Gengivite sintomi

I sintomi della gengivite sono conosciuti e facilemente identificabili, la gengivite è un'infiammazione delle gengive, è la fase iniziale della malattia parodontale e la più facile da trattare. La causa diretta della gengivite è la placca, la morbida, appiccicosa pellicola incolore di batteri che si forma costantemente sui denti e gengive. Se la placca non viene rimossa dal quotidiano uso dello spazzolino e del filo interdentale, produce tossine (veleni) che possono irritare il tessuto gengivale, causando gengivite.

Gengivite sintomi

Gengivite sintomi

In questa fase iniziale della malattia, il danno può essere contenuto, dal momento che l'osso e il tessuto connettivo che tengono i denti a posto non sono ancora colpiti. Se non curata, tuttavia, può diventare la più seria parodontite e causare danni permanenti ai denti e alla mandibola.

Informazioni sui sintomi primari della gengivite

Come faccio a sapere se ho la gengivite?

I segni classici, sintomi di gengivite sono rossore e gonfiore alle gengive, che possono sanguinare quando vengono spazzolate. Un altro segno della malattia  è che le gengive si ritirano o si tirano fuori dai denti, dando ad essi un aspetto allungato. Questa infiammazione può provocare la formazione di cavità tra i denti e le gengive, dove si raccolgono la placca ed i residui di cibo. Alcune persone possono provare ricorrente alito cattivo o un cattivo sapore in bocca, anche se la malattia non è avanzata.

Approfondimento clinico sui sintomi della gengivite

Durante la gravidanza, le mestruazioni, la pubertà, l'uso di contraccettivi aumenta l'incidenza di gengiviti. Inoltre, l'assunzione di alcuni farmaci è spesso accompagnata da gengivite. Lo sviluppo eccessivo del tessuto gengivale causato da questi farmaci rende difficile rimuovere la placca e favorisce l'infiammazione. In questi casi, occorre la rimozione del farmaco, spesso, la correzione chirurgica (asportazione del tessuto eccedente).
I sintomi durante la  gengivite acuta sono caratterizzata da iperemia (maggiore afflusso di sangue) ed edema delle gengive, sanguinamento, dolore, bruciore cronico, perdita di sensibilità.
Nel progredire della malattia si ha gengivite iper tropica (che cresce e copre parzialmente le corone dei denti, più dal lato vestibolare). La maggior parte delle anomalie si rilevano nei denti. Il margine gengivale sembra grigio sporco, la  pellicola è facilmente staccabile. La nuda superficie delle gengive è di colore rosso scuro, sanguinante. La lunghezza della lesione è variabile con bordi frastagliati.
Il dolore è acuto, ed è presente l'incapacità di assumere cibo.
C'è odore fetido dalla bocca, salivazione eccessiva.
I linfonodi regionali sono ingranditi, e dolorosi.
La temperatura corporea è di 38-39 ° C, c'è letargia, mal di testa.
L'ulcerazione può diffondersi alla mucosa orale.

La gengivite anche in gravidanza

La gengivite in gravidanza si sviluppa sullo sfondo di cambiamenti ormonali. Spesso la presenza di nausea nel trimestre non permette per una corretta igiene orale. Sotto l'influenza di stimoli deboli (per esempio il tartaro) si crea un tumore ("tumore gravidanza"),  la proliferazione di tessuto gengivale negli spazi inter dentale, che presenta facile sanguinamento al contatto. Il trattamento dovrebbe includere la rimozione del "tumore".

In sintesi la gengivite

La gengivite non è una condizione dolorosa. Se siete in attesa che si verifichi dolore prima di vedere un dentista,  potreste dover ricorrere ad un aiuto urgente per la degenerazione in una malattia gengivale grave. Cercate altri sintomi come l'arrossamento delle gengive invece della loro normale condizione rosa, e il sanguinamento, che si verifica durante lo spazzolamento e l'uso del filo interdentale nel corso di settimane o mesi.

I segni della gengivite non sono molto difficili da riconoscere, ma sarebbe impossibile per un profano identificare correttamente la causa delle infiammazioni o delle emorragie, o qualsiasi altro sintomo che verifichi. Il vostro dentista sarebbe più in grado di fare una valutazione accurata dei sintomi di gengivite e raccomandarvi il trattamento appropriato.

Ecco un elenco sintetico dei sintomi che possono lasciare presupporre la presenza di gengivite:

  • gengive gonfie
  • alito cattivo o alitosi
  • sanguinamento delle gengive durante lo spazzolamento con lo spazzolino e l'uso del filo interdentale
  • colore rossastro delle gengive
  • dolore
  • infiammazione, gonfiore, arrossamento e dolore o possibile sanguinamento delle gengive
  • scolorimento delle gengive e cambiamenti strutturali, possono comparire anche segni di recesso e potrebbero apparire arrossate ed infiammate piuttosto che avere il colore rosa sano che hanno normalmente. Potrebbero essere visibili cambiamenti nel modo in cui i denti si incastrano verso il basso o nella morsa dentaria, e per coloro che indossano protesi si possono notare dei cambiamenti nel modo in cui si indossa.
  • può non essere presente alcun dolore, ma le gengive possono essere tenere  quando vengono toccate.
  • le gengive sono  molto più deboli e si nota che sono molto più suscettibili a traumi e ad emorragie molto frequenti quando vi lavate i denti.
  • negli stadi più avanzati la formazione di sacche tra gengive e denti possono essere molto pronunciate e facilmente visibili, a causa dello stato di degrado del tessuto gengivale e osseo.
  • la perdita di tessuto osseo e gengivale causerà anche l'allentamento dei denti nelle gengive  e  sanguinamento mentre vi lavate.

Alcune domande da farvi per riconoscere la gengivite:

Le vostre gengive sanguinano quando fate la pulizia dal dentista?
Avete le gengive gonfie e doloranti dopo l'uso del filo interdentale?
Avete mai notato sanguinamento dopo esservi lavati i denti?
Il vostro dentifricio quando lo mettete sullo spazzolino inizia con l'essere bianco e finisce rosa?
Dopo aver utilizzato spazzolino e filo interdentale fare il test della lingua sui vostri denti? Sentite la superficie di ogni dente ... è bella e liscia? o un po' confusa qua e là?
All'osservazione, le gengive sono rose e ferme? o gonfie e rosse?
Le vostre gengive hanno qualche puntino bianco o sono lisce e lucenti?

Trattamento dei sintomi della gengivite

Le regole generali per il trattamento della gengivite sono la rimozione della placca, il tartaro, il rispetto delle regole dell''igiene orale, l'eliminazione di altri fattori. Le persone con aumento della suscettibilità alle malattie infiammatorie periodontali dovrebbero fare cicli preventivi appropriati di la pulizia dei denti dalla placca  con un dentista, 2 volte al mese per 2-4 volte all'anno, ed imparare ad utilizzare farmaci che contribuiscono alla protezione locale della mucosa orale. Localmente, utilizzare un antibatterico e degli antisettici (gel lubrificante 2 volte al giorno, risciacquo  soluzione di perossido di idrogeno con concentrazione 1,5%).

Perché è importante trattare tempestivamente la gengivite?

Una recente ricerca rivela un legame tra la salute delle gengive e il benessere generale del corpo. Legami tra infezione delle gengive e problemi di salute come diabete, pressione alta, malattie cardiache e parto prematuro sono stati stabiliti dalla comunità medica. Pertanto, il beneficio non è solo trattare la malattia localmente, ma anche prevenire per il futuro il ripetersi di danni per la salute.

Se la gengivite non viene risolta si verifica a livello cronico un' infezione più profonda delle strutture di supporto del dente, come le ossa e le fibre di attaccamento. Questa condizione è nota come malattia parodontale. I batteri responsabili non solo invadono i tessuti gengivali, ma distruggono anche le fibre che fissano il dente.

Prevenzione: un trattamento semplice e quotidiano per prevenire la gengivite

La gengivite è facilmente prevenibile con spazzolatura quotidiana, filo interdentale, il risciacquo con il colluttorio, così come il massaggio con spazzole interdentali.
E' bene inoltre utilizzare collutori a base di perossido di idrogeno, e dentifrici contenenti triclosan, che hanno dimostrato di essere particolarmente utili negli ultimi anni, insieme con la pulizia professionale da un igienista dentale.  Inoltre, la ricerca sul consumo di calcio e la malattia parodontale ha scoperto che uomini e donne, soprattutto tra i 20 e i 30 anni, con un apporto giornaliero di calcio inferiore a 500 milligrammi, o la metà della dose raccomandata, presentano due volte più la probabilità di sviluppare malattie gengivali.
Inoltre, i medici affermano che una corretta igiene orale può prevenire problemi cardiaci causati da infezioni che si muovono attraverso il corpo tramite il flusso sanguigno.

Come riconoscere la gengivite basandosi sui sintomi principali.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo gengivite sintomi

Grazie della descrizione dettagliata sulla gengivite

molto soddisfacente e dettagliata la descrizione del problema e i consigli sui rimedi per curare i sintomi sono piu che soddisfacenti
grazie

Informazioni sulla gengivite

Grazie delle informazioni

I sintomi della gengivite

molto interessante ben specificato anche per gli anziani che abitano lontano dal dentista

Lascia il tuo commento: