Gambe storte: cause e rimedi

Le gambe storte sono unproblema molto comune, diffusa soprattutto tra i neonati e i bambini, infatti, nella maggior parte dei casi, ciò rappresenta una fase naturale della crescita, quindi, intorno ai tre o quattro anni di età, il problema, generalmente, è del tutto risolto: nei bambini interessati da questo tipo di problema, le ginocchia assumono un’inclinazione diversa rispetto alle caviglie, tuttavia, man mano che il bambino impara a camminare, l’aspetto delle gambe storte sarà sempre meno visibile, fino ad essere completamente eliminato.

Gambe storte: cause e rimedi

Gambe storte


Gambe storte: quando si manifesta la problematica?

In genere intorno all’età di tre anni, anche se, a volte, il problema può persistere anche fino a sette anni; sebbene la deviazione delle ginocchia rispetto alle caviglie sia una condizione naturale della crescita, si può effettuare una visita medica per controllare che questa deviazione non sia eccessiva ed assicurarsi che non ci siano possibilità che le gambe restino storte: in particolar modo, si consiglia di sottoporsi ad un controllo medico se si avvertono dolori alle ginocchia, soprattutto perché il problema delle gambe storte potrebbe dipendere da alcune infezioni e malattie, quali ad esempio il rachitismo o altre patologie del sistema scheletrico; andrebbe consultato un medico anche se la deviazione tra le ginocchia e le caviglie persiste dopo il terzo anno di età, quando il problema non viene più considerato una condizione naturale: il medico deve effettuare alcuni controlli, quali ad esempio le radiografie delle ossa, per valutare ed accertare eventuali disturbi; in ogni modo, l’unica possibilità di correggere totalmente e definitivamente la deviazione è la chirurgia, tuttavia, prima di sottoporsi ad un intervento di questo genere, occorre aspettare di aver compiuto dieci anni, anche per permettere alle ossa di crescere e svilupparsi, in modo naturale, magari correggendo il problema, senza aver bisogno di ricorrere alla chirurgia.


Da quali fattori dipende la curvatura delle gambe?

In genere, i neonati nascono con le gambe storte, a causa della posizione ripiegata che assumono nell’utero, la quale dipende dallo spazio ristretto in cui il feto cresce, tuttavia le gambe assumono una struttura normale, già intorno al secondo o terzo anno di vita, quando il bambino inizia a camminare e le gambe devono sostenere il peso di tutto il corpo, mantenendo l’equilibrio: intorno all’età di tre anni, il femore e la tibia si raddrizzano e le ginocchia prendono forma e si avvicinano, favorendo una corretta postura delle gambe; a questo punto, il bambino può stare in piedi, mantenendo le gambe dritte, altrimenti se, dopo l’età di tre anni, le gambe continuano ad essere divaricate, la condizione diventa patologica e, non più, naturale. Questa condizione patologica può dipendere da diversi fattori, tra i quali ricordiamo il rachitismo, una patologia causata dalla carenza di vitamina D, il morbo di Blount, un disturbo caratterizzato da uno squilibrio nell’accrescimento della parte interna della tibia, le displasie ossee, ovvero modificazioni della composizione cellulare dei tessuti, e le intossicazioni da fluoro e da piombo.

Come appaiono le gambe storte?

I principali sintomi che permettono di individuare la condizione patologica di deviazione delle gambe sono principalmente i seguenti tre:

  • le ginocchia non toccano tra loro, quando si sta a piedi uniti, con le caviglie che si toccano
  • la curvatura delle gambe è la stessa su entrambi i lati del corpo
  • le gambe continuano ad essere curve, dopo i primi tre anni di età

Quali esami accertano la condizione patologica di gambe deviate?

Il medico può diagnosticare la condizione patologica di gambe deviate, conosciuta anche come patologia del ginocchio varo, semplicemente osservando il paziente; i raggi X vengono utilizzati nei pazienti di età superiore ai tre anni, se si osserva una curvatura molto pronunciata oppure fortemente asimmetrica o altri sintomi che suggeriscono la possibilità di una condizione patologica; per valutare un possibile rachitismo, occorre effettuare gli esami del sangue.

Quali sono i possibili trattamenti per eliminare la deviazione delle gambe?

Prevenire il rachitismo non è esattamente possibile, ma assicurandosi che il bambino riceva la giusta esposizione ai raggi solari ed assuma una corretta dose di vitamina D, si può ostacolare l’insorgenza di questa patologia.
Inoltre, non esistono trattamenti raccomandati per la patologia del ginocchio varo, tuttavia il bambino deve essere tenuto sotto controllo e deve effettuare una visita medica ogni sei mesi per valutare eventuali miglioramenti o peggioramenti; se la condizione risulta piuttosto grave, si possono provare delle speciali scarpe, le quali vengono utilizzate per ruotare i piedi, anche se l’efficacia di questo trattamento non è sempre garantita. In alcuni casi, ovviamente tra i casi peggiori, si sceglie di ricorrere alla chirurgia per correggere definitivamente la deformità: nella quasi totalità dei casi non insorgono complicazioni e non ci sono problemi nel riprendere a camminare, come sempre.

Prima di intraprendere qualsiasi tipo di trattamento, però, è necessario che un medico valuti l’entità della curvatura delle gambe, magari attraverso un esame con i raggi X, cercando di individuare le possibili cause, ad esempio effettuando gli esami del sangue per controllare i livelli di vitamina D; infatti, solo dopo aver individuato le possibili cause e la gravità del problema, si può scegliere il trattamento più adatto al tipo di problema.

Esistono rimedi alternativi alla chirurgia per ridurre la curvatura delle gambe?

Sebbene, nella maggior parte dei casi, la chirurgia sia il rimedio più considerato, è necessario ricordare altri rimedi, che possono essere scelti in alternativa alla chirurgia, per risolvere il problema delle gambe storte.

Gli esercizi yoga

Alcune delle pratiche yoga hanno la capacità di rafforzare le ossa e di tonificare il corpo, quindi contribuiscono a ridurre la visibilità della curvatura delle gambe.

L’agopuntura ed i massaggi

Anche l’agopuntura ed i massaggi vengono considerati ottimi rimedi per correggere la deviazione delle gambe; coloro che non hanno la possibilità di sottoporsi a questo tipo di trattamenti, possono massaggiare le gambe, seguendo questo procedimento: occorre, innanzitutto, scaldare un po’ di olio di cocco, quindi bisogna massaggiare, utilizzando l’olio riscaldato, procedendo dal basso verso l’alto ed applicando una pressione che contribuirà a migliorare la forma delle gambe e la postura.

I tutori

I tutori sono, forse, la migliore alternativa alla chirurgia; questi apparecchi devono essere indossati, effettuando controlli periodici da un ortopedico, per un certo periodo di tempo, in modo da favorire una riduzione nella deviazione delle gambe.

Considerazione finale sulla problematica delle gambe storte

Dunque, i bambini nascono con le gambe storte, a causa della posizione assunta all’interno dell’utero; questa deviazione delle gambe, che può risultare più o meno evidente, diminuisce con il passare del tempo, finché il bambino impara a camminare e le gambe, costrette a sostenere il peso di tutto il corpo, assumono una posizione corretta: ciò dovrebbe avvenire intorno al terzo anno di età, perciò se la condizione di curvatura delle gambe persiste viene considerata patologica; a questo punto, è necessario sottoporsi ad una visita medica, per valutare l’entità del problema e la possibilità di intraprendere un trattamento: i possibili rimedi per correggere la deviazione delle gambe sono diversi e di vario genere. Di solito, si aspetta il decimo anno di età, prima di valutare la possibilità di effettuare un intervento chirurgico, soprattutto perché le ossa si stanno ancora formando ed il problema potrebbe risolversi senza ricorrere alla chirurgia; nei casi di curvatura più lieve, si preferisce evitare qualsiasi tipo di intervento, scegliendo altri tipi di trattamento, che possono essere i massaggi o l’utilizzo di tutori.
In conclusione, la curvatura delle gambe viene considerata una vera e propria patologia, quindi è necessario che il problema venga valutato da un medico; una volta accertata l’entità del problema, non resta che scegliere il rimedio che si ritiene più adatto.

Suggerimenti utili in caso di problema di gambe deviate nei bambini e neonati.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo gambe storte: cause e rimedi

Esercizi yoga per migliorare le gambe

Io ho 36 anni e non so' come fare, le mie gambe sono così da sempre.vorrei saperne di piu' sugli esercizi yoga che mi possono aiutare...

Mi vergogno delle mie gambe storte

Ho 35 anni,dico solo che indosso sempre pantaloni a causa delle gambe deviate. se non avessi questo problemone non avrei di che lamentarmi. solo chi lo vive lo puo' capire. ad ogni evento le amiche con abitini corti.ed io mi vergogno ,percio' solito pantalone

Lascia il tuo commento: