Il biancospino in erboristeria

Il Biancospino manifesta azione sedativa e miorilassante, per questo in omeopatia è particolarmente indicato nell'eretismo cardiaco, è considerato «lo specifico dello squilibrio neurovegetativo». L'attività che manifesta il biancospino a livello miocardico sembra attribuibile alla sinergia del suo fitocomplesso. A livello cardiaco il biancospino pare incrementi l'apporto ematico a miocardio e coronarie, determinando una migliorata tolleranza all'anossia.

Il biancospino in erboristeria

Biancospiino

Nome comune: Biancospino
Francese: Aubépin
inglese: Hawthorn

Famiglia: Rosaceae

Parte utilizzata: Foglie e fiori

Costituenti principali:

  • 2% flavonoidi.
  • 2-3% procianidine oligomere.
  • acidi fenolcarbossilici, acidi triterpenici, steroli, amminopurine.
  • olio essenziale (0,16%)

Attività principali: ipotensive, sedative, antispasmodiche, cardiotoniche, di regolazione
dell'attività cardiaca, vasodilatatrici coronariche.

Impiego terapeutico: aritmia cardiaca, coronarite (trattamento complementare), cardiotonico
di mantenimento (cura interdigitalica), ipertensione arteriosa (azione moderata ma prolungata), spasmi dolorosi dell'apparato digerente, stati ansiosi, insonnia.

Curiosità:

  • Il nome Crataegus deriverebbe dal greco kratòs = forza, e oxyacantha dal greco oxus = aguzzo e anthos - fiore, a causa delle spine acuminate.
  • il mondo classico non ne conosceva l'uso terapeutico. I Greci lo associavano alla speranza, alla fertilità: era un ornamento delle giovani spose. I romani ne adornavano le culle dei bambini per allontanare gli spiriti maligni.
  • I frutti del Biancospino erano impiegati dalle popolazioni preistoriche come alimento. In certe regioni del basso Danubio i frutti essiccati e ridotti in farina servono per preparare una specie di pane.

Il bianco spino

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo il biancospino in erboristeria

Il biancospino in inerboristeria

molto interessante e scritto bene,bravi!

Lascia il tuo commento: