Intolleranze alimentari nei bambini

Quali sono i primi sintomi delle intolleranze alimentari nei bambini? Nei bambini piccoli, soprattutto nel periodo del divezzamento, è facile che insorgano intolleranze o allergie alimentari. Le sostanze che più spesso le provocano sono:

  • latte vaccino
  • latte di soia
  • uova
  • glutine
  • pomodoro
  • agrumi
  • cioccolato
  • pesce
  • crostacei
  • fragole
Intolleranze alimentari nei bambini

Intolleranze bambini

Come si manifesta un'allergia alimentare?

Spesso un'allergia alimentare si manifesta, dopo pochi minuti, o anche dopo qualche ora che si è ingerito alcuni cibi (soprattutto se tra quelli sopra elencati) o alcuni farmaci con:

Ma ci sono anche altri sintomi non a carico dell' intestino, come:

Alcuni sintomi comuni a quelli delle allergie, possono, però, anche nascondere un problema di malassorbimento intestinale. Esso si presenta infatti con:

  • diarrea cronica
  • emissioni di feci abbondanti
  • feci ipocoliche (cioè più chiare del dovuto)
  • grasse e maleodoranti
  • rallentamento o arresto dell'accrescimento sia in peso che in statura
  • deperimento organico, nelle forme più gravi
  • inappetenza
  • aumento dell'appetito

Può accadere però che vi sia anche o solo segni extraintestinali.

Quali sono le cause del malassorbimento intestinale?

Il malassorbimento intestinale, ovvero il cattivo assorbimento da parte dell'intestino di alcuni alimenti, è dovuto a difetti del pancreas (fibrosi cistica o pancreatiti croniche) o dell'intestino (celiachia), a causa delle quali questi organi non sono più in grado di scomporre gli alimenti ingeriti per renderli facilmente assorbibili dall'organismo.

Tra le forme di malassorbimento dovute a cause intestinali troviamo le intolleranze al lattosio e ad altri zuccheri, causate dall'assenza di enzimi che ne favoriscono l'assorbimento.

Per la diagnosi:

  • specifici esami delle feci, volte a cercare tracce di sangue, di amidi, di grassi, di proteine indigerite e di parassiti
  • test di intolleranza agli zuccheri
  • test del sudore
  • radiografie del torace, se si sospetta una fibrosi cistica
  • sondaggio duodenale
  • dosaggio degli enzimi digestivi nel succo duodenale

L'unica terapia è una dieta priva degli alimenti che causano il malassorbimento, anche se in alcuni casi si rende necessaria la somministarzione di enzimi digestivi, vitamine o altri farmaci specifici a seconda del caso.

La celiachia

Molto diffusa è la celiachia, ovvero un'intolleranza al glutine, elemento costituente delle farine di grano, avena, segale e orzo, per cui molti prodotti alimentari sono proibiti ai bambini affetti da questa intolleranza, si dovranno quindi cercare delle valide alternative nutrizionali.

Come si presenta la celiachia?

I sintomi della celiachia si presentano dopo alcuni mesi dallo svezzamento, e quindi intorno al sesto-ventesimo mese di vita con:

  • diarrea cronica
  • distensione addominale
  • feci semiliquide e maleodoranti
  • pallore
  • irritabilità
  • magrezza
  • ridotta massa muscolare
  • stitichezza intrattabile (meno frequente)

Il primo campanello di allarme per sospettare una celiachia è l'arresto dell'accrescimento in un bambino che, prima dell'introduzione di glutine nella dieta (con biscotti, pastina, semolino) cresceva normalmente sia in peso, che in altezza.

Nei bambini più grandi, come negli adulti, la celiachia si può manifestare sotto forma "atipica", cioè senza nessuno dei sintomi intestinali sopra descritti, ma piuttosto con:

  • anemia
  • carenza di ferro
  • carenza di acido folico
  • osteoporosi
  • rachitismo
  • bassa statura
  • afte orali frequenti
  • artrite
  • artralgia

Possono essere considerate manifestazione della celiachia anche il diabete mellito insulino-dipendente e la dermatite erpetiforme. Sono particolarmente colpiti da celiachia i bambini affetti da sindrome di Down, Sindrome di Turner e Sindrome di Williams.

Come si fa una diagnosi di celiachia?

Per prima cosa è importante e necessario procedere a specifici esami del sangue, se questi risultano positivi si procederà ad effettuare una biopsia digiunale, tramite l'esofagogastroduodenoscopia. È un esame rapido e indolore, ma in caso di bambini per alleviarne il disagio, viene effettuata previa leggera sedazione del piccolo paziente.

Come si cura la celiachia?

La sola cura per la celiachia è evitare, per tutta la vita, alimenti, bevande o quant'altro possa contenere glutine. È importante ricordare che anche una piccolissima quantità di glutine può essere dannosa e che tale elemento è presente anche in alcuni farmaci e nell'Ostia per la Comunione.

Oggi sono in commercio molti alimenti senza glutine e chi è affetto da celiachia, dopo accertamento della ASL, ha diritto a un quantitativo mensile di tali alimenti.

Intolleranze alimentari nei bambini (sintomi e diagnosi)

Malattie

Lascia il tuo commento: