Glutammina: a cosa serve la glutammina

Glutammina a cosa serve la sua assunzione? La l-glutammina è un aminoacido dalle interessanti proprietà ed effetti benefici, se avete un particolare interesse per il fitness, in particolare per gli allenamenti di bodybuilding o pesi, allora avrete sicuramente sentito parlare della L-glutammina e dei peptidi della glutammina.

Quando svolgete il vostro allenamento e volete sviluppare i muscoli e perdere peso, cercate ovviamente ogni possibile vantaggio per ottimizzare i vostri sforzi e con l'assunzione di integratori di glutammina, potrete essere in grado di aumentare i benefici di un allenamento completo.

Glutammina: a cosa serve la glutammina

Glutammina

Glutammina:

Glutammina integratori

Molti degli studi fatti sulla L-glutammina sono stati condotti utilizzando glutammina per via endovenosa e non usando integratori. Questa è una distinzione molto importante perché molto di quel che si sa sugli integratori deriva da studi che non utilizzano gli integratori come mezzi per la ricerca.

Il presupposto è che, poiché il prodotto per via endovenosa è utile in molti modi, un integratore poi dovrebbe essere ancora più vantaggioso se non altro per l'assunzione "poco invasiva".

Glutammina cosa è ed a cosa serve

La glutammina è un aminoacido fondamentale per l'organismo umano per riparare le cellule e per rafforzare il sistema immunitario, basti pensare che oltre il settanta per cento del corpo umano è costituito da aminoacidi, con ben venti tipi diversi di essi, tutti con funzioni ben specifiche ed essenziali per il funzionamento dell'organismo.

Di tutti gli aminoacidi presenti nel corpo, la glutammina è quella più presente nei muscoli e nel sangue. Questo aminoacido è spesso richiesto in quantità elevate, soprattutto se il corpo è sotto stress o se sta eseguendo una routine di allenamenti sportivi, ed è per questo motivo che chi pratica fitness o altri sport tende ad assumere integratori di L-glutammina per far fronte alla maggior esigenza di glutammina appunto.

Benefici e proprietà della L-glutammina:

Il primo e più importante beneficio legato alla L-glutammina è quello che riguarda lo sviluppo dei muscoli. Si ritiene infatti che la glutammina aiuti a sviluppare la massa muscolare, riducendo la quantità di grasso corporeo e volumizzando il tessuto muscolare (fenomeno che avviene quando l'acqua entra dentro al muscolo).

Effetti della glutammina:

  • Effetti vasodilatatori: in primo luogo promuove la vasodilatazione del muscolo e tale fisiologica reazione viene chiamata in gergo pump.
  • Sintesi proteica: in secondo luogo, l'afflusso d'acqua contribuisce a creare più proteine e quindi favorisce la sintesi proteica.
  • Prevenzione della disgregazione muscolare: contribuisce anche a prevenire la prematura rottura delle proteine esistenti nel muscolo.

Un altro vantaggio della glutammina è quello legato al tempo di recupero dopo gli allenamenti, cosa molto importante soprattutto per i sollevatori di pesi ed i bodybuilders.

Una delle chiavi per la formazione del muscolo e lo sviluppo muscolare è quella di fare in modo che i muscoli abbiano la possibilità di recupero dopo gli allenamenti e la glutammina aiuta anche in questo.

Alcuni studi hanno dimostrato infatti che la L-glutammina riduce i tempi di recupero nei post operatori e proprio grazie a questo risultato si è ipotizzato che i tempi di recupero ridotti si potessero avere anche per gli allenamenti di sollevamento pesi.

La glutammina antiossidante contro i radicali liberi:

quando una cellula del corpo utilizza l'ossigeno, questa cellula come conseguenza produce radicali liberi che possono causare una serie di problemi. Al fine di combattere gli effetti dei radicali liberi sono necessari gli antiossidanti, proprietà riconosciute comunemente per combattere i radicali liberi e che di conseguenza aiutano a ridurre la possibilità del formarsi di patologie anche gravi.

Uno dei più potenti antiossidanti che si trovano nel corpo umano è il glutatione e l'assunzione di integratori di glutammina è in grado di evitare la diminuzione dei livelli di glutatione, aumentandone in certi casi anche la produzione.

Infine altri benefici dati dalla glutammina sono di favorire il naturale rilascio dell'ormone della crescita, che si crede contribuisca a stabilizzare il tasso di proteine nei muscoli, a migliorare le funzioni degli anti infiammatori nel corpo e le score di glicogeno.

Possibili effetti collaterali e controindicazioni della glutammina:

La notizia migliore è che la glutammina è prodotta naturalmente dal corpo e per questo motivo non dovrebbero verificarsi effetti collaterali significativi assumendo questo integratore, tuttavia in alcuni casi però, se si prende troppa glutammina, si potrebbe riscontrare un lieve mal di stomaco e per altro come da consuetudine è sempre meglio consultare il proprio medico prima di assumere integratori di L-glutammina, poiché potrebbero esserci effetti collaterali dati da particolari interferenze attribuibili a trattamenti farmaceutici eventualmente in atto.

Glutammina (effetti collaterli e proprietà benefiche della glutammina)

Integratori alimentari

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo glutammina: a cosa serve la glutammina

A cosa serve la glutammina

La glutammina è un amminoacido polare. La sua molecola è chirale. L'enantiomero L è uno dei 20 amminoacidi ordinari, il suo gruppo laterale reca un gruppo carbossammide. È l'ammide dell'acido glutammico.
La glutammina è coinvolta nei processi digestivi ed una sua carenza può portare a facile esaurimento fisico e mentale. Oltre ad essere essenziale per il metabolismo del sistema nervoso, è anche un intermedio basale delle funzioni epatiche e renali.
Nei neuroni viene convertita in acido glutammico dall'enzima glutaminasi. L'acido glutammico ha attività eccitatoria sul neurone ed in quantitativi eccessivi è tossico. Un'ingestione eccessiva porta alla morte dei neuroni, soprattutto della corteccia cerebrale, tramite l'attivazione del suo recettore ionotropico NMDA. Questo può succedere (e vi sono decine di casi clinici riportati al riguardo) in persone mentalmente disabili che fanno ingestione di prodotti alimentari contenenti un'alta dose di glutammato monosodico come esaltatore di sapidità, come i dadi da minestrone.
L'addizione di glutammina alla dieta di animali esposti ad un'altra neurotossina, l'acido chinolinico, ha portato ad un aumento significativo dei danni neurali.
Un accumulo di glutammina si osserva anche nei malati della malattia di Alzheimer e della corea di Huntington, nonché nei malati di sclerosi laterale amiotrofica. Studi recenti mostrano che elevati livelli di glutammina aumentano la concentrazione di radicali liberi che vanno ad ostacolare il regolare funzionamento dei mitocondri.
Dato che la glutammina è anche un carburante muscolare, l'esercizio atletico contribuisce ad abbassarne il livello ematico prima che questa possa accumularsi nei tessuti nervosi. Per questo motivo la glutammina è utilizzata come integratore alimentare.
È stato ipotizzato che la glutammina venga metabolizzata a livelli superiori al normale in soggetti affetti da malattie che mettono sotto stress il sistema immunitario, quali l'HIV.

Lascia il tuo commento: