Farmaci antinfiammatori non steroidei: fans

Farmaci antinfiammatori non steroidei: che cosa sono?

I farmaci antinfiammatori non steroidei detti fans sono una tipologia di farmaci molto utilizzati principalmente per tre motivi principali:

  • ridurre il dolore;
  • diminuire l'infiammazione;
  • far abbassare la febbre.
Farmaci antinfiammatori non steroidei: fans

Fans

La loro somministrazione può avvenire sia oralmente, attraverso compresse, oppure possono essere applicati localmente sotto forma di crema o di gel nella parte dolorante, mentre le supposte non vengono quasi mai usate come antidolorifici.

Utilizzo dei farmaci FANS

Si può ricorrere a questi farmaci sia per curare patologie di breve durata come ad esempio:

  • le cefalee;
  • i dolori mestruali;
  • stati influenzali;
  • che per curare condizioni croniche come ad esempio:
  • osteoartrite oppure l'artrite reumatoide;
  • dolori alla schiena;
  • dolori alla cervicale.

Un importante e grave effetto collaterale dei FANS è che il loro uso prolungato nel tempo può portare a formazioni ulcerose nello stomaco, per cui è sempre consigliata l'assunzione di un gastro protettore insieme all'antidolorifico per evitare la nascita di altre patologie.

Come agiscono i FANS?

L'attività dei FANS è quella di intervenire e limitare l'operato di alcuni enzimi che sono delle proteine che hanno il compito di aiutare e favorire determinate reazioni chimiche nell'organismo.

Alcuni di questi enzimi, che sono presenti in moltissime parti del nostro organismo e si occupano di controllare la produzione di Prostaglandine, chiamati Cyclo Oxyganase (COX) sono in un certo qual modo bloccati dall'azione dei FANS.

L'operato delle Prostaglandine

Nello stomaco ad esempio sono presenti gli enzimi COX-1 che hanno il compito di monitorare la quantità di Prostaglandine la cui attività è di proteggere lo stomaco dagli acidi che sono presenti nello stomaco.

Un altro compito di questi enzimi COX-1 è quello di favorire l'aggregazione piastrinica per evitare emorragie, tant'è che in molti casi i FANS vengono utilizzati come farmaci che aiutano il sangue ad essere fluido.

Gli enzimi COX-2 sono invece presenti nei globuli bianchi e agiscono sulle prostaglandine che sono presenti nei momenti in cui c'è un'infiammazione in corso.

Compito dei FANS oltre a quello di lenire il dolore e l'infiammazione è di bloccare l'attività dei COX-2 che immettono nell'organismo le Prostaglandine che provocano il dolore.

Tipologie di FANS

Sono due le tipologie di FANS:

  • FANS non selettivi che intervengono a bloccare gli effetti degli enzimi COX-1 e COX-2;
  • FANS che intervengono a bloccare gli effetti degli enzimi COX-2.

Questi ultimi sono stati appositamente studiati come lenitivi del dolore ma che non hanno effetti collaterali sullo stomaco ma non sono indicati invece per chi ha problemi circolatori o cardiaci.

Alcuni dei FANS più conosciuti e quelli che solo il medico può prescrivere sono:

  • diclofenac;
  • ibuprofene;
  • naproxene;
  • mentre per altri non è necessaria la prescrizione medica e sono i classici farmaci da banco come per esempio:
  • aspirina;
  • ibuprofene.

Quando non vanno utilizzati i FANS?

I FANS sono una tipologia di farmaco che dev'essere assunto solo in alcuni casi e sotto diretto controllo medico.

Ragazzi sotto i 16 anni

L'aspirina non va somministrata ai ragazzi sotto i 16 anni perché potrebbe manifestarsi una patologia che si chiama sindrome di Reye che causa grossi problemi a fegato e cervello, per cui si opta per medicinali come il paracetamolo o l'ibuprofene.

Donne in stato interessante e donne che allattano.

I FANS non sono indicati per le donne in stato interessante ma laddove fosse necessario l'unico farmaco che si può assumere è l'ibuprofene mai oltre la 30esima settimana, mentre per le donne che allattano deve essere assunta la dose più bassa e per poco tempo.

Effetti collaterali

Uno dei più pericolosi effetti collaterali legati all'assunzione di FANS è quello di formazioni di ulcere nello stomaco ed emorragie interne e le categorie di persone a rischio sono:

  • avere più di 65 anni;
  • avere già problemi di ulcere ed avere già avuto emorragie interne;
  • avere patologie importanti come ipertensione, malattie cardiache, malattie epatiche ed a carico del rene;
  • assumere un altro farmaco che ha tra gli effetti collaterali la formazione di ulcere ed emorragie;
  • i fumatori;
  • chi assume grandi quantità di alcol.

Oltre ai FANS ci sono altri farmaci che hanno i medesimi effetti collaterali e cioè formazioni ulcerose a carico dello stomaco ed emorragie interne:

  • farmaci usati contro la coagulazione del sangue, come eparina e warfarin;
  • aspirina anche quella a basso dosaggio;
  • corticosteroidei utilizzati per curare gli stati infiammatori ma che indeboliscono le difese immunitarie;
  • gli antidepressivi (inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina e l'inibitore della ricaptazione della noradrenalina).

I pazienti che soffrono di determinate patologie trovano benefici solo assumendo i FANS e queste patologie sono:

  • mal di schiena cronicizzato;
  • osteoartrite;
  • artrite reumatoide.

FANS e le patologie cardiovascolari e le patologie renali:

Anche se raramente è stato appurato che i FANS possono creare importanti effetti collaterali a persone che hanno patologie a carico:

  • del cuore;
  • dei reni;
  • ipertensione;
  • ipercolesterolemia;
  • essere fumatore;
  • essere obeso;
  • aver superato i 65 anni;
  • essere bevitore;
  • essere asmatici.

Le persone che rientrano in questa categoria dovrebbero evitare di assumere FANS per lunghi periodi e sempre sotto stretto controllo medico, monitorando periodicamente la pressione e la funzionalità dei reni.

Importanti effetti collaterali:

Ci sono persone che assumono tranquillamente FANS senza avere effetti collaterali, ovviamente questo si verifica per assunzioni legate al breve periodo, mentre nel lungo i problemi si possono presentare e tra questi ci sono:

  • problemi legati alla digestione;
  • ulcere;

ulcere che possono generare:

  • emorragie gastrointestinali;
  • anemia;
  • perforazione di stomaco o intestino;

Onde evitare peggioramenti è sempre meglio assumere il farmaco a stomaco pieno.

Raramente i FANS possono creare scompensi a livello circolatorio provocando:

  • infarto;
  • insufficienza cardiaca;
  • ipertensione;
  • problemi epatici;
  • problemi renali;

ovviamente questa criticità si presenta nel momento in cui una persona ha già dei problemi a carico dell'apparato circolatorio.

Assunzione contemporanea di farmaci insieme ai FANS.

L'assunzione combinata di più farmaci potrebbe creare importanti effetti collaterali che non devono essere sottovalutati ed essere molto pericolosi e potrebbe anche inibire l'efficacia del farmaco non FANS. Per cui è necessario prestare attenzione all'assunzione di più farmaci ed in particolare bisogna evitare l'assunzione dei seguenti farmaci con i FANS:

  • farmaci che controllano l'ipertensione come l'Enzima di Conversione dell'Angiotensina;
  • farmaci contro la coagulazione del sangue come l'eparina ed il warfarin (farmaci anticoagulanti);
  • farmaci anti rigetto come la ciclosporina;
  • farmaci contro le infiammazioni come i corticosteroidi;
  • farmaci per favorire la diuresi;
  • farmaci per curare il diabete;
  • farmaci antidepressivi a base di litio;
  • farmaci per curare l'artrite reumatoide e la psoriasi come il methotrexate;
  • farmaci per curare l'epilessia come la fenitoina;
  • antibiotici chinolonici;
  • antidepressivi.

L'assunzione di alcol non è sconsigliata a patto che non venga assunto contemporaneamente al farmaco e soprattutto che non ci sia abuso dell'alcol.

Dosaggio dei FANS

Il medico nel momento in cui si appresta a prescrivere un antidolorifico oppure un antinfiammatorio, dovrebbe valutare l'opportunità di prescrivere un altro tipo di farmaco per evitare gli sgradevoli effetti collaterali. Nel caso in cui non sia possibile optare per questa soluzione compito del medico sarà quello di far seguire la cura per lo stretto indispensabile.

Diversi tipi di FANS

Ogni persona ha ovviamente una reazione diversa rispetto ad un altra per quanto riguarda il caso particolare dell'assunzione dei farmaci. È proprio in questo contesto che l'esperienza del medico è fondamentale per consigliare il tipo di farmaco non solo legato alla patologia ma anche alle condizioni fisiche del paziente e di come quest'ultimo possa reagire al farmaco.

Il fai da te è sempre sconsigliato, sia per quanto riguarda passare da un farmaco all'altro sia per quanto riguarda le dosi da assumere ed in caso di sovra dosaggio non esagerato si possono riscontrare:

in caso di una moderata assunzione di farmaco, superiore comunque alla dose prescritta, si possono verificare:

  • abbassamento della pressione;
  • convulsioni;

nel caso di assunzione esagerata di farmaco si possono riscontrare:

In presenza anche solo di uno di questi effetti collaterali è sempre meglio chiamare i soccorsi.

Farmaci antinfiammatori non steroidei

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: