Ginseng: Panax ginseng

Il ginseng è consumato da millenni in moltissimi paesi per via delle sue efficaci e salutari virtù.

Il ginseng o panax ginseng nasce come erba officinale cinese e fa parte della medicina tradizionale asiatica da migliaia di anni,questa pianta, in oriente, è considerata un elemento essenziale sia per prevenire che per curare ed ad oggi è una delle più utilizzate al mondo.

Ginseng Panax ginseng

Ginseng o Panax ginseng


Origini del ginseng:

Il nome originale ‘Panax’ deriva dal greco che tradotto significa ‘Panacea’, ovvero guarigione, proprio per i benefici che il Ginseng dà alla forma fisica dell’uomo. La pianta appartiene alla famiglia delle Araliaceae, è perenne, ha una crescita lenta (4-6 anni) e la sua radice può vivere fino a 100 anni.

Esistono diverse specie che crescono in diversi continenti; tutte sembrano avere simili proprietà nella guarigione e nel ristabilire l’equilibrio tra mente e corpo, tuttavia alcune sono ricercate per benefici specifici. La parte utilizzata è la radice, sia fresca che seccata, polverizzata e amalgamata alle composizioni medicinali oppure nei the.


Proprietà del ginseng:

Da diverso tempo ormai la cultura occidentale rivolge la sua attenzione alle conoscenze della medicina orientale e in particolare all’utilizzo del Ginseng per sfruttarne le sue potenzialità: questa radice viene utilizzata come tonico per esaltare la vitalità, il vigore e la resistenza psicofisica allo stress della vita moderna.

La particolarità dei suoi poteri terapeutici sta nel dare beneficio all’intero organismo, portando armonia in tutto il corpo che si riflette nel miglioramento della salute mentale e fisica.


Principi attivi del Ginseng:

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.


Benefici del ginseng:

Il Ginseng viene comunemente usato per normalizzare le funzioni fisiologiche, a seconda delle necessità di un individuo.

In particolare, elimina la stanchezza mentale e fisica, riduce gli effetti dell’età e ha proprietà anti-tumorali. Inoltre, riduce gli effetti dello stress, migliora le performance, aumenta i livelli energetici e aiuta la memoria.


Cosa contiene in ginseng?

Il Ginseng contiene diverse vitamine e minerali fondamentali per il sistema immunitario, che una volta stimolato, aiuta a guarire dalle malattie (ottimo per raffreddore o influenza). Gli estratti di Ginseng stimolano la produzione di interferone (che aiuta l’attività del sistema immunitario), abbassano il colesterolo e i livelli di trigliceridi nel sangue, e possono essere di aiuto nelle disfunzioni erettili e nel ridurre i sintomi della menopausa.

È inoltre dimostrato che il Ginseng riduce i livelli di stress e chi lo usa regolarmente è facilitato nel sopportare meglio l’attività fisica e lo stress emozionale.

Importanti sono infine gli effetti del Ginseng nel combattere i segni dell’invecchiamento.


Tipi di ginseng:

Il ginseng di divide in tre tipi principali, a seconda del luogo d’origine:

Ginseng Coreano (o Asiatico), detto Panax Ginseng

È la varietà rossa, la più forte, ottenuta da un particolare trattamento della varietà bianca. Questo tipo di ginseng viene utilizzato per le sue proprietà nello stimolare le funzioni dell’organismo e tonificare il corpo per poter combattere lo stress e la fatica.

In particolare il Ginseng coreano abbassa la glicemia (ottimo per diabetici), stimola il sistema immunitario (aumenta la produzione di linfociti T) e contiene diversi antiossidanti. Bilancia anche il rilascio di ormoni in seguito a stress andando ad agire sulle ghiandole come l’ipotalamo, l’ipofisi e le surrenali; stimola il rilascio di endorfine e quindi ci fa sentire meglio. Si riscontrano inoltre benefici a livello sessuale: negli uomini migliora le funzioni sessuali ed è usato come rimedio per l’impotenza, mentre nelle donne si crede possa aumentare i livelli di estrogeni ed è usato nel trattamento dei sintomi della menopausa.

Sembra che i ginsenosidi del Ginseng Coreano possano anche incrementare la sintesi e l’attività dei neurotrasmettitori e aumentare la circolazione sanguigna e questo spiega le sue proprietà nel rinforzo della memoria, della concentrazione e delle capacità cognitive.

Ginseng Americano, detto Panax quinquefolium L.

Questa varietà di Ginseng sembra avere come effetto principale quello di calmare l’organismo, permettendo di recuperare energie e migliorare la resistenza in modo da affrontare lo stress quotidiano o i sintomi della depressione.

Il Ginseng Americano può essere usato per migliorare la resistenza agli sforzi fisici e mentali, come il recupero dopo una malattia, durante la convalescenza o un esame. Contiene ginsenosidi diversi rispetto al Ginseng coreano che hanno un effetto più sedativo.

Anche questa varietà di Ginseng aumenta la produzione di linfociti e rinforza il nostro corpo dall’attacco continuo di virus e batteri. È utile per combattere influenza e malattie respiratorie. Inoltre abbassa il colesterolo e la glicemia, ed è utilizzato anche per la sua capacità di facilitare la digestione.

Ginseng Siberiano, detto Eleutheroococcus senticosis:

Non è un vero e proprio Ginseng perché non appartiene alla famiglia Panax. Il Ginseng Siberiano non contiene ginsenosidi (elementi terapeutici contenuti nel Ginseng) ma produce composti chimici molto simili in grado di avere le stesse proprietà; infatti il nome è rimasto per millenni accostato agli originali Ginseng derivati da piante Panax.

Il Ginseng Siberiano fornisce energia al corpo per combattere fatica e stress, aumenta la produzione di linfociti migliorando il sistema immunitario, aiuta ad incrementare i livelli di concentrazione e memoria, aumenta la circolazione e abbassa i livelli di colesterolo e glicemia. In particolare, questa varietà di Ginseng ha la caratteristica di alleviare diversi sintomi della sindrome premestruale.

Anch’esso ha proprietà antiossidanti, per cui può aiutare a prevenire il danno cellulare, le malattie cardiache, il tumore e l’invecchiamento.


Ginseng aiuta a perdere peso:

Le proprietà del Ginseng possono essere sfruttate per perdere peso. Chi è in sovrappeso ha generalmente un metabolismo più lento che fa aumentare l’assorbimento dell’energia in eccesso contenuta nel cibo, la quale viene immagazzinata sottoforma di grasso. Il Ginseng, attivando il metabolismo, è in grado di ridurre la parte di energia assorbita che viene convertita in grasso. Il suo utilizzo è utile per dimagrire perché aumenta i livelli di energia e forza, quindi è possibile migliorare le proprie prestazioni durante un esercizio fisico. In particolare quando si è a dieta, il nostro corpo riceve un minor quantitativo di calorie e spesso sembra che non ci siano le energie per una salutare attività fisica. Il Ginseng con il suo effetto tonificante aiuta l’organismo aumentando l’apporto energetico giornaliero senza la necessità di aumentare le calorie introdotte con il cibo.

Ginseng aiuta a stare svegli:

Il the al Ginseng è indicato come stimolante per il nostro cervello e per questo viene utilizzato per rimanere svegli, però purtroppo ha l’effetto collaterale di causare insonnia se preso prima di andare a dormire.

Ginseng aiuta i capelli:

Sono noti i benefici che il Ginseng porta al sistema cardiocircolatorio e alla regolazione del metabolismo cellulare; grazie a questi effetti, se usato negli shampoo può aiutare a nutrire e rinforzare il capello dalla radice


Dosaggio e utilizzo:

Secondo le tradizioni, la dose ottimale di ginseng è di circa 2-3 grammi al giorno, corrispondenti ad una fetta di radice o una capsula di polvere. La radice può essere infusa nel the, bollita lentamente nel brodo di pollo, invecchiata per qualche mese nei liquori o semplicemente masticata. Qualsiasi sia la modalità di somministrazione scelta, sarà possibile apprezzarne le qualità curative.


Effetti collaterali:

Generalmente il Ginseng è ben tollerato ma a volte può dare mal di testa, nervosismo, insonnia, problemi gastrointestinali e reazioni allergiche. L’abuso può portare ad un abbassamento anomalo della glicemia. È sconsigliato l’uso alle donne in gravidanza o in allattamento a causa dei composti del Ginseng che mimano gli effetti degli estrogeni.

A che serve assumere il panax ginseng? Il ginseng è una pianta dalle virtù terapeutiche utili.