Gravidanza on line

In gravidanza cosa fare, cosa mangiare, cosa non mangiare e soprattutto cosa evitare? Questi sono i primi pensieri di una donna che ha iniziato da poco la gravidanza e alle prese con il conto delle settimane dei mesi e dei giorni che mancano alla nascita del suo bambino.

  • Dolore al seno durante la gravidanza

    Dolore al seno in gravidanza - Dolore al seno durante la gravidanza
    Il dolore al seno durante la gravidanza è tutt'altro che insolito nelle donne, in verità è uno dei sintomi di durata breve della gravidanza. Il dolore al seno in questo frangente inizia col presentarsi nel primo trimestre della gravidanza, infatti esso darà segni di gonfiore, sensibilità maggiore e dolore appunto. Dalla quarta alla sesta settimana i problemi sopraelencati potrebbero farsi più incisivi anche se già dal secondo e terzo trimestre della gravidanza la maggior parte delle donne indica la scomparsa di quelle condizioni.
  • Cosa fare durante la gravidanza

    Cosa fare durante la gravidanza
    I consigli per la gravidanza non sono mai abbastanza specialmente nel caso delle neo quasi mamme alle prese con la prima gravidanza, durante la gravidanza tutti sanno che è bene porre attenzione a moltissime cose, dare il dovuto peso anche alle piccolezze e comportarsi nei dovuti modi. Il primo suggerimento utile da fare è quello di curare particolare igiene della persona e degli indumenti. E' possibile fare il bagno o la doccia per tutta la durata della gestazione ed è consigliabile vestire in modo comodo e da non determinare costrizioni eccessive sull'addome, ma una panciera elastica apposita è opportuna per sostenere l'utero.
  • Assistenza al parto: Assistenza al secondamento

    Assistenza al parto - Assistenza al secondamento
    Assitenza al parto ed al secondamento è basilare in quanto il parto podalico per i rischi fetali che comporta, richiede sempre l'intervento del medico ed i problemi ad esso inerenti sono di competenza strettamente specialistica. Nei parti in presentazione cefalica l'assistenza va estesa a tutto il travaglio e richiede la sorveglianza del battito cardiaco fetale mediante l'ascoltazione con stetoscopio. Se ne rivelano il ritmo, la frequenza, il tono. Eventualmente le varie aritmie e frequenze al di sopra dei 160 ed al di sotto dei 100 battiti al minuto depongono per una sofferenza fetale.
  • Alimentazione infantile

    Alimentazione infantile - Consigli per l'alimentazione infantile
    L'alimentazione infantile è fondamentale per la crescita del bambino, il primo nutrimento per un bambino è il latte, ideale sarebbe che il neonato, sin dalle prime ore di vita potesse assumere latte materno, ma se questo mancasse può essere sostituito da latte artificiale o latte in polvere. Allattamento al seno Nel latte materno le proteine, gli zuccheri, i grassi le vitamine, i sali minerali e gli oligominerali sono presenti nelle forme e nelle soluzioni che le rendono più facilmente digeribile e assimilabile dall'organismo di un neonato in modo tale da soddisfare le sue esigenze nutrizionali, senza però sovraccaricarlo.
  • Gravidanza ectopica: sintomi cause terapia

    Gravidanza ectopica - Gravidanza ectopica hcg cervicale o intrauterina
    Gravidanza ectopica Cos’è? Una gravidanza ectopica, così come indica lo stesso aggettivo , indica una gravidanza “fuori dalla normale sede”. In questi casi infatti, l’ovulo a differenza di quanto avviene in una normale gravidanza nella quale esso si deposita nell’utero, si ha una deposizione dello stesso nelle tube di Falloppio. La stragrande maggioranza di gravidanze ectopiche si verificano nelle tube. Alle volte l’uovo può anche posizionarsi  in altri siti: nelle ovaie, o altrimenti nella cervice. A seconda dell’area in cui quest’ultimo si loca, si distingue la gravidanza ectopica in differente tipo. In particolare si distinguono gravidanze: tubarica, cervicale o addominale, per fare un esempio. Ad ogni modo, nessuna di queste aree dispone di spazio adeguato, né tanto meno di un tessuto nutriente come l’utero e quindi ciò comporta un problema per lo sviluppo del feto. Problemi più gravi si riscontrano appunto, quando l’ovulo cresce, poiché l’organo che lo contiene finirà inevitabilmente per scoppiare. Di conseguenza, tale situazione può portare a sanguinamento grave e persino comportare un pericolo di vita per la madre. Gravidanze di questo tipo rappresentano purtroppo, la principale causa di morte del feto riferita al primo trimestre di gravidanza. Date le condizioni ostili alla base della gravidanza in rari casi la stessa riesce ad essere portata a buon fine.
  • Perdita capelli donne dopo gravidanza

    Perdita capelli dopo gravidanza (cosa fare, cause, rimedi)
    Dopo la gravidanza nella donna è possibile una perdita più o meno accentuata dei capelli anche se è noto che i vostri capelli si rigenerano ogni 2-3 mesi, cadendo e permettendo che ne ricrescano degli altri. In particolare, questo fenomeno della caduta di capelli si verifica in misura piuttosto accentuata 1-5 mesi dopo la gravidanza e non è un fenomeno raro perché colpisce il 40%, se non addirittura il 50%, delle donne, ma, fortunatamente come la maggior parte dei cambiamenti durante la gravidanza, è del tutto temporaneo.