Humulus lupulus il Luppolo

La pianta dalle proprietà curative officinali di Luppolo è nota come ingrediente che conferisce alla birra, altrimenti insipida, il suo sapore amaro-aromatico, dal punto di vista clinico al luppolo vengono attribuite proprietà sedative e risulta utile nel trattamento di stati di ipereccitabilità, insonnia di origine nervosa, stati di tensione. Si tratta, infatti, di un ottimo sedativo ed equilibratore nervoso.

Humulus lupulus il Luppolo

Luppolo

Nome comune: Luppolo
Francese: Houblon

Inglese: Hop plant
Famiglia: Cannabaceae

Parie utilizzata: infiorescenza femminile (coni o strobili)

Costituenti principali:

  • resina e olio essenziale contenuti nel luppolino (ghiandole dei fiorì)
  • olio essenziale (0,3-1%): P-mircene (30%), limonene, fellandrene, pinene; umulene8-33%); alcol monoterpenici.
  • resina: sostanze amare (15-30%): umulone, lupulone e loro derivati.
  • flavonoidi (rutoside, quercitroside).
  • sostanze minerali (sali di potassio), tannini, amine, pectine, tracce di istamina...

Attività principali: amaro-toniche, digestive; sedative, induttrici del sonno; batteriostatiche; estrogeniche.

Impiego tipico: stati di ipereccitabilità, insonnia di origine nervosa, stati di tensione,dispepsie.

In virtù delle proprietà amare ed aromatiche viene impiegato come stomachico, per stimolare l'appetito, e nella dispepsia nervosa.

In quest'ultima forma può contribuire a smorzare l'ipersensibilità riflessa dello stomaco e, nello stesso tempo, tonificarne la funzione muscolare e stimolarne la secrezione ghiandolare.

Nel 1953 venne segnalata la possibile presenza di sostanze ormonosimili di tipo estrogeno nella pianta.

La segnalazione scaturì dall'osservazione della presenza, in raccoglitrici di Luppolo, di turbe mestruali con regolare comparsa delle mestruazioni 2 giorni dopo l'inizio del raccolto e indipendentemente dal periodo del ciclo in cui le donne si trovavano.

Tali sostanze sarebbero presenti, anche se in modestissime quantità poiché in gran parte distrutte durante la fermentazione, nella birra luppolizzata; per cui birre luppolizzate sarebbero da consigliare in quei casi in cui è indicata la somministrazione prolungata, e a dosi deboli, di estrogeni, come nelle turbe del climaterio e nell'ipersessualità maschile.

Le infiorescenze possono essere utilizzate per eiaculazione precoce, polluzione notturna
e come anafrodisiaco nell'uomo.

Curiosità:

  • Il Luppolo veniva usato come imbottitura nei guanciali per propiziare il sonno.
  • Attorno al IX secolo i tedeschi iniziarono a introdurre nella birra il Luppolo sia per il gusto amaro-aromatico sia come conservante.
  • Humulus dal latino humeo = essere umido, perché la pianta preferisce il suolo umido. Lupulus: diminutivo di lupus salicarius (Plinio), perché attorcigliandosi la pianta attorno ai giovani salici, che crescono nei luoghi umidi, ne ostacola la vegetazione e li fa morire, anche perché esaurisce il terreno.

 

Il luppolo...

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: