Gonfiore di stomaco: cause

Quali sono le cause del gonfiore di stomaco? L’ultima cosa che volete affrontare mentre si sta svolgendo un importante evento della vostra vita (per esempio, il vostro matrimonio ), è la condizione del gonfiore di stomaco. Il gonfiore di stomaco vi fa sentire pesanti, vi imbarazza perché magari siete pure longilinei e quel filo di pancetta proprio stona assai con il vostro fisico. Tranquillizzatevi, ora vi spiegherò da cosa dipende questo malessere più o meno passeggero ed i rimedi per affrontarlo.

Gonfiore di stomaco: cause

Gonfiore di stomaco cause

Cause generalmente legate al gonfiore

  • Ritenzione idrica: bevete poca acqua e magari pure quella che presenta un notevole contenuto di sodio
  • Aumento del peso corporeo (come ad esempio nel caso delle donne in gravidanza)
  • Consumate cibi troppo elaborati (ne scaturisce un ritardo nello svuotamento dello stomaco che provoca appunto questa distensione)
  • Abusate nell’ingerire troppi caffè e tè
  • Presentate un deficit enzimatico (e lo ignorate)
  • Lo sport è poco presente nel vostro stile di vita o assente del tutto

Cause più specifiche: intolleranze agli zuccheri

Avete notato che dopo aver sorseggiato una bella tazza di latte o l’aver consumato un gustoso yogurt avete quell'indesiderato gonfiore di pancia?

Ebbene potreste essere intolleranti al lattosio. Esso è il principale zucchero contenuto nel latte.

Se avete appunto un deficit enzimatico il vostro apparato digerente faticherà a digerire questo zucchero e produrrà il gas responsabile del gonfiore.

Addirittura vi sono delle popolazioni più colpite da questa carenza enzimatica, come i nativi americani, gli asiatici e gli africani presentano, un basso livello di lattasi (enzima deputato alla digestione del lattosio) già dopo la nascita, che tende a diminuire con l’avanzamento dell’età.

Un altro tipo di zucchero a cui potreste essere intolleranti è il raffinasi, contenuto in tutte le famiglie dei cavoli (quindi anche nei broccoli). Esso è un polisaccaride che fermentando nello stomaco provoca questa odioso disagio.

Avete notato che dopo aver fatto uno spuntino con una banana, dell’uva e delle albicocche la vostra pancia si gonfia? Potreste essere intolleranti al fruttosio, ovvero allo zucchero presente nella frutta.

Infine dovete sapere che potreste essere intolleranti perfino al sorbitolo, chiamato anche “zucchero di massa” in quanto è un dolcificante usato a livelli industriali per produrre il pane, i dolci, nella gomma da masticare.

Vi sarete chiesti tante volte come mai voi producete più gas dopo aver mangiato lo stesso identico cibo, rispetto ad un vostro familiare, amico.

Ecco svelato il mistero: alcuni dei più comuni batteri presenti nell’ intestino di queste persone sono in grado di distruggere l’idrogeno prodotto da altri ceppi batterici.

Lo stesso discorso evidentemente non vale per voi.

Anche la cottura del cibo comunque influisce sul gonfiore o meno addominale, per cui quando cucinate le patate assicuratevi che siano ben cotte.

Stesso discorso quando vi recate a comprare il pane: controllate che sia indorato bene.

Vi ricordo che poi vi sono anche amidi che favoriscono il gonfiore come quelli contenuti nelle patate, nel grano e nella pasta. Il riso lo potete consumare tranquillamente, in quanto contiene una bassa percentuale di amido.

Vi sono dei cibi che contengono un differente tipo di fibre ed è questo che alla fine incide sulla formazione del gas intestinale.

Le lenticchie, i fagioli, le cipolle ed i cereali integrali, presentano tipi di fibre solubili che non vengono intaccate finchè non raggiungono l’intestino crasso dove la digestione causa il gas.

Gli asparagi, il finocchio, l’ananas e la mela contengono quelle insolubili, che passando immutate attraverso l’intestino producono una minore quantità di gas.

Rimedi per far passare il gonfiore

  • Provate a non mangiare per qualche settimana quel tipo di cibo che secondo voi vi causa un rigonfiamento, anche per vedere se la vostra è una tolleranza leggera o grave (consultate comunque un medico)
  • Praticate dello sport che comprende passeggiate, svolgete esercizi mirati per gli addominali (questi si possono fare anche a casa, su un tappettino)
  • Fumate poco (l’inalazione di una eccessiva aria può essere un’altra causa del gonfiore)
  • Mangiate lentamente, senza parlare
  • Bevete tanta acqua naturale (controllate sempre che contenga poco sodio)
  • Bandite le bevande alcoliche o quelle analcoliche fruttate
  • Potete anche sostituire il sale normale con quello iodato
  • Evitate di comprarvi le caramelle, le gomme da masticare
  • Evitate situazioni di stress (le donne devono restare molto calme durante la fase della premestruale o della menopausa)
  • Ricorrete all’uso della anice verde, del cumino (antispasmodici naturali)
  • Limitate i dolci.

Infine se il gonfiore persiste andate assolutamente a sentire il parere di uno specialista per escludere che non sia legato ad un caso di cancro o ad un tessuto cicatriziale formatosi dopo un intervento chirurgico.

Seguite i miei consigli e vedrete come ritornerete in forma.

Quali sono le cause del gonfiore di stomaco?

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo gonfiore di stomaco: cause

Gonfiore di stomaco e fitte

Le risposte sono state molto soddisfacenti ma il gonfiore. Accompagnato da fitte puo' essere causato dalla ernia iatale?

Lascia il tuo commento: