Gengivite cura

Avete mai spazzolato i denti e notato sangue sul pennello ogni volta che lo fate? Un dentista esperto è in grado di fornire risposte significative in merito all'argomento.

Per la gengivite la cura non è un problema viste tutte le cure (naturali e non) disponibili grazie alla moderna medicina, ma andiamo prima per gradi, si può avere la gengivite, un'infiammazione delle gengive in cui esse tendono a sanguinare e diventare gonfie a causa della placca e del tartaro, che producono batteri e tossine. Il rischio di sviluppare infiammazioni aumenta se si soffre di una malattia generale, scarsa igiene dentale, si èin gravidanza, o si ha diabete non controllato. La gengivite può portare alla distruzione dei denti o, peggio, alla perdita.

Gengivite cura

Gengivite cura

Carie e gengivite

A volte è favorita la formazione della carie, che può incidere la cavità orale, ma può infettare anche la gola e la mandibola se non trattata. La gengivite va da una forma lieve a casi più gravi. Quando uno non lava regolarmente i denti o  passa il filo interdentale, vi è una maggiore possibilità di sviluppare un caso grave. Il tartaro può  essere combattuto correttamente solo dal dentista.  La pulizia dentale professionale è una parte importante di una buona salute orale e dovrebbe essere fatta due volte l'anno. Se non viene fatta per abitudine, allora le probabilità che vi troverete a sviluppare gengiviti sono maggiori. Stress, cambiamenti ormonali, malattie o disturbi, farmaci, e d ereditarietà possono influenzare. Le misure preventive sono la miglior difesa per tenere a bada questa infiammazione.

Prevenzione e Cura

Il modo migliore per prevenire la gengivite è un programma di buona igiene dentale, uno che si inizia presto e si pratica costantemente per tutta la vita. Ciò significa lavarsi i denti almeno due volte al giorno, al mattino e prima di andare a letto. Il filo interdentale almeno una volta al giorno è essenziale. Meglio ancora, la spazzolatura dopo ogni pasto o spuntino o come il vostro dentista consiglia. Una pulizia completa con uno spazzolino e filo interdentale deve prendere dai tre ai cinque minuti. L'uso del filo interdentale prima dello spazzolino permette di pulire via le particelle di cibo e i batteri.

Seguire questi suggerimenti per mantenere le gengive sane:

  • Scegliete il vostro personale spazzolino da denti . Gli spazzolini elettrici sono fantastici. Evitate rigide o setole dure in quanto sono più inclini a danneggiare le gengive. Le dimensioni e la forma del pennello dovrebbero consentire di raggiungere ogni dente. Ricordate che solo le punte del pennello effettuano la pulizia quindi non c'è bisogno di esercitare una pressione in più. Sostituite lo spazzolino ogni 3 o 4 mesi o anche più spesso. Se le setole sono aperte, avete aspettato troppo.
  • Alcuni dentisti consigliano gli spazzolini da denti elettrici con setole rotanti o vibranti, perché possono essere più efficaci nella rimozione della placca e mantenere i tessuti sani. Le spazzole elettriche possono essere particolarmente utili per le persone con l'artrite, il morbo di Parkinson o altri problemi che interessano la destrezza e la manualità.
  • Spazzolate i denti come se la guarigione dipendesse da questo. La spazzolatura non serve a granché, se non  viene fatta correttamente. Ecco come funziona: pulire le superfici esterne dei denti e gengive, agendo in più direzioni, avanti e indietro, e poi su e giù. Usate tratti verticali per pulire le superfici interne. Per pulire la giunzione tra i denti e le gengive, tenere il pennello in un angolo di 45 gradi rispetto ai denti.
  • Utilizzare il filo interdentale. Se siete come la maggior parte della gente, questa è la parte dell'igiene orale che si tende ad ignorare. E' vero che passare il filo interdentale è un lavoro noioso, ma è molto utile. I collutori antisettici funzionano perché contengono oli essenziali che agiscono nella zona tra un dente e l'altro per uccidere i germi che la spazzolatura non riesce a raggiungere. Eppure, molti dentisti dicono di non usare il filo interdentale. Il collutorio funziona meglio se la sua azione viene combinata con quella dello spazzolino e del filo. Ecco le modalità di uso: utilizzate circa 18 cm di filo cerato o non cerato. Tenete il filo teso e piegato intorno ad ogni dente a forma di C, raschiando su e giù per ogni lato di ogni dente. Ogni colpo deve andare leggermente al di sotto margine gengivale fino a sentire resistenza. L'uso del filo interdentale rimuove la placca tra i denti e aiuta a massaggiare le gengive.
  • Scegliete il dentifricio giusto. La chiave non è il tipo di dentifricio che si utilizza, ma la spazzolatura. Alcuni dentifrici hanno la pretesa di rimuovere la placca e il tartaro o di uccidere i batteri che li causano. La verità è che tutti i dentifrici, compresi quelli naturali, senza additivi di alcun tipo, rimuovono la placca se vi lavate in modo corretto. Nessun prodotto in grado di rimuovere il tartaro sotto il margine gengivale può aiutare a prevenirlo.
  • Usate il colluttorio. Completate la routine quotidiana con un collutorio . Questo, combinato con i passaggi precedenti, aiuta l'eliminazione di batteri e lascia la sensazione di bocca pulita e fresca.
  • Vedete il vostro dentista . Oltre alla quotidiana spazzolino e filo interdentale, vedere il vostro dentista o igienista per regolari controlli e pulizie.

Cure dal dentista

Prendere le misure adeguate di prevenzione. Lavarsi i denti almeno due volte al giorno e usare il filo delicatamente almeno una volta al giorno. E' importante vedere un dentista per pulizie regolari ogni sei mesi. Forse avete bisogno di spazzolino e filo interdentale più spesso, ma non siete consapevoli di questo. Se è la paura che vi impedisce di farvi curare, prendete in considerazione di farvi sedare. La sedazione può aiutare a rilassarvi e rendere l'esperienza più piacevole. La gengivite è una condizione grave che richiede di vedere il vostro dentista non appena iniziate a notare i segni ed i sintomi ad essa associati. Non ritardate nel prendere un appuntamento fino a quando è troppo tardi.
Una volta che l'infezione ha iniziato a progredire a distruggere la gengiva e l'osso intorno ai denti, la pulizia ordinaria non sarà sufficiente a fermarla. Il dentista pulisce accuratamente i denti, rimuovendo depositi dai denti. Egli può togliere un dente sofferente di avanzata parodontite per prevenire la diffusione della malattia ai denti adiacenti. Si consiglia di visitare il  dentista ogni 6 mesi, per una pulizia professionale dei denti.

Cure naturali contro la gengivite

I dentisti curano gengivite con antisettici, ma se volete un percorso alternativo di cura, qui ci sono alcune erbe che possono aiutare.

Sanguinaria Canadensis ( Sanguinaria canadensis ). La difesa della sanguinarina, che si trova in Sanguinaria Canadensis, è sostenuta da molti studi ben  eseguiti. La ricerca mostra che il dentifricio contenente sanguinarine è modestamente efficace contro diversi tipi di batteri orali e che aiuta a ridurre la quantità di placca batterica nel cavo orale in appena otto giorni. Oltre all'uso in erboristeria, gli  estratti  di Sanguinaria Canadensis sono utilizzati dai dentisti per trattare la malattia parodontale.

Camomilla ( Matricaria recutita ). La camomilla è efficace come gargarismo o collutorio per il trattamento della gengivite, perchè contiene molti composti anti-infiammatori e antisettici.
Oltre che per la cura delle malattie gengivali, è possibile utilizzare camomilla anche per prevenirle. Provate un infuso forte di camomilla con 2-3 cucchiaini di erba per ogni tazza di acqua bollente. Macerate per dieci minuti, filtrate e bevete dopo i pasti, oppure utilizzatelo come collutorio. La camomilla, poichè è parente dell'ambrosia, può causare allergie,ma è un fatto molto raro. Se si nota una reazione allergica - prurito o  fastidio - interrompere l'uso di questa erba.

Echinacea ( Echinacea , varie specie). L'erba è antibatterica e immuno-stimolante. Aggiungete un contagocce o due di tintura di echinacea nel collutorio. (Anche se l'echinacea può causare la lingua a formicolare o ad intorpidirsi temporaneamente, questo effetto è innocuo.)

Liquirizia ( Glycyrrhiza glabra ). La liquirizia è un dolcificante che non causa carie e gengiviti. Provate ad aggiungerla alle tisane al posto dello zucchero o miele. Inoltre, la liquirizia è ad alto contenuto di magnesio e composta di glicirrizina, che alcuni studi suggeriscono possa controllare l'infiammazione delle gengive e aiutare la formazione della placca.

Mentre la liquirizia e suoi estratti sono sicuri per l'uso normale in quantità moderata - fino a circa tre tazze di tè al giorno - l'uso a lungo termine o l'ingestione di grandi quantità può produrre ritenzione mal di testa, letargia, sodio e acqua, perdita eccessiva di potassio e pressione alta.
Utilizzata dagli erboristi nel Medioevo, la liquirizia è spesso consigliata per alleviare raffreddori, mal di gola e ulcere, nonché gengivite.

Portulaca ( Portulaca oleracea ). I cibi ricchi di magnesio e vitamina C sono stati spesso raccomandati per il trattamento di malattie gengivali.  La portulaca è una buona fonte di magnesio. Diverse altre erbe, tra cui il coriandolo, il tarassaco, la radice di liquirizia, la foglia di lattuga, i semi di papavero, gli spinaci, l'ortica e i fagiolini sono ricche di magnesio.
Il che mi porta a suggerire una ricetta per tenere a bada la gengivite: un pasticcio di tarassaco, ortica verde, portulaca e foglie di spinaci cotti al vapore. (Promemoria: Avrete bisogno di indossare i guanti durante la raccolta dell'ortica, ma i peli urticanti perdono il loro pungiglione quando le foglie sono cotte)

Salvia ( Salvia officinalis ). Nella tradizione europea popolare a base di erbe, le foglie di salvia, che sono piuttosto grintose, vengono strofinate sulle gengive e sui denti come un dentifricio stimolante. Sembra che questo funzioni, grazie al tannino astringente ed antisettico e a diversi altri composti aromatici. Le foglie di salvia si trovano nei giardini quasi tutto l'anno, e la raccolta di queste foglie è molto più economico rispetto all'acquisto di prodotti contenenti sanguinarine. L'infuso di salvia è forse efficace come un dentifricio contenente sanguinarine.

Alcune ricerche moderne sembrano sostenere questo approccio della medicina popolare.  Mettere 2-3 cucchiaini di foglie secche di salvia per ogni tazza di acqua bollente per fare un infuso anti-gengivite. È meglio, però,  utilizzare la salvia con moderazione, in quanto contiene una discreta quantità di tujone, un composto che in dosi molto elevate può causare convulsioni.

( Camellia sinensis ). Come per la salvia, il tè è astringente, e aiuta a tenere lontani i batteri responsabili della carie e gengiviti. Il tè contiene anche almeno cinque composti antibatterici. Addolcire con liquirizia.

Calendula ( Calendula officinalis ). Con le sue proprietà antibatteriche, antivirali e immuno-stimolanti, l'estratto di calendula può essere utile nel trattamento della gengivite. Fate attenzione se avete la febbre da fieno, però, perché le persone che sono allergiche all'ambrosia potrebbero essere allergiche anche a questa pianta. E se si assume e si ha una reazione allergica- prurito o qualsiasi altro malessere - interrompere l'uso.

Menta piperita ( Mentha piperita ). Non si può contare sulla " menta "nei dentifrici per avere un alcun aiuto nel prevenire gengiviti, perchè la maggior parte dei prodotti sono aromatizzati artificialmente. Ma la menta combatte i batteri che causano la carie. Si può fare un infuso con due cucchiaini di foglie schiacciate di menta per tazza di acqua bollente. Macerare per dieci minuti, poi addolcire con liquirizia e bere il tè o usarlo come colluttorio. Si possono anche masticare foglie di menta fresca, invece di caramelle alla menta zuccherate.

Ratania ( Krameria triandra ). Usare la corteccia di Ratania per il trattamento delle gengiviti. Come il tè, questa erba è ricca di  tannini astringenti ed antisettici. Per fare un tè di Ratania, aggiungere un cucchiaino di erba secca in una tazza di acqua bollente. Berlo o usarlo come collutorio astringente.

Ortica ( Urtica dioica ). L'ortica verde contiene una buona quantità di magnesio e il tè di ortica ha attività antibatterica. I collutori e i dentifrici contenenti ortica riducono placca e gengiviti. E 'ancora più efficace se si utilizza in sinergia con il ginepro. Cercare prodotti dentali contenenti queste erbe nei negozi di alimenti naturali.

Teatree ( Melaleuca , varie specie). L'olio di teatree è un antisettico significativo, gli erboristi e molti lo considerano come loro prima scelta come disinfettante per uso esterno. Ma se state utilizzando Teatree per curare le piaghe da gengiviti e cancro, assicuratevi di non ingoiarlo.
Per combattere la gengivite, aggiungere un paio di gocce di olio Teatree ad un bicchiere d'acqua, poi sciacquare la bocca. Come con qualsiasi altro olio essenziale, il Teatree non dovrebbe mai essere preso internamente, perchè una quantità sorprendentemente piccola - un cucchiaino o poco più - può essere fatale.

Crescione ( Nasturtium officinale ). Nel XIX secolo i giovani lasciarono la Cina per San Francisco, sperando di trovare fama e fortuna.
Una volta arrivati, furono trasportati al lavoro sulla ferrovia, e molti morirono di tubercolosi. La leggenda narra che abbiano scoperto attraverso la sperimentazione disperata che il crescione aiutava nel trattamento della tubercolosi. Alcuni, ripresisi dopo aver mangiato quest'erba, decisero di portarla a casa segretamente in Cina. Con il denaro che avevano conservato e i semi della pianta salvavita, sono tornati in patria.
Oggi i cinesi del Sud masticano crescione per trattare le gengive doloranti. Se vi piace il sapore del  crescione, potreste provare a masticarlo per curare la gengivite.

Curiosità sulla gengivite

La gengivite è leggermente più frequente nei maschi che nelle femmine, perché le femmine tendono ad avere una migliore igiene orale.

Suggerimenti e cure per curare la gengivite.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo gengivite cura

gengivite cura

Significativo perchè è un rimedio naturale e potrebbe sostituire il dentista se fatto precocemente

Rimedio naturale per il problema di gengivite

masticare tutti i giorni per circa un mese menta , salvia e ortica fresca, ha risolto il mio problema di gengivite.

Lascia il tuo commento: