Integratori alimentari per dimagrire

Per dimagrire, possono essere anche d'aiuto appositi integratori alimentari.

Integratori alimentari per dimagrire? A cosa servono questi integratori dimagranti e come funzionano? Sono integratori veramente naturali? Alcuni programmi di perdita di peso prevedono l’implementazione nell’ambito del loro regime nutrizionale, cibi surgelati e congelati in modo da consentire un’organizzazione dei pasti giornalieri più veloce e quindi, anche facile, per questo molte delle persone che si sottopongo ad un regime nutrizionale dimagrante trovano l’utilizzo degli integratori alimentari molto conveniente quanto comodo.

Integratori alimentari per dimagrire

Integratori per dimagrire

Ad esempio, l’uso di integratori proteici consente attraverso l’utilizzo di uno o più misurini (o dosatori) di soddisfare l’apporto proteico che normalmente potrebbe essere soddisfatto solo con i cibi convenzionali a tutti noti: petto di pollo, pesce, uova etc.

Ovviamente, tali alimenti non sempre risultano pratici nel loro consumo alle diverse ore del giorno quando il proprio regime nutrizionale prevede il soddisfacimento del proprio fabbisogno calorico attraverso l’intelligente apporto frazionato e frequente dei pasti.

Questo è solo uno dei vantaggi che possono essere ottenuti attraverso l’utilizzo degli integratori alimentari, e quelli menzionati sono solo alcuni dei tipi di integratori tra la moltitudine di quelli esistenti sul mercato.

Così grazie ai loro vantaggi molte persone che ne fanno utilizzo rimangono entusiaste di come la loro integrazione all’interno del proprio regime nutrizionale semplifichi decisamente la capacità di poter soddisfare i requisiti nutrizionali della dieta senza perdere ore ed ore dietro i fornelli della cucina, e di come il loro utilizzo comunque contribuisca in modo sensibile al miglioramento della propria composizione corporea. Chiaramente bisogna avere il buon senso nel selezionare gli integratori di qualità da quelli che rappresentano solo una spesa inutile.

Con il buon senso non solo si sceglieranno integratori veramente effettivi per il proprio obiettivo di dimagrimento ma soprattutto si eviterà tutto ciò che potrebbe determinare un danno per la propria salute.

Molti di questi integratori favoriscono il processo di dimagrimento grazie al loro ruolo nell’indurre una sensazione di sazietà precoce nel consumatore.

Infatti, è notoriamente risaputo che è la precoce sensazione di fame indotta da un approccio alimentare concettualmente mal strutturato nei suoi presupposti costitutivi che porta il soggetto ad un abbandono precoce dello stesso regime nutrizionale dimagrante!

L’altro aspetto per cui alcuni integratori funzionano bene ai fini del dimagrimento è dato dal loro effetto termogeno. Cioè alcuni integratori sono capaci di indurre un sensibile incremento nel proprio metabolismo basale e questo di conseguenza conduce verso il decremento quantitativo dei tessuti adiposi.

Integratori che soddisfano tali 2 requisiti di affievolimento della sensazione di fame nonché di innalzare il metabolismo di base sono i cosiddetti integratori termogenici noti anche come “brucia grassi”.

Un loro proficuo utilizzo consiste nell’assumerli dai 30 ai 40 minuti prima dell’attività fisica. Il loro utilizzo amplifica notevolmente la cascata di reazioni biochimiche indotte dall’esercizio fisico che presiedono al processo lipolitico, cioè alla scissione dei trigliceridi (grassi) stoccati all’interno del tessuto adiposo in acidi grassi ed il successivo utilizzo di questi ultimi a scopo energetico!

In pratica tale categoria di integratori rappresenta la quinta marcia di un ben strutturato programma nutrizionale volto al dimagrimento!

Ma attenzione, non abusatene altrimenti i fenomeni di ansia, agitazione e tachicardia non saranno un opzione.

Inoltre, vi sconsiglio di assumerli in assenza di attività fisica. In assenza di attività fisica il loro utilizzo darà vita al cosiddetto “ciclo futile degli acidi grassi”.

Ciò significa che la loro assunzione favorirà la scissione dei trigliceridi in acidi grassi, ma senza contemporaneo esercizio fisico gli acidi grassi non verranno bruciati e quindi destinati a ri-esterificarsi in seno all’originario trigliceride dai quali sono derivati.

Insieme all’effetto anoressizzante indotto dai principi attivi contenuti nell’integratore termogenico vi è da annoverare sempre a tal scopo il simil-effetto indotto da alcune tipologie di cibi.

Ad esempio, includere nel proprio regime nutrizionale fonti lipidiche quali: avocado, olio extra vergine d’oliva, mandorle e noci favorisce una maggiore e più duratura sensazione di sazietà post-prandiale.

Quindi, quando vi sottoponete ad un regime dietetico finalizzato alla perdita di grasso in eccesso non basate la sua efficacia meramente su computi algebrici del suo introito calorico, ma valutate anche la qualità dei cibi che di esso fanno parte in funzione delle loro vantaggiose caratteristiche nutrizionali e, quindi, anche dei benefici multilaterali di cui li stessi sono responsabili e che in chiave sinergica favoriscono nel migliore dei modi il raggiungimento dell’obiettivo primario per il quale siete a “dieta”, ossia per il dimagrimento.

Altri consigli in chiave nutrizionale che vi possono aiutare efficacemente nel perdere peso da massa grassa riguardano altri aspetti nelle scelte nutrizionali; ad esempio, non fatevi mai mancare una ricca colazione comprensiva di alimenti di qualità.

Assicuratevi che alla sua costituzione rientrino di diritto: una fonte proteica d’alto valore biologico (latte o yogurt con l’aggiunta di proteine in polvere del siero del latte), dei carboidrati a basso indice glicemico (cereali integrali, muesli, fiocchi d’avena) e delle fonti lipidiche mono o poli-insature (noci, mandorle, avocado, nocciole, arachidi non salate).

Una nutriente colazione così impostata vi consentirà di evitare stati di spossatezza durante l’intera mattinata, di evitare precoci sensazioni di fame che inevitabilmente prima o poi vi indurranno a soddisfarla con i primi snacks e/o cibi che trovate a portata di mano. Inoltre, ma non meno importante rispetto ai punti precedenti, una colazione ben concepita vi farà innalzare il metabolismo di base ed in più le calorie che assumerete in seno ai pasti successivi avranno una scarsa probabilità nell’essere stoccate sotto forma di grassi all’interno del tessuto adiposo.

Ultimo ma non per questo meno importante consiglio è quello di bere abbondantemente. Per bere abbondantemente mi riferisco ad un introito idrico di non meno di 4 litri pro-die nel corso dei mesi invernali e di 5-6 litri nell’ambito dei mesi con climi dalle calde temperature. Bere in abbondanza presenta una serie di vantaggi che qui in modo esemplificativo e non esaustivo si cercherà di annoverare e, quindi, porre all’attenzione del lettore interessato. È scientificamente provato che bere 500ml d’acqua prima dell’attività fisica incrementa il metabolismo in corso d’esercizio.

Bere in abbondanza consente l’espulsione degli acidi organici e quindi contribuisce ad un efficace normalizzazione del ph ematico. Inoltre, un consistente introito idrico aumenta il volume gastrico favorendo le secrezioni ormonali di tipo anoressizzante (cioè quelle che determinano inibizione della sensazione di fame).

Il processo di dimagrimento non è una condizione che si realizza con il digiuno o con le pillole magiche, si tratta di un vero e proprio cambiamento della natura dei processi metabolici ed ormonali ed il loro indirizzamento verso la creazione di condizioni enzimatiche catalizzanti processi catabolici ai danni del tessuto adiposo (dimagrimento) e non quelli di tipo anabolico sul medesimo tessuto (accumulo di grasso).

Lo stravolgimento del senso di marcia di tali processi è possibile attraverso la manipolazione corretta del loro stimolo: dieta ed esercizio fisico impostati in modo razionale poiché scientifico.

Integratori naturali per dimagrire come cosa e quando si usano

Integratori alimentari

Lascia il tuo commento: