Invecchiamento della pelle

L'invecchiamento cutaneo si nota maggiormente forse dai 30 anni, quando la pelle perde gradualmente la sua capacità di trattenere acqua e l'elasticità e prime rughe sono l'effetto più evidente dell'invecchiamento e la loro formazione prende origine dai continui e involontari movimenti che il viso compie, attraverso la contrazione e la distensione dei muscoli sottostanti (formando le cosiddette rughe d'espressione).

Invecchiamento della pelle

Invecchiamento

Quando si formano le rughe si delinea il primo stadio di invecchiamento cutaneo, localizzato generalmente sulla fronte, ai lati della bocca (rughe naso-geniene) e fra le sopracciglia.

I trattamenti antinvecchiamento (detti all'inglese "antiaging") aiutano a prevenire ed a contrastare rughe e segni di invecchiamento cutaneo considerando anche le vari età.

Sono trattamenti che hanno come obiettivi riparare, rigenerare e rivitalizzare i tessuti cutanei, idratare la pelle, stimolare il metabolismo cellulare e la produzione di collagene, contrastare l'ossidazione e l'azione dei radicali liberi, lenire le irritazioni ed attenuare i segni della couperose, attenuare le macchie cutanee (discromie, ipercromie), minimizzare le rughe, ridensificare rassodare la pelle etc.

A partire dai 50 anni (nella donna corrisponde solitamente alla menopausa) subentrano inoltre fattori ormonali che influiscono negativamente sul rinnovamento cutaneo (turn-over) e sull'idratazione, accelerano la perdita di collagene e di fibre elastiche e inducono un'anomala distribuzione della melanina.

Tutto questo manifesta principalmente in:

pelle sottile, secca, opaca e spenta, comparsa di rughe, rilassamento cutaneo, la principale barriera protettiva della pelle, si assottiglia (determinando secchezza, disidratazione e ipersensibilità, con tendenza all'arrossamento, alle irritazioni e alla couperose).

 

Invecchiamento cutaneo...

 

Bellezza corpo: uomo donna

Lascia il tuo commento: