Ginseng in fitoterapia

Il ginseng è ben noto per le sue proprietà da molti millenni nell'Estremo Oriente, che ne fa uso attribuendole svariati effetti terapeutici, il Panax ginseng (deriva dal greco "guarire tutto") viene però considerato anche come un integratore e come un tonico generale, oltre che come pianta curativa. Al ginseng viene attribuita la proprietà di alleviare cefalea, stanchezza, esaurimento ed amnesia e di rallentare il processo di invecchiamento. Il ginseng è ritenuto in grado di aiutare l'organismo a ristabilirsi nei casi di grave affaticamento o dopo aver subito dei traumi.

Ginseng in fitoterapia

Ginseng

I principi attivi del ginseng:

II ginseng contiene una tale varietà di componenti che i ricercatori hanno incontrato difficoltà nel determinare a quale di essi o a quale combinazione fossero da attribuire le proprietà che gli venivano riconosciute.

Nel ginseng sono presenti una sostanza amara saponinica, zuccheri, panacene, vitamine B1, B2 e D, e sostanze estrogeniche che svolgono azioni di stimolo del sistema nervoso centrale e del sistema immunitario, aumentando la resistenza alle infezioni.

Come usare il ginseng

Oltre alla varietà asiatica, ne esiste anche una americana (Panax quinquefolium) ed una brasiliana. Esiste inoltre una radice chiamata Eleutherococcus senticosus, una varietà conosciuta come ginseng siberiano. Le saponine di quest'ultima specie sono leggermente diverse, per cui funge da vasodilatatore, provoca cioè la dilatazione dei vasi sanguigni, favorendo la circolazione.

Erboristeria fitoterapia dimagrire

Lascia il tuo commento: