa.

salve volevo chiedere: ho mia figlia che ogni tanto ma non spesso si mette a piangere senza motivo gli è successo a scuola e si fa anche mancare l'aria cosa posso fare a solo 16 anni ma lei mi dice che neanche lei si sa spiegare il motivo, io gli chiedo se ha qualcosa che non va e lei mi risponde che non sa manco lei, volevo un aiuto non so come comportarmi. Noi siamo una famiglia tranquilla. Aspetto una vostra risposta di aiuto grazie.

che dire!!!piango dalla mattina alla sera.non riesco più acontrollare le mie emozioni,solo pensare quello che mi è successo divento un rubinetto guasto.il mio pensiero è sempre lo stesso e senza rimedio forse è questo il motivo!essere stata truffata e aver perso tutto ciò che avevo mi manda ko.ditemi che farmaco devo prendere per bloccare tutto ciò e dimenticare tutto,è facile?credo proprio di no.grazie lo stesso!!!

stress ed esaurimento nervoso

buongiorno

tra salute e vita complicata mi sa che sono entrata anche io nel club
e da un po di tempo che mi comporto in modo anomalo oltre i sintomi sopra citati anche io sono depressa poi oltre ai sintomi descritti sopra ho inappetenza doloretti ovunque e reazioni strane soprattutto sul posto di lavoro in compenso ho anche un po di gastrite grazie a dio non piango sempre e finora riesco a trattenere anche xche mi vergogno a farmi vedere in questo stato.il mio problema e che sono operatore call center e mettiamola cosi le due cose non vanno tato d accordo .il problema e che io non reggo lo stress il troppo stress all inizio credevo che i mal di testa fossero e battito accelerato fossero dovuti alla mia cardiopatia e infatti volevo capire se dovevo andare da cardiologo o no

Buonpomeriggio le parole orami nn contano, allora mia madre malata di tumore in fase (quasi terminale a detta dei medici), mio marito nel letto con una gamba rotta completamente dipendente da me....mia suocera operata ad un piede e quindi ach'essa dipandente da tutti 2 cani nessun aiuto.......
Insomma che dire mi par di aver messo in croce Gesù Cristo da Sola.....
Se questo nn è esaurimento nervoso ditemi voi cos'é?
Senza volersi lamentare s'intende.
Buon fine settimana se sopravivvo a questo periodo di merda forse mi faranno santa......
Che Dite?

Esaurimento nervoso e costante senso di stanchezza

Ciao sono Giusy una ragazza di 20 anni e sono di Napoli.. Leggendo questa pagina ho letto molte caratteristiche che mi appartengono tipo costante senso di stanchezza,irritabilità, e instabilità emotiva, mal di testa , e quando mi arrabbio crisi di pianto... Avvolte mi faccio paura da sola perché quando sono nervosa dico e faccio cose da isterica, addirittura quando litigo con persone che ci tengo prego dio per farmi morire per non soffrire più.. Non mi manca niente ma avvolte penso che nessuno mi capisce io ho solo 20 anni e non voglio vivere così.. Questo problema che ho non ne parlo con nessuno perché ho paura che mi prendono per pazza ma io lo so che non lo sono ma ho solo poca stima di me stessa allora mi chiudo in me... Vorrei un aiuto per uscire da questo bruttissimo periodo vi prego rispondetemi ne ho bisogno grazie in anticipo....

Esaurimento nervoso a 18 anni

Salve, mi chiamo Anna e ho 18 anni. Da molto tempo aspettavo che arrivasse il 2012 perché dovevano accadere delle cose molto importanti nella mia vita in quest'anno. Purtroppo però si è rivelato una delusione, soprattutto in estate: per farla breve sono successi spiacevoli eventi (es: lutto di un familiare) che hanno scombussolato me e la mia famiglia. Oltre a questo poi sono successe un sacco di cose che mi hanno stressata, delusa e rattristata. Per un periodo ho cominciato ad avere alcuni sintomi da depressione. In seguito i sintomi si sono accentuati e piangevo quasi tutti i giorni a volte anche senza capire il perché. Ora sono arrivata al punto che basta una piccola goccia che fa traboccare il vaso a farmi letteralmente esplodere a una crisi. Comincio a piangere disperatamente, a volte a urlare, mi dimeno sul letto o sul pavimento, qualche volta mi sono pure tirata qualche schiaffo per rinsavire, ma....(può durare da 5 minuti a mezz'ora, senza contare tutto il resto del tempo che mi serve per tornare calma, succede 1 o 2 volte la settimana).
Spesso quando i miei cari mi parlano per aiutarmi a superare il problema mi chiudo in me stessa e alzo il tono di voce e non collaboro e soprattutto se mi chiedono il perché di tutto questo rispondo che non lo so e non ho idea di come possano aiutarmi. E' effettivamente così, non so cosa mi stia capitando...spesso ho voglia di morire perché la sofferenza della mia mente e del mio cuore è troppo alta. Non ho mai creduto nelle mie capacità. Ho un disperato bisogno d'aiuto...ma nello stesso tempo non voglio farmi aiutare. Cosa devo fare?

Ho l'esaurimento nervoso e non ce la faccio più

anche io non ce la faccio più...sono arrivata addirittura al punto di non sopportare nemmeno più i miei figli di 9 e 5 anni...tante volte vorrei mollare tutto e andarmene...ma poi penso ai miei bambini..penso che l'esaurimento faccia parte ormai della mia vita...non so che fare non mi va mai bene niente...che tristezza

Non è sempre esaurimento nervoso

ragazze,ma non lo sapete cos'è la sindome premestruale? Dà irritabilità,suscettibilità,nervosismi e crisi di riso\pianto immotivate.Siamo donne: vittime degli ormoni!!!

Esaurimento nervoso: si può guarire

salve a tutti,spero che chiunque legga questo commento possa trovare le risposte che cerca. Ho solo sedici anni, ma è come se fossero quaranta, me li sento addosso, dappertutto... Porto ormai avanti da anni uno shock avuto in età praticamente infantile, una situazione in cui mi sono trovata e ci sono andata di mezzo. Ero solo una bambina, come potevo affrontare tutto ciò?Semplice,non lo feci. Tentai di scappare da una situazione più grande di me,ma fallii e mi rinchiusi a guscio in me stessa. Caddi in depressione che avevo solo dodici anni, e la cosa più grave era che la mia vita era diventata (anche per colpa di altri) un vero inferno a tal punto che la morte mi sembrava una dolce culla che mi avrebbe conservato per sempre tra le sue braccia. Mi dissi che dovevo resistere, e giorno dopo giorno, stringendo i denti, sono sopravvissuta. Ma nulla di più. Se mi guardo indietro trovo ben pochi momenti di gioia.Pensavo di esserne uscita da questa depressione, fino a che non incontrai la persona che mi fece ricordare davvero come essere viva! Un pò alla volta mi ha salvato dal baratro in cui,in bilico sulla sua soglia, stavo per cadere. Ma la depressione non l'ho mai sconfitta del tutto,soprattutto perchè con quella persona non c'è stato un lieto fine. O forse farei meglio a dire che con lui non c'è stato un lieto fine a causa di questa stanchezza, questo peso che mi porto dietro da anni e che man mano si è appesantito. Da quel famoso avvenimento non sono stata danneggiata solo io, ma tutta la mia famiglia non è più la stessa. Non smettiamo di prendercela l'uno con l'altro quasi come fanno i cani affamati che bisticciano per un'osso. Pian piano quasi tutto mi è sfuggito dalle mani, ho perso le mie due migliori amiche, quel ragazzo, non ritrovo più una famiglia, e da quando lui non c'è più per me,ho perso anche la voglia di vivere ( e forse la sanità mentale). Mi ritrovo in una vita sbagliata,vissuta in modo sbagliato, e sono in trappola. Non riesco a sfuggirvi nonostante i miei tentativi più ardui,rimango sempre sospesa sulla soglia della vita,nella zona sopravvivenza. Sento di aver perso una parte di me. Mi è stato diagnosticato un'esaurimento nervoso. Io sinceramente sono così stanca e non ce la faccio. Sono ancora giovane e già mi succede tutto questo ed è proprio per tale motivo che devo resistere, ce la devo fare proprio come la prima volta. Ma non ci sarà nessuno ad aiutarmi questa volta. Vuol dire che ce la dovrò fare da sola, per vedere che c'è oltre. Ma anche se avessi veramente lo farei:c'è sempre qualcosa di nuovo da scoprire! Quindi tutti voi, non siete curiosi di sapere che cosa c'è dietro l'angolo? La morte è qualcosa di orribile,ti annulla, ti rende polvere, e molti desiderano divertarvi. Ma sinceramente, io al posto loro sarei più orgogliosa di dire ce l'ho fatta, ci sono riuscita da sola, ho risolto tutto ciò che persone molto più mature di me non riescono a combattere,figurarsi a vincere.

Soffro di esaurimento nervoso da anni e depressione

Salve io e da un po di anni che soffro di esaurimento per vari problemi sono caduta in depressione mi capita ogni tanto un fatto che nn capisco cosa e' incomincio a battere i denti continuamente e poi mi viene da svenire qualcuno mi puo' dire cose' che mi succede?... Credo sia una situazione eccessiva per essere definito esaurimento nervoso semplice.

Speranza a chi soffre di esaurimento nervoso

Brava Chiara, hai donato una luce di speranza a chi in questo momento non la vede, dimostraci che e' possibile , che c'e' sempre qualcosa per cui valga la pena di lottare e di vivere
Grazie

Sono in preda ad un esaurimento nervoso

Anche io purtroppo sono in preda ad un esaurimento nervoso causa: si può vivere sempre con una anziana tutto il giorno x tutto l'anno, anno dopo anno vedo solo e sempre la sua presenza stò crollando !!

Esaurimento nervoso dopo la perdita di mio padre

E quasi un anno che ho perso mio padre e adesso che devo frequentare l ultimo anno per poi diplomarmi ma appena è iniziata la scuola mi sento stanca demotivata preoccupata sto male ma non ho voglia di studiare e di andare a scuola mi viene solo da piangere tutti i giorni a casa non vado piu d accordo con nessuno stavo bene solo con mio padre, lui era la mia luce e adesso mi vedo persa sto frequentando una psicologa ma vedo che il problema non si risolve

L'esaurimento lascia profonde cicatrici

Esaurimento.... parola a me sconosciuta... fino giugno 2012... poi la vita cambia.. non sei piu' capace di fare nulla , ti senti indeciso per ogni cosa,, il mondo del lavoro non ti appartiene più.... voglia di andarmene di cambiare vita ..... ora dopo cinque mesi ........con l'aiuto della psicologa ........ l'ambiente di lavoro ( alla fine decidi di sopportare) posso dire che la voglia di piangere e' scomparsa, stato di ansia in gran parte assente, ma la voglia di abbandonare il lavoro ( 31 anni nella stessa azienda ) e' tanta...spero solo che tra qualche mese possa dire di avere superato questa ...malattia....... certo nella mia testa resteranno delle profonde cicatrici .

Ho tutti i sintomi dell'esaurimento nervoso...

Salve, sono una ragazza di 21 anni. Ho avuto un brutto passato familiare ma adesso ho trovato la mia stabilità... studio, lavoro, amici, una persona al mio fianco. Nonostante questo però ho tutti i sintomi dell'esaurimento nervoso e mi chiedo: Adesso che la mia vita si sembra stabilizzata, perché continuo ad essere infelice?

Mia sorella ha un esaurimento nervoso acuto

Salve, io ho un gravissimo problema, mia sorella è affetta da un esaurimento nervoso molto acuto, è depressa, non crede piu in se stessa la notte non dorme ma guarda la tv, così si addormenta alle 6 di mattina e si sveglia alle 13.00... Se capita che io dico qualcosa x aiutarla tipo di svegliarsi xke dormire fino a tardi non serve a nulla, comincia a gridare, lancia le cose all aria e mi alza le mani a me e tutta la mia famiglia, ho paura vivo nell incubo che possa farci del male, mo' sto ammalando io x questo! Vorrei aiutarla ma non ho idea di cosa fare, lei non lo ammette dice che sta bene e siamo noi i pazzi, ma io non voglio piu vivere nel terrore la voglio aiutare!!

Esaurimento nervoso e nessun appoggio familiare

Non ce la faccio più. Sono mamma single da 10 anni - abbandonata ancora incinta- orfana di mamma e nessun sostegno morale dalla famiglia rimasta...sono 10 anni che cerco di sopravvivere per mio figlio...ma per me non rimane niente...solo doveri...porto avanti questo macigno da troppo e ora stò crollando...ma non trovo nessuno che mi possa aiutare - nemmeno ad ascoltare- tutti presi dai propri bisogni....soffro si ansia -tachicardia - insonnia - sbalzi di umore - stranchezza cronica...ma nessuno mi sente...solo mio figlio sente il mio stato d'animo- tesoro mio!!!! ho tanta voglia di stare meglio..come si fa? ho tante cose fa fare!!!voglio VIVERE non SOPRAVVIVERE

Ho l'esaurimento, piango e penso a tante cose brutte

salve sono una ragazza di 28 anni da circa 6 mesi o quasi un anno ho un pò di esaurimento mi sento nervosa,piango quasi tutti giorni perchè penso tutte le cose brutte che gli altri hanno fatto a me e al mio ragazzo.inoltre è caduto a casa mia il tetto e questa cosa mi stressa un pò.il mio ragazzo non lavora da circa un anno e io non riesco più a dare esami.quando ho esami non mangio non dormo a volte non so come devo fare a superare questo problema. i miei famigliari non mi danno ascolto o almeno mi danno qualche volta un consiglio.ho provato a usare i fiori di bach ma non mi aiutano piango quasi sempre ma cosa devo fare per calmarmi.

Sono depressa, ho perso interessi e mi chiudo in cameretta...

Ho quasi 20 anni e ho perso la mia voglia di vivere. Sono diventata apatica, ho sempre sonno e preferisco chiudermi nella mia cameretta piuttosto che uscire con degli amici. Non sono più felice, ho sempre l'ansia. Ci sono dei giorni in cui mi sento meglio e poi improvvisamente il giorno dopo crollo nuovamente. Sono andata a parlare con una psicologa e lei mi ha detto si tratta di una leggera depressione e di iniziare a fare una cura con i fiori di bach. Ma io non ce la faccio più e alla minima difficoltà crollo. Mi sento senza forze, senza voglia.

Soffro di esaurimento nervoso e sono in confusione.... cosa faccio ?

Salve, sono un ragazzo di 23 anni, purtroppo anche io soffro di esaurimento nervoso, in passato ho avuto una forte crisi di panico e da allora nn so piu che fare, mi porto dietro ansie,paure,insonnia,nervosismo ecc... praticamente mi alzo la mattina circondato da tutte queste sensazioni e arrivo a fine serata che mi sento impazzi'
Sono nella confusione piu totale, come posso rimediare?'

Soffro di malessere generale compresi attacchi di panico...

anche io soffro da 20 anni di ansia malessere generale , prendo da anni limbytril 12,5 alla sera una pastiglia , e durante il giorno , alprazolam 50 mg una o 2 volte ma vedo che non funziona piu e da 2 mesi circa che mi sono cominciati anche attacchi di panico io guido , faccio l autista e fermarsi per strada 2, 3 volte , perche ti sembra di morire parte dalla bocca dello stomaco e finisce alla testa , hai quella sensazione di morire di impazzire , questo periodo che sono a casa sto ancora peggio non sono uscito un giorno di casa tranne per andare al pranzo di natale dal mio secondo fratello, anche con i miei amici non sono uscito una volta dico una volta i farmaci non mi fanno piu nulla !!! e da dire anche che non vado neanche piu dallo psichiatra mi sento rassegnato ho perso mio fratello 5 anni fa e mia madre 2 anni non ho una ragazza convivevo con la mia ex che mi aveva dato molta luce 20 anni fa , e vivevo abbastanza bene ... poi sono stato lasciato dopo 7 anni 3 di convivenza sopra i miei genitori , ho i pensieri peggiori , ma sopravvivo per mio padre ... non so piu cosa fare questa non e vita....

E' esaurimento nervoso ?

Buongiorno sono una ragazza di 33 anni da circa 4 anni sono perennemente triste e stanca sono arrogante non mi sta bene niente e quando faccio l amore con mio marito non mi piace più mi arrabbio per ogni piccola cosa anche con la mia bambina poi vorrei mettermi a urlare e piangere... Io non so se questo è nervosismo ma anche ora che sto scrivendo sto piangendo vi prego datemi una soluzione voglio tornare ad essere la ragazza sorridente e positiva di una volta ....

Grosso esaurimento nervoso

salve... anch'io penso di avere un grosso esaurimento : piango, tremo cosi' forte che nulla mi calma ho caldo freddo , ho angoscia, dolori lancinanti allo stomaco e all'intestino devo continuamente evacuare e spesso svengo.
sono stata portata al pronto soccorso e mi hanno fatto il diazepam .... poi mi ha visto una psichiatra che mi ha prescritto l'en e l'xanax al bisogno..... non trovo miglioramento.... ogni piccola cosa mi sembra una montagna... sono a casa in malattia ... ma sto pesando di rientrare a lavoro.... ho un bimbo di 6 anni . si sta male molto male... domani effettuero' una visita neurologica ... spero di trovare giovamento... mi sento tanto triste.......quest'anno pur troppo me e sono accadute troppe a giugno mia madre ha avuto un'ischemia , a luglio mio figlio ricoverato per febbre convulsiva con elettroencefalogrammi successivi inguardabili....( poi con siena risolto)... poi l'ho operato di adenoidi .. poi siamo stati colpiti dall'alluvione che ci ha provocato tanti danni.....ed il 27 dicembre mio padre ha avuto un'ischemia ....... non ho piu' retto!!!! ho paura di non uscirne!!!!

L'esaurimento nervoso è un crollo totale

E' quasi come un crollo totale, i sintomi e le impressioni le ritrovo in tutti quei commenti che precedono questo. IL tutto e' appesantito proprio da quelle persone che non hanno una minima idea di cio' che stai passando, prendendoti così per una persona "allucinata" e "fuori di testa".. le conseguenze a cui si potrebbe andare incontro non me le voglio neanche chiedere le vedo giornalmente.

Buona fortuna a tutti.

Soffro di esaurimento nervoso e non riesco a venirne fuori

anche io soffro di esaurimento ormai da un anno e mezzo e ancora non riesco a venirne fuori.sono svogliata,di ogni piccola cosa da risolvere ne faccio un dramma.il brutto di questa storia è che ho una figlia di cinque anni,un marito,ed un papà molto anziano che dipendono da me.in verità vi dico non so' cosa fare .

A chi soffre di esaurimento nervoso dico fatevi forza

So di cosa parlate, ho avuto problemi e pensavo non farcela piu, per due volte. Non ho consigli, sono fuori forse solo per preghiere di mia mamma, grazie a Dio. Vorrei solo dire a chi ha i figli - fatevi la forza perche se anche sono piccoli e sembra che non capiscono, ma soffrono e soffriranno anche da grandi in conseguenza di vostro problema. Ho un figlio di 18 anni e non ho goduto la sua infanzia per questo, non ero presente, non vedevo lui ma solo me stessa, e lui ha sofferto e soffre ancora...Piangi, tremi, soffri - ma fatti forza, un po meno egoismo, guarda che bel bambino ti ha regalato destino, lui ti vuole bene, ma deve star bene anche lui, sii presente nella sua vita. Devi pensare, che tutti che dipendono da te ci riescono a cavarsela da soli in qualche modo, ma ti vogliono tanto bene e meritano il tuo sorriso, e ti vogliono felice.Se per questo devi cambiare propri abitudini, posto di lavoro, casa, paese, marito e amici - non esitare, Dio ti aiuta, affidati a Lui.

Il mio stato è proprio di esaurimento nervoso

anch'io da circa tre mesi soffro di esaurimento nervoso, almeno spero sia solo quello, comunque tutto ciò che ho letto nel forum rispecchia esattamente il mio stato, ho fatto gia numerosi controlli ma nn è uscito nulla di importante, spero che finisca presto questo periodo ed auguro un in bocca al lupo a tutti.

Come sapere la cura giusta oltre a quella psicologica per curarsi l'esaurimento nervoso ?

io credo che sia questo anche il mio caso, nella mia vita ho dovuto rinunciare a parecchie cose , che sarebbero stati utili alla mia crescita e alla mia autostima, invece rinunciare alla propria terra ,per emigrare, lasciare gli amichetti, poi trovarsi in un collegio senza i genitori che ti accusidiscono , ma suore, gia avevo i miei problemi di mal di pancia ,ma di tipo nervoso, poi cresci e meriti di studiare, prendi anche la borsa di studio , ma ti chiedono di rinunciare perché impossibile mantenerti agli studi , devi essere come gli altri fratelli tutti uguali poveri ed ignoranti.Cosi' nulla di fatto niente scuola.pero si va subito a lavorare, e quadagnarsi la pagnotta.ma devi far presto a trovarti il moroso altrimenti a casa sei di troppo, non hai nemmeno la tua stanza,devi dormire sul divano letto,cosi poi trovi il primo che passa e te lo devi sposare,per continuare a vivere come una mantenuta, devi accontentarti della povera casa dei debiti del figlio che arriva subito,e cosi' senza nessuno che ti indichi la strada come fare , per essere almeno un piccolo gradino da salire nella vita. E cosi' la vita che continua, fra liti ed incomprensioni , esaurimenti panico pronto soccorso,poi decidi di lottare e devi farti strada da sola ,inventi un lavoro e fai l'acconciatrice studi fai le ossa , porti il figlio all'asilo , perché la mamma tua non ti sa aiutare. e cosi' vai avanti , ma tutto si rivela un fallimento questo lavoro , non va bene ,e si prosegue la vita quante volte devo dire ancora basta,questo non fa per me devo rinunciare, perfino ai beni di famiglia di mio marito abbiamo dovuto rinunciare,tutte queste rinunce mi hanno creato la depressione della vita, io non riesco piu' ad essere positiva in quello che faccio e non c'e' bisogno dello psicologo lo so da me che tutto dipende da questo,continuo dire no nulla di positivo per sentirmi realizzata,solo una cosa mi ha aiutata in questi anni la Fede, perché sentirsi amata da Dio aiuta moltissimo nella vita, aiuta a superare le negativita' ma purtroppo non sempre Dio ti porta in braccio a volte ti mette a terra e devi farcela da sola .-----credo che dobbiamo aiutarci anche tramite le medicine che i bravi dottori ci possono dare oggi ci sono anche dei centri di cura ed assistenza che si chiamano Centri di igiene mentale dove psicologi o psichiatri danno il loro consiglio e curano con medicine convenzionate dalla asl ,non dobbiamo rimanere al buoi di questa bruttissima malattia ci depressione o esaurimento come si vuole chiamare ,cerchiamo nella nostra zona questi centri che esistono altrimentipossiamo chiedere al nostro medico di base che lui saprà indicarci dove andare.Vi raccomando aiutatevi voi stessi per primi e andate presto dal medico.un bacio a tutti.

Soffro di esaurimento e depressione da oltre 20 anni

non so cosa dire a tutte queste persone , solo che io sono oltre 20 anni che soffro di esaurimento e depressione , e' una cosa che ti porti dentro per tutta la vita , uno dovrebbe fare una vita da menefreghista , il problema e' riuscirci , comunque ci vuole molta forza di volonta' per superarlo , e la cosa piu' importante e' conviverci , perche ' la vita purtroppo ti riserva sempre qualcosa , di brutto prima o poi , l'importante e' pensare a cose belle , e sopratutto dare un senso alla tua vita , perche' la vita e' bella , ma sopratutto e' una , quindi ragazzi forza e coraggio , mia madre mi dice sempre aiutati che dio ti aiuta . ritrova te stesso e ricomincia tutto credetemi e' una cosa che si puo' fare imbocca a lupo a tutti ciao stefano ........

Anoressia e esaurimento nervoso

Soffro di anoressia da 3 anni, in alcuni mesi sembra sparire in altri mesi torna e questo mi comporta dei grandi cambiamenti emotivi, il minuto prima posso essere felice quello dopo posso scoppiare a piangere da un momento all'altro con la necessità e il bisogno di urlare, di buttare a terra tutto e questo dipende sia dal mangiare, sia dal contesto famigliare in cui vivo, mi sento sempre come l'ultima ruota del carro, non mi sento mai apprezzata, non mi ricordo l'ultima volta che mia madre mi ha abbracciato e sento che non mi conosce affatto difatti quando mi vengono le crisi e lei è in casa mi riesce solo a giudicare. Per quanto riguarda il mangiare, tutto gira intorno ad esso, le mie giornate, i miei pensieri, la mia felicità o la mia tristezza; è una lotta continua, ogni giorno. Devo programmare ogni cosa, devo sapere esattamente cosa mangerò e se qualcosa poi dovesse cambiare nei miei piani non so cosa fare ed entro in crisi. Questo mi rovina le giornate più belle e sono stanca, veramente molto stanca di tutto ciò.. fra poco inizierò un percorso con una psicologa, questo mi imbarazza un po' avendo solo 18 anni, ma spero di riuscire a guarire!

Per curare l'esaurimento nervoso bisogna partire dalle piccole cose...

Credevo che a me non potesse capitare, troppo forte, troppo punto di riferimento per tutti,tanti problemi superati da sola, spesso silenziosamente, guardo e ascolto le vostre pene, e scopro che ogniuno ha il suo pezzo di vita da raccontare. Ho metabolizzato tante cose del passato,riesco a dire oggi che non sono responsabile della vita degli altri,e che c'e sempre l'alba dopo la notte,questa volta ho messo nel paniere tutto quanto,amori sbagliati malati,le persone che ho perso,le mie attivita',i rischi e i problemi che devo affrontare,il desiderio di cambiare senza averne le forze,il mio entusiasmo coinvolgente che ...non c'e piu.. E ho deciso di farmi aiutare x fare il punto della situazione. Per poter fare scelte e cambiamenti!non posso permettermi di non aver piu voglia di fare,i documenti si accumulano,i ritardi rischiano di evolvere in sanzioni,se io mi fermo il mondo non si ferma,anzi mi aggredisce con piu ferocia e rischio di non rialzarmi. Partiro' con piccole cose. Da quelle che mi riescono meglio e magari riescono a darmi un po di felicita'. Provateci anche voi. Oggi riesco a dire questo e domani che sara' un altro giorno,verro' a rileggermi. Vi abbraccio

Ma soffro davvero di esaurimento nervoso?

sono una ragazza nella fase addolescenza e ho diversi sintomi del tipo
ansia,stress,a volte insonnia,nervosismo,mi viene da piangere,tremori,ho bisogno di dormire..
Anche con la mia famiglia sono così ogni volta che si parla anche di cose che a me possono interessare mi sento come attaccata alle corde non riesco a stare con i miei genitori se resisto solo 10 minuti e sento la necessità di scappare andare via in camera;e qui riesco a stare bene con me stessa..
Sento il mio corpo e la mia mente sempre più stanca, non vedo più un senso in tutto quello che faccio! Ho serie difficoltà svegliarmi..tutto è iniziato da pochissimi mesi forse è dovuto a causa di un intervento neurochirurgico che ho subito? dopo l'intervento non volevo uscire volevo stare sola chiusa in casa..
non riesco a darmi una risposta.
infatti poco fa ho sentito mio padre che diceva a mia madre di nascosto che gli hanno consigliato uno psicologo per questo motivo!
e così l'ho attaccato dicendo di non averne bisogno molto aggressivamente e tornata in camera sto cercando in tutti i modi di essere forte per non passare la serata piangendo perchè piangere a volte è la mia reazione..ho voglia di morire e non so come fare ad uscire da questa situazione.. ho solo 17 anni aiutatemi vi prego!

Soprattutto con l'esaurimento nervoso bisogna ricordarsi che non si è soli

Ciao a tutti, sapete anche io ho passato dei brutti periodi, ma leggendo tutti questi commenti capisco che non sono così sola come penso.
Forse il fatto che siamo tutti soli, ci rende tutti uniti no?
L'unico consiglio che posso dare e non perdere la speranza, perché anche quando si entra nel momento più buio della propria vita, c'è sempre qualcosa che ti fa ricordare quanto il mondo sia meraviglioso. Basta prendersi un momento, chiudere gli occhi fare un bel respiro e pensare. Pensare che magari questo brutto periodo porterà nuove cose, cose buone. Pensare che forse siamo destinati a vivere momenti tristi perché siamo più forti di altri, o forse perché fanno parte della nostra strada.
Non arrendetevi e ricordatevi che non siamo soli.

Sono nel mezzo di un esaurimento nervoso...

Salve, sono una 48 enne e sicuramente sono nel bel mezzo di un esaurimento nervoso. Sono felicemente sposata ed ho 2 figli, una di 16 e uno di 12. Ho saputo solamente da qualche giorno che mia figlia è "attratta" da una compagna di scuola e da quando ho saputo questa cosa la mia testa non è stata più la stessa. Sensi di colpa, senso di fallimento, tensione, tachicardia... voglia di andare via, scappare!! Sono andata subito dalla dottoressa di famiglia che all'inizio mi aveva consigliato un calmante in gocce, ma nonostante tutto ad oggi questa sensazione persiste. Non riesco a trovare uno spiraglio di luce in tutto quello che mi sta succedendo. La mia vita si sta concentrando "solo ed esclusivamente" su quello che fa e che dice mia figlia. penso solo ed esclusivamente a lei ed alla cosa che le sta capitando. Cerco di nascondere questo mio stato nei suoi confronti, ma senso che più i giorni passano e più mi resta difficile. La mia dottoressa mi ha indicato di prenotare all'Ufficio di igiene mentale della mia città per poter parlare con uno psicologo, ma come ben sapete i tempi di attesa sono un po' lunghi. al momento mi ha aumentato anche il calmante (3 compresse al dì). Mi trovo in una situazione veramente critica... speriamo di uscirne!! Un abbraccio a tutti voi.

Ipotizzo di avere un esaurimento nervoso e depressione

Ciao a tutti, io oggi ho ipotizzato di poter soffrire di esaurimento nervoso/depressione, ma non ne ho la certezza.. Sono oramai una signora di 43 anni di giovane e bell'aspetto questo spesso è da ostacolo soprattutto quando mi rivolgo ai dottori per chiedere chiarimenti riguardo i miei malesseri. Nel percorso della mia esistenza ho affrontato diversi e importanti interventi chirurgici.. dovrei affrontarne un altro per carità niente di grave ma fastidi che sommati debilitano.. a seguito di pensieri di sfiducia della vita ho cercato una brava psicologa .. in due anni mi ha resistuita a mondo (durante il nostro percorso non gi ho mai sentito pronunciare i termine esaurimento n.. tantè che non mi ha prescritto farmaci.. ) oggi sono nuovamente stanca, fobica, ansiosa, confusa con sensazione di perdita di memoria.. insonne: ma questo da sempre anche da ragazza!! ma non sfiduciata. Si mi sento come una pila scarica!! Credo che è ora che ritorni da lei. Ma il rapporto con il psicoterapeuta non ha mai fine? vorrei sapere se è esaurimento è come risoverlo? se questa sensazione è causata dalla stagione? ... scusate se è un discorso confuso.. ma purtroppo è così. saluto tutti con un grande abbraccio e spero in periodi migiori ....

Anche se sono giovane soffro di tutti i disturbi dell'esaurimento nervoso

Salve a tutti.. Sono una ragazza di 19 anni, mi riconosco moltissimo in tutti i sintomi, sono le 4 del mattino e proprio non riesco a dormire..
Ho fatto una ricerca su internet se è meglio trattenere il pianto oppure sfogarsi, visto che non ho con chi posso sfogarmi o nessuno che possa consigliarmi, e ho trovato questa pagina. Sebbene sono giovane, come ho letto dai vostri commenti, sappiamo bene che sono le esperienze e non il tempo a condizionare un esaurimento nervoso, che credo seriamente di avere a questo punto. A volte ho pensato che non ho più un motivo per fare niente: l'università, il lavoro, continuano a sembrarmi cose inutili ultimamente, per non parlare di come sono degenerati i rapporti che ho/avevo con le persone a me care.. È più o meno un anno che ho un atteggiamento più pessimistico nei confronti delle cose che prima consideravo solo piccole sfide, ma da Novembre 2012 è degenerato in ansia, stress, paranoia e continua paura di rimanere sola, come alla fine è successo tralaltro. Nel giro di un mese ho perso i due miei migliori amici (e insieme a loro l'intero gruppo con cui uscivo), ed il mio ragazzo, da tre anni, che consideravo la mia unica certezza. Dopo un mesetto siamo anche tornati insieme, ma per usare parole sue, sono diventata "esageratamente ossessiva e paranoica" e quello spiraglio di felicità che mi era concessa era la sua tristezza così ci siamo lasciati di nuovo. Non sono cresciuta in Italia, a 10 anni mi sono trasferita qui ed è stato tutto abbastanza traumatico.. Ora non ho un luogo che considero casa, una persona che considero amica, mi sento nel posto sbagliato, o forse non esiste proprio il posto per me.. Pochi giorni fa ho avuto il coraggio di confessare i miei pensieri suicidi al mio ex migliore amico..ma la cosa peggiore è che mi ha risposto che sono pazza.. Ho un atteggiamento distante verso i miei genitori, cerco sempre di evitare conversazioni troppo profonde con loro, inoltre ci sono problemi economici in famiglia, e io sono già un peso per colpa di fisioterapie e raggi vari per una rottura al coccige che ho subìto l'anno scorso... Mi sento completamente sola e anche se considero visite psichiatriche non saprei come pagarle.. Ho bisogno di rimedi naturali come amici, o qualcuno che comprenda.. Sono davvero al limite perché le crisi di pianto spesso portano al vomito, e la sensazione non passa finché spesso non finisco letteralmente per buttare il sangue.. Grazie alle vostre esperienze mi sento meno sola ma è straziante sentirsi soli, soprattutto di notte..

Il mio esaurimento nervoso iniziato 4 anni fa

salve a tutti vorrei raccontarvi del mio esaurimento nervoso iniziato circa 4 anni fa...ho capito da poco di avere avuto un esaurimento nervoso. ..non lo capivo o non lo accettavo o forse stavo troppo male....sono sposata dall'eta di 19 anni ed ho un figlio di 14 molto problematico...che ha aumentato fatica e stress alla coppia.
sono diventata completamente frigida e questo ha creato problemi non tanto a mio marito che non gli ho fatto mai accorgere niente ma a me stessa.....avevo tachicardia sempre tutto il giorno anche la notte intensa ed imbarazzante sudorazione ma non cattivo odore anzi....non dormivo più la notte ed ero infelice....mio marito non mi ha compresa e ne sostenuta non capiva che stavo solo male e non che non lo amavo...ci siamo allontanati perchè lui mi ha tolto la parola invece di affrontare il problema occhi negli occhi.....avevo deciso di morire e li ho capito che stavo male....mi sono fermata e sono rinata trovando un nuovo amore

Con l'esaurimento nervoso mi sento stanca, triste e poco concentrata

Ho 20 anni e sono continuamente triste, stanca e perdo facilmente la concentrazione! Tutto questo mi capita da oltre tre anni e la causa è stata la perdita del lavoro di mio padre che ha provocato di conseguenza una serie di problemi in famiglia. Io mi sento vuota, infelice e spesso ho sbalzi d'umore.. non riesco più a vivere la mia vita come vorrei, infatti due anni fa ho lasciato la scuola e non mi sono diplomata. Sto facendo soffrire il mio fidanzato perchè con lui ho sempre crisi di pianto!

Soffro di depressione da due anni e piango in continuazione

Ho sessantadue anni e da circa 2 anni soffro di depressione . Piango in continuazione e ho l'impressione di morire da un momento all'altro. Ho anche parecchi dejavù e subito dopo ho una sensazione davvero stranissima la quale mi porta sull'orlo dello svenimento.
Il medico di casa mi ha mandato da uno psicoterapeuta che mi ha prescritto DEPAKIN CHRONO 300 in pasticche da prendere due volte al giorno. Non sta cambiando nulla e le paure aumentano giorno dopo giorno. Aiuto. Grazie

non so se io ho avuto un esaurimento nervoso, forse è solo una delusione.

Ho 19 anni e circa 2 mesi fa mi hanno bocciato alla pratica della patente, alla mia unica occasione (ho avuto dei problemi con la vecchia autoscuola e ho preferito cambiare ambiente)... Desideravo davvero prenderla, non solo perchè l'avevo pagata da sola, ma anche per la mia autonomia. Sono anche abbastanza brava alla guida, tanto che il mio istruttore mi aveva fatta partire per prima perchè era sicuro di me... Comunque dopo quel giorno sono stata 5 giorni a casa, a letto senza muovermi ed a piangere. Credo di non averla ancora superata anche perchè l'esaminatore è stato davvero troppo duro, purtroppo dall'agitazione non avevo fatto passare un pedone (l'errore più banale che potessi fare); insomma penso di essere ancora scottata. Mi vergogno anche a parlarne.
Comunque poi ero tornata alla mia solita vita. Ultimamente però non sto molto bene, non so se è l'ansia pre-esame di maturità, so solo che ho dovuto comprare delle pastiglie di valeriana perchè spesso sento di dover piangere improvvisamente senza alcuna seria motivazione...

Il mio esaurimento nervoso a causa di una vita molto difficile

Che dire mi sento esattamente come la maggior parte di Voi, ho 44 anni, una vita ora molto difficile ma in realtà l'ho avuta da sempre molto difficile.
Da ragazzina un padre diciamo assente ma buono, una madre che non comandava niente, buona e poco forte di suo, una sorella che ha fatto di tutto per distruggermi da sempre da ragazzina, distruggeva sempre la mia autostima e non sò come sono riuscita dopo tanti anni di disagioa scuola e con tutti al punto che non riuscivo a farmi amici a uscirne, vedendo che la poveretta era mia sorella più grande. poi ho trovato un uomo che mi ha amato ma dopo tremila problemi dovuti alla sua famiglia e alla mia e ai miei stessi umori trascinati del mio passato, è finita malissimo dopo 14 anni di fidanzamento.
dopo ho cercato ancora una volta di riprendermi la vita in mano, ho sempre fatto lavoretti che non mi gratificavano e mi facevano sempre sentire a disagio.
Ho conosciuto altra gente ho cambiato città convinta di avere nuovamente un grande amore, nel frattempo storie d'amore una bellissima e altre cosi dopo quella dei 14 anni, quindi trasferita e ho iniziato una nuova vita con il mio nuovo compagno, sembrava che andasse finalmente bene, facevo la commessa e lui lavorava, ma non è mai stato un uomo affettuoso come io avrei avuto bisogno dopo tutte quelle amarezze, quindi nel mio cuore c'è sempre stata rabbia e delusione e litigi anche con lui per non essere amata e considrata come avrei voluto, nel frattempo sempre problemi con mia sorella anche a distanza che mi ricattava per via che guardava mia madre anziana, e io sempre sensi di colpa e disagio, sempre a ingoiare. Ancora oggi sono con quest'uomo ormai da 9 anni, il problema è che 5 anni fà abbiamo perso il lavoro entrambi, io mi sono nonostante tutto reinventata un lavoro, ho passato il concorso regionale per diventare un Oss operatrice socio sanitaria, ho fatto il corso e superato, dopo un mese da fine corso ho trovato lavoro in una cooperativa in casa protetta, vi assicuro lavoro moltomolto pesqqante sia psicologicamente che fisicamente, anche se da soddisfazioni per altro, insomma la paga era misera come tutte le cooperative, e lui sempre anni ancora dopo senza lavorare, alla fine mi ritrovo a Rimini perchè ho vinto un concorso pubblico sempre per una casa protetta, ho ripreso lui con me e il mio cane, e credendo che qualcosa cambiasse ho voluto ricredere che andasse meglio , cambio città magari ci avrebbe aiutato , invece è come prima se non peggio per le mie nuovamente deluse aspettative, lui ancora non trova lavoro, io lavoro ma non basta e sono sempre nervosa , stanca, litigo spesso anche a lavoro con la mia responsabile, non sopporto più niente e e mi sento veramente giù in tutto, non sopporto rimproveri, m'infastidisco subitoanceh con i colleghi, per fortuna con gli ospiti tutto questo non avviene, li adoroo e sono felice che almeno faccio star bene a loro poveri che non hanno colpa di nulla, ma sta di fatto che mi sento inutile, sempre in colpa non apprezzata a lavoro e non apprezzata a casa dal mio uomo, ho sempre troppi impegni che non sono più in grado di assolvere, casa, lavoro , e commissioni, lui non mi aiuta mai in niente e anzi mi è sempre contro ogni cosa che voglio che faccio o che vorrei, mi distrugge psicologicamente ma nonostante tutto sto con lui, non ho la forza di reagire a niente e sono depressa e stanca fisicamente e moralmente, vado solo a lavoro perchè devo, non esco mai perchè non ho la forza e non volgio ulteriori impegni.
Questo è esaurimento ormai lo so ma non posso contare su nessuno, non posso pagare unmeidco per farmi dare una cura e non sò come fare, penso si risolva da sola ma in relatà sò che non si risolverà, ho anche aumentato di peso di circa 14 kg in un anno e mezzo circa perchè per scaricare rabbia tensioni e malumori mi attacco ai dolci e mangio di tutto e non ho voglia di uscire con amici evedere nessuno. sto semprein casa se non lavoro è il mio rifugio.
Scusate lò sfogo della mia vita, come posso fare? qualcuno sa darmi consigli maggiori.ù

Esaurimento nervoso da quando è morta la nonna

da quando è morta mia nonna io ero molto legata a lei ,avverto dolori al petto sinistro cosa puo essere nervosismo questa cosa mi fa tanta paura io sono una ragazza molto ansiosa questo dolore al petto non mi fa vivere. la psicologa di mia mamma dice che dovrei fare la terapia perche ne ho bisogno

Depressione e esaurimento nervoso fanno sentire falliti

Leggendo tutte queste storie mi viene da pensare che la depressione o l'esaurimento è una condizione di vita che colpisce le persone più sensibili e che non accettano le loro fragilità o come siamo fatti, insomma non ci accettiamo. Io per prima non mi sono mai accettata se non in alcuni momenti della vita ma grazie a tutte le sostanze che non mi facevano pensare a chi ero veramente.Ora che ho smesso con tutto è dura da accettare la realtà ma posso dire almeno di avercela fatta a voler cambiare vita Ora ho 43 anni e dai 15 ho iniziato a far uso di alcol poi cannabis eroina cocaina extasi per poi finire ultimamente a fumare tutte le sere da sola fino a dieci giorni fà. Di depressioni ne ho avute tante e ormai non dovrei più spaventarmi, ma non sai mai se ne uscirai e se mai avrà fine tutto questo dolore. Si ha paura di vivere e di perdere tutto, anche le persone che ti vogliono bene e ti dispiace essere così minima per loro, quando invece vorresti dimostrargli tutto il bene che senti per loro. Si ha come un urlo dentro di aiuto ma nessuno ti può sentire e capire davvero e così ti sembra di impazzire e di peggiorare invece di migliorare, Sto seguendo una terapia con antidepressivi da un anno con alti e bassi ma ora ho avuto una ricaduta nonostante non sia successo niente di così grave. La sensazione è quella di sentirmi una fallita e senza scopi nella vita, perchè la vita non mi piace più, mi piace solo stare chiusa in camera a leggere di psicologia e come gli altri vivano la stessa cosa mia. Penso solo che vorrei non essere mai nata e che presto posso raggiungere la mamma in paradiso..ma forse me lo devo ancora guadagnare.. quanta sofferenza..così non è vivere..non ho mai scritto nel web di questa cosa e mi piacerebbe avere un commento. Grazie...

Fiori di Bach per trattare l'esaurimento nervoso

Ciao a tutti/e, ho letto i vostri commenti e mi riconosco in tutti i sintomi: stanchezza alle braccia, paure, fobie, paranoie, depressione, insonnia, incubi, crisi di pianto, un senso di inutilità e sconforto generale. Non voglio assumere psicofarmaci, sto prendendo 4 gocce di fiori di Bach per 4 volte al giorno, ascolto musica rilassante, mi sforzo di avere pensieri positivi. L'unica cosa che mi fa stare bene è il mare e la natura. Dovrei fare attività fisica ma al momento non ho la forza. Il problema di fondo penso sia un accumulo di stress, una bassa autostima e un senso di sfiducia nei confronti della vita, dopo una serie di traumi e di delusioni, di lutti, di violenze, di abusi. Non posso permettermi uno psicoterapeuta e lotto ogni giorno per ritrovare il sorriso e la mia forza d'animo. Non è facile, ci vuole coraggio e tanto Amore. Auguri a tutti/e.

Il mio sfogo sull'esaurimento nervoso

Buona sera,
anche io come tanti di voi ho deciso di scrivere qui, forse proprio perchè ci fa sentire meno soli.
Sono una ragazza di 23 anni; 8 anni fa ho perso la mamma.. Poi mettiamoci l'aver avuto un padre farfallone non mi ha aiutata.
Mi sono fatta da sola e mi son fatta male a quanto pare.. Visto che mio padre non fa che dirmi che ci sono persone che hanno figli/e migliori di me..
Di quello che dico o che faccio non va mai bene nulla... Adesso divido la mia casa con lui (ovviamente) e la figlia diciassettenne e spocchiosa della sua compagna... (mentre la compagna non c'è... e io credo che insomma... una madre non dovrebbe lasciar vagare la figlia minorenne così).
Fatto sta che soffro di crisi di pianto e apatia.. Non mangio molto, ma non perdo nemmeno peso.
La stessa cosa mi era già capitata tre anni fa e il mio dottore si limitava a dire "è un periodo di stress, passerà"... Dormivo 16 ore al giorno ai tempi.. Non voglio tornare da quel dottore...
Vorrei evitare gli psicofarmaci... Non so proprio che devo fare...
La mia storia è uguale a tutte le altre, e, forse questo mi ha fatto stare un po' meglio e mi ha fatto venire la voglia di scrivere....
E sono certa che avrò scritto in maniera sconnessa... Proprio io che avevo 10 a italiano...
Non so più che fare...
Scusate lo sfogo, ma ne avevo bisogno.

La storia del mio esaurimento

Rispondo a Giuliana 21/04/2013
Ciao io ti rispondo perchè la tua storia è simile alla mia, parte dalla famiglia, che mi ha detto fin da piccola che io sono uno sbaglio.Ho un fratello che lui invece era desiderato, e alui tutto era permesso, la mia autostima si trascina fin dall' età scolare in poi, non mi hanno fatto studiare perchè ero un peso e a 13 anni mi hanno mandata a lavorare per 200.000 lire al mese, e mi hanno detto da oggi ti mantieni da sola, così ho fatto, la vita è trascoesa mi sono sposata, e i problemi sono diventati i suoceri, poi i soldi, il lavoro, la morte assurda di mia madre, un padre cattivo, egoista, il cambio di città trasloco ,la bambina da tenere tutto da sola in più un lavoro mal pagato, e il marito il rè. ora sono letteralmente schiantata. Ma per tutti è normale tranne che per me. A volte la morte sembra l'uscita più invitante. Ti confesso che io non ho mai avuto la necessità di fare uso di sostanze. Ho parlato della mia storia a persone che hanno cercato di aiutarmi e veramente mi dicevano che il tipo di vita da me svolto è come quella di una ragazza di 200 anni fa. Devi sapere che non sei sola, ci sono persone che sono messe anche peggio ma non parlano mai dei loro problemi, e così sembra che le nostre vite sono diverse, ma sono quasi sicura che se noi abbiamo la forza di parlare, esprimerci con persone sensibili qualche mano e orecchio si tendono a noi.
A me hanno aiutato molto persone che non sono di credo religiosi, tante erano erboriste, maestri di yoga, e qualche persona che sa ascoltare senza giudicare. ho trovato molto giovamento in momenti bui della vita, nello yoga, ora però non riesco più a farlo e sono ricaduta nel baratro nero. all' inizio sembra ginnastica, ma con la nostra sensibilità percepiamo meglio e con più acutezza una nova energia. Un' esercizio mi hanno spiegato di fare in tutta solitudine. sederti davanti ad un fiume guardando a monte, guada lo scorrere del' acqua, immagina di vedere i tuoi nemici, i tuoi problemi galleggiare uno ad uno li vedi da laontano poi li fissi e li vedi infine sparire all' orizzonte come fossero cadaveri che galleggiando se ne vanno dalla tua mente. A me aiuta devi falo più volte. Poi un'altra esperienza personale e quella di aiutare persone in difficoltà con ragazzi disabili, in qualche centro, non immagini l' energia che ne ricavi, ti assale una voglia di vita, io ho fatto questa èsprienza ed è stata per me la migliore. Da allora quando aiuto un' altra persona messa peggio di me, è come se esplodessi di vita, inoltre sono molto amante degli animali e se posso aiuto pure loro. Ti consiglio di provarci, esci da casa, accetta e sfrzati a fare un sorriso ad una persona è contaggioso. Poi c'è la paura di perdere tutto, ma immagia che bastano anche 10 minuti per perdere tutto con un terremoto, la tua paura ti da più tempo del terremoto. E un consiglio Ho visto persone molto ricche che vivono con il terrore di perdere le loro richezze, e on dormono mai. Meglio avere il neccessario almeno non hai l' ansia di perdere nulla, e nessuno può perdere quello che non ha, La vita è solo un passaggio stretto di montagna , per poi godere di una vista migliore, e piu difficile è e più godrai. Io poi credo nell' reincarnazione da quando avevo tre anni e questo spiega molti disagi della vita, che certe religioni vogliono farci credere che abbiamo una sola possibilità e quindi ci attacchiamo morbosamente a questa fin a star male, ma guai a smettere la vita di nostra mano, altrimenti si ripeterà tutto nella prossima.
Prendi questi consigli come vuoi, io ho cercato solo di darti la mia esperienza personale come un cesto di frutta, sei tu che scegli cosa ti piace. un' abbraccio affettuoso e che la tua vita rifiorisca di vita nuova.

Esaurimento

Salve, ho 29 anni e questo dovrebbe essere il periodo piu bello della mia vita perchè a maggio del prossimo anno mi sposo con l'uomo con cui sto da 13 anni e finalmente dovrei essere felice anche perchè abbiamo attraversato troppi momenti difficili.Credo di essere esaurita non c'è altra spiegazione sono sempre nervosa arrabbiata sgarbata e non voglio essere cosi non mi piaccio per niente! Sopratutto il mio fidanzato non si merita questo trattamento anche se anche lui ha un caratterino,ma spesso credo che sia anche colpa mia se lui è cosi crudo con me.Premetto che sono certa che questo mio esaurimento derivi dal fatto che sono 7 mesi che cerchiamo un figlio che non arriva e la paura,l'ansia di non potere realizzare il mio sogno si infranga,voglio essere positiva ma non riesco a mettere in pratica ciò che vorrei essere.....ovvero fiduciosa,paziente che i miei desideri diveranno realta'.....troppa insicurezza,che viene immediadamente esasperata quando intorno a me le mie amiche rimangono incinte subito e una appresso all'altra e qui che mi domando perchè???? ho sofferto tanto nella mia vita ora basta credo di meritarmi anche io un briciolo di felicita'!!!sono triste,svogliata,mi vedo brutta....e non per presunzione ma sono una bellissima ragazza ma mi vedo brutta brutta....il mio stato d'animo si riflette sul mio fisico.Non voglio andare da uno psicologo ci sono gia' stata tempo fa,ma non era servito a molto.Quando una persona si conosce deve saper affrontare le proprie paure,e so di potercela fare perchè ho vicino persone che mi amano e che non voglio ferire.Voglio essere felice e ci riuscirò con le mie forze. Grazie per avermi"ascoltata"!!! un abbraccio forte!!!

Esaurimento nervoso: Voglio fare un pò di coraggio a tutti per esperienza mia personale.

Non se il mio è stato esaurimento nervoso o no, ma vi garantisco depressione , debolezza e persino febbricola (ero fissa dai 37.2 ai 37.6) non riuscivo a più a sorridere, non volevo più uscire con le mie amiche perchè quelle poche volte che mi sforzavo di farlo, mi sentivo peggio. Mi sentivo frustrata, inutile, senza più voglia di vivere, ho pensato anche di sfregiarmi un braccio per sentire meno dolore interiore (poi per mancanza di coraggio ho messo tutto a posto).
Credo che la mia sia stata una crisi da trent'enne. Fidanzata da 10 anni, io mi ero laureata prima di lui, avevo trovato lavoro, ero pronta insomma a costruire qualcosa insieme. Lui si è laureato 5 annetti dopo di me, e tutt'ora che ci siamo lasciati è senza lavoro (mantenuto dai genitori finchè ci sono..). Vedevo tutto il mondo intorno a me sposarsi, comprare casa assieme , fare progetti. E io che mi ero sbrigata a studiare e finalmente ero pronta ...avevo un fidanzato che addirittura faceva anche la propaganda "no figli".
Io lo amavo e lo amo tantissimo ancora adesso....ma ogni cosa ogni progetto, a causa di questa sua dipendenza economica dei suoi e il suo modo di fare da bimbo veniva bloccato anzi, diciamo che non esistevano progetti. Così per caso mi sono innamorata di un altro che però era impegnato, ero anche corrisposta , ero quasi disposta a mollare tutto per lui...ma niente di fatto. Lui si è tenuto la sua. Io invece mi son fatta lasciare da entrambi. Non ci crederete ma finalmente mi sono sentita viva, dolorante alla follia , piangevo sempre e spesso, ma mi sentivo diversa. Non mi sento più frustrata, in prigione (era molto geloso il mio ex) era come se si stesse aprendo una seconda possibilità per me. Probabilmente non avrò figli ugualmente, ma il grande dolore provato mi ha portato anche a maturare. Ovviamente i pianti me li faccio anche adesso, e non posso dirvi che sono spensierata e felice come una volta, ma vivo di più alla giornata, guardo meno alla situazione delle altre mogliettine più felici e già mamma, e cerco di crearmi un nuovo obiettivo nel futuro: non più sposarmi e diventare mamma, ma godermi la vita senza sperperare i soldi ovviamente, viaggiare un pò, avere una famiglia canina o felina! ho comprato persino due pappagallini che mi fanno compagnia, e frequento corsi di pittura e persino palestra. La casa sarà un caos! ma vi garantisco che che avere un proprio hobby vi aiuta a superare la settimana. Impegnatevi in qualche attività...fa miracoli! e soprattutto cercate sempre nuovi amici, siate curiosi, scoprirete sempre qualcosa di interessante da fare. Così quando arriveranno i momenti bui (che ci sono sempre e a cui putroppo si sommano sfighe in più) saprete che ci sarà la vostra piccola ricompensa. Ogni tanto curate anche il vostro aspetto fisico e abbigliamento, aiuta a guardarvi meglio allo specchio e anche a sentirvi meglio. Non di rado riceverete qualche apprezzamento dalle persone più insospettabili. (l'autostima va un pò alimentata durante i periodi di depressione). UItimo consiglio: affrontate i problemi (quelli che potete) . Rimandarli crea ancora più ansia perchè si cumulano troppe cose assieme e a volte evitarli creano altri problemi a catena.

Ho 30anni due bimbi meravigliosi ed un marito splendido eppure dentro di me qualcosa non và.Ormai sono mesi che mi porto questo macigno dentro senza che nessuno mi ascolti.Ormai mi sento vuota, vado avanti per forza di inerzia, sono stanca fisicamente e psicologicamente, il lavoro mi stà peggiorando la situazione e nella maggior parte delle volte non mi sento per niente motivata nel fare le cose.Anche il mio fisico ne risente, infatti spesso stò male.non só se è esaurimento ma se non lo è ci sono molto vicina.

Esaurimento nervoso da lavoro di grande responsabilità

Ho un lavoro stupendo ma di grande responsabilità, e mi mette tantissimo sotto pressione (mole di lavoro, decisioni, organizzazione, conduzione, strategia).
Da marzo di quest'anno, sto studiando ad una scuola finanziata dal mio datore (da quanto ho incominciato mi si è accodata un'angoscia, paura, ansia d'esame, di deludere).
Sto tenendo lontano la mia persona che amo, perché se la faccio venire qui (come avevamo pianificato), per rispetto e non per far soffrire, preferisco che stia lontano, ma questa situazione non cambia, e anche qui ho un'ansia, depressione.
Spossatezza, emotivamente instabile, impaziente, triste, pianti, sudorazione, non riesco da troppo tempo a essere sorridente come ero (solo sul lavoro con mille maschere), e allontano tutti per paura di deludere (anche se già li sto deludendo) e intristico e fatti incazzare. Cosi ogni giorno passa, e la frenesia della vita e del lavoro continua, ma non ho mai tempo per me (o forse non voglio averla), ma non resisto piu e sono sul baratro del crollo totale....
La mia vita non ha piu senso. Agosto, psichiatra in vacanza e prox app fra due sett.
Bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto, motivare il personale, ho appena vinto un progetto importante, contento si, ma altro lavoro che addosso e quanto.... Dovrei riuscire a staccare, rallentare, o con il dovuto aiuto, di riprendermi, cosi finisco contro il muro (mi sento gia contro il muro, ma non completamente spiaccicato)...

Ho l'esaurimento nervoso ...sono una ragazza di 30 anni ho due splendidi genitori

Ho un ragazzo un lavoro ma son stanca sempre non ho voglia di uscire ma solo di buttarmi a letto, durante il lavoro ho perennemente mal di testa e penso di avere qualcosa di grave perché sono stanca. Non lo auguro al mio peggior nemico

La respirazione e l'esaurimento nervoso

Da tempo al lavoro mi sento stressato, le richieste dei clienti o dei colleghi sento che mi portano via energia. In passato tutto era gestibile, oggi sempre di più pensare e riflettere non porta più le soluzioni ma porta stanchezza ed esaurimento. Ci sono persone che senti che quando hai a che fare con loro ti portano via qualcosa oppure ti lasciano addosso le loro paure, frustrazioni ,rabbie. Mi sento rigenerato quando sto in mezzo alla natura. La soluzione in teoria è chiara, non serve pre-occuparsi e farsi carico del mondo, nella realtà imparare a farlo dopo anni in cui ci si è abituati a preoccuparsi richiede del tempo (e l’esaurimento ti dice che c’è ancora un po’ di strada da fare). Alcuni suggeriscono di respirare, portare l’attenzione sul respiro lento e profondo distacca dalle preoccupazioni e rigenera. Da provare.

Chi soffre di esaurimento nervoso non deve abbandonare la fede e la chiesa

Ciao a tutti ho letto molti quasi tutti dei vostri commenti e rivedo me stessa in ognuno di essi. Mi sono sentita molto triste, e ho provato dolore per ognuno di voi perché so cosa vuol dire sentirsi impotente di fronte ad un mostro che sembra più grande di te. Io una cura l'ho trovata, molti forse non la condivideranno altri addirittura avranno molto da criticare ma io non me la sento di tenere per me una grande ricchezza. Quando la testa mi scoppia e mi attraversano mille pensieri - a volte anche i più disperati - mi ricordo che qualcuno mi vuole bene e so dove andare. Vado in chiesa e nel silenzio prego come si prega quando si è nella disperazione più grande e piango a volte e riconosco a me stessa che non sono infallibile e perfetta ma sono semplicemente me stessa con tutti i miei difetti. Cari..anche se non ci conosciamo personalmente attraverso le vostre-nostre storie siamo più che conoscenti, fratelli perché ho imparato a soffrire con chi è nel dolore e a gioire con chi è nella gioia. Provate, andate in chiesa sfogatevi, parlate con Dio non vi abbandonerà; con me non l'ha MAI fatto!!!!! Vi abbraccio e prego per ognuno di voi.

Chiaro articolo sull'esaurimento nervoso

Grazie, questo articolo mi è stato molto utile, adesso mi è chiaro tutto....

Lascia il tuo commento: