Hibiscus o Carcadé

Hibiscus ibisco o Tè rosa di Abissinia è una pianta dalle proprietà benefiche utilizzata in Egitto, Indie, Antille, Africa Nera soprattutto come bevanda e come legume, l'ibisco è dotato di attività rinfrescanti, diuretiche, vitaminizzanti, antiinfiammatorie e lenitive e per la presenza di antociani conferisce al fiore proprietà angioprotettrici.

Nome comune: Ibisco-Carcadé-Rosella
Francese: Hibiscus
Inglese: Red sorrel

Famiglia: Malvoceae
Parte utilizzata: fiori

Hibiscus o Carcadé

hibiscus rosa sinensis

Costituenti principali:

  • 15-30% acidi organici: acido ibiscico (23%), acido citrico, acido ossalico, acidotartarico, acido malico (12-17%) (conferiscono il sapore gradevolmente acidulo alla tisana).
  • antociani (1,5% nel fiore secco).
  • acido ascorbico, tannini, mucillagini e fitosteroli.

Attività principali: rinfrescanti; diuretiche; antiinfiammatorie; lenitive; coloranti.

Impiego terapeutico: stipsi cronica; come bevanda dissetante.

Molto ricco in vitamina C, abbonda anche in acidi organici (citrico, malico, tartrico), ma la presenza di mucillagini, in cospicua quantità nel fiore, tempera l'azione irritante degli acidi organici (azione lassativa).

Per l'elevata presenza di acidi organici, a causa del loro effetto osmotico in quanto non assorbibili, se assunta in grandi quantità manifesta, infatti, azione lassativa.

La pianta viene indicata come blando lassativo sotto forma di infuso, nei casi di stipsi cronica.

Curiosità:

  • I fiori possono entrare nella preparazione di salse, gelatine, marmellate, vini; le foglie possono essere mangiate in insalata.

 Il Hibiscus rosa sinensis ...

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: