Gravidanza on line

In gravidanza cosa fare, cosa mangiare, cosa non mangiare e soprattutto cosa evitare? Questi sono i primi pensieri di una donna che ha iniziato da poco la gravidanza e alle prese con il conto delle settimane dei mesi e dei giorni che mancano alla nascita del suo bambino.

  • Assistenza al parto: Assistenza al secondamento

    Assistenza al parto - Assistenza al secondamento
    Assitenza al parto ed al secondamento è basilare in quanto il parto podalico per i rischi fetali che comporta, richiede sempre l'intervento del medico ed i problemi ad esso inerenti sono di competenza strettamente specialistica. Nei parti in presentazione cefalica l'assistenza va estesa a tutto il travaglio e richiede la sorveglianza del battito cardiaco fetale mediante l'ascoltazione con stetoscopio. Se ne rivelano il ritmo, la frequenza, il tono. Eventualmente le varie aritmie e frequenze al di sopra dei 160 ed al di sotto dei 100 battiti al minuto depongono per una sofferenza fetale.
  • Spirale contraccettiva: come funzionae come si usa?

    Spirale - Controindicazioni della spirale contraccettiva
    Come si usa la spirale contraccettiva? L’applicazione della spirale contraccettiva deve essere eseguita da uno specialista in sede di intervento chirurgico. Il periodo di inserimento dello stesso non deve essere contemporaneo ai giorni in cui si hanno pesanti sanguinamenti dovuti al flusso mestruale. Inoltre si deve essere certi del fatto che la donna non sia in uno stato di probabile gravidanza. Dopo l’inserimento della spirale, la paziente viene tenuta in osservazione per un breve periodo, trascorso il quale potrà tranquillamente essere dimessa. Nei giorni seguenti all’inserimento della spirale contraccettiva è necessaria l’assunzione di farmaci quali l’aspirina, ibuprofene o paracetamolo, necessari per il controllo dei dolori che possono presentarsi. Durante questa stessa fase iniziale è possibile che si verifichino sanguinamenti, in particolare durante la notte. Un successivo controllo deve essere fatto circa sei settimane dopo la data dell’inserimento della spirale. Inseguito a questo, un controllo con cadenza annuale sarà sufficiente. Non è necessario dedicare altra attenzione alla spirale. Quando si intende rimuoverla è necessario rivolgersi ad una clinica specializzata. Le ragioni che portano a tale decisione possono essere di natura differente: la spirale deve ad esempio essere rimossa innanzitutto nei casi in cui si desidera avere una gravidanza. Altre cause che portano alla stessa decisione, sono di natura diversa collegate ad esempio ad una pesante presenza di sintomi. In maniera analoga, se l’efficacia del dispositivo è giunto al termine, non resta che prendere la decisione di rimuovere la spirale ed eventualmente installarne un’altra. La rimozione può, al più, provocare un leggero sanguinamento.
  • Allattamento informazioni Allattamento

    Allattamento - Allattamento materno
    L'allattamento può avvenire in due modi, allattamento con latte naturale oppure con latte artificiale apposito per lattanti, per latte naturale si intende l'alimentazione con latte materno che rappresenta l'alimento più confacente nei primi mesi di vita (specie nei neonati prematuri). La funzione delle ghiandole mammarie inizia la secrezione di un liquido particolare di colore giallastro, di consistenza viscosa ed a reazione alcalina che si chiama colostro.
  • Rimedi per la stitichezza in gravidanza

    Stitichezza in gravidanza rimedi - Rimedi per la stichezza in gravidanza
    Rimedi contro la stitichezza durante la gravidanza? Se volete anche voi smettere di soffrire di stitichezza in gravidanza, prestate molta attenzione, perché oggi vi sveleremo quali rimedi sono più indicati per la vostra delicata situazione. La stitichezza in gravidanza può essere curata grazie a rimedi mirati a cambiare leggeremente la vostra alimentazione, le vostre abitudini quotidiane ed il vostro stile di vita in generale. Uno dei colpevoli principali della vostra stitichezza in gravidanza è l'aumento del progesterone, un ormone che rilassa i muscoli lisci in tutto il corpo, compreso il tratto digestivo.
  • Dolore al seno durante la gravidanza

    Dolore al seno in gravidanza - Dolore al seno durante la gravidanza
    Il dolore al seno durante la gravidanza è tutt'altro che insolito nelle donne, in verità è uno dei sintomi di durata breve della gravidanza. Il dolore al seno in questo frangente inizia col presentarsi nel primo trimestre della gravidanza, infatti esso darà segni di gonfiore, sensibilità maggiore e dolore appunto. Dalla quarta alla sesta settimana i problemi sopraelencati potrebbero farsi più incisivi anche se già dal secondo e terzo trimestre della gravidanza la maggior parte delle donne indica la scomparsa di quelle condizioni.
  • Dolori in gravidanza

    Dolori in gravidanza - Terapia contro i dolori in gravidanza
    Dolori vari, con la gravidanza possono arrivare anche i tipici dolori specialmente nei primi mesi e la giusta la terapia fisica durante la gravidanza può rivelarsi utile per porre rimedio ai diversi disagi comuni, come ad esempio il mal di schiena, o per migliorare la qualità del vostro corpo o ancora per avere una gravidanza un po’più semplificata.