Ipermetropia infantile nei bambini: sintomi e cura

Ipermetropia infantile cosa è? Molti bambini nascono già con l'ipermetropia e talvolta la condizione potrebbe migliorare man mano che il bambino cresce, ma nel frattempo è necessario che farli indossare gli occhiali anche in giovane età. Il fenomeno dell’ipermetropia infantile si può rivelare molto spesso asintomatico, in quanto il bambino è in grado di sfruttare a pieno il cosiddetto fenomeno dell’accomodamento e quindi senza neanche rendersene conto, sforza gli occhi per ottenere una migliore messa a fuoco, e in questo modo il problema non viene riconosciuto. Per questo motivo è molto importante sottoporre il bambino a dei controlli per la vista periodici anche in età infantile, e soprattutto se qualche volta ha mostrato di non essere in grado di vedere da vicino.

Ipermetropia infantile e nei bambini

Ipermetropia infantile


Ipermetropia in breve

L’ipermetropia è una condizione patologica dell'occhio che, in generale, causa alle persone che ne soffrono, problemi nella visione di oggetti che si trovano ad una distanza ravvicinata dal loro punto di osservazione, in breve l’oggetto visionato apparirà sfocato. Infatti, attività come leggere un libro, scrivere o lavorare a maglia possono risultare talvolta difficili o addirittura impossibili. Il difetto che si trova alla base di questa patologia riguarda la struttura della cornea, che può presentarsi troppo corta o poco curvata, e dal momento che dopo la visualizzazione dell’oggetto, la cui immagine viene messa a fuoco dalla cornea per il settantacinque per cento e dal cristallino per il restante venticinque per cento, per poi essere riflessa esattamente sulla retina, ne risulta che in presenza di un’anomalia della struttura della cornea, questa immagine non verrà riflessa sulla superficie della retina, ma posteriormente ad essa, e quindi l’immagine messa a fuoco che riceverà il nostro cervello dalla retina, risulterà sfocata. Tuttavia, un individuo che ha l'ipermetropia è ancora in grado di concentrarsi e vedere chiaramente gli oggetti che sono lontani e questo è reso possibile da una capacità straordinaria posseduta dall’occhio, che tramite il fenomeno dell’accomodamento è in grado di inclinare la lente del cristallino in modo tale da far riflettere l’immagine visualizzata esattamente sulla retina e non posteriormente.


Ipermetropia infantile sintomi

In caso di ipermetropia infantile lieve non si presentano particolari segni o sintomi, mentre negli altri casi i sintomi dell’ipermetropia sono facili da individuare in quanto possono essere: 

I sintomi dell’ipermetropia nei bambini solitamente aumentano man mano che questi crescono, questo perché dopo un certo periodo di tempo l’occhio non è più in grado di utilizzare il fenomeno dell’accomodamento per migliorare la visione da lontano, in quanto questo fenomeno è reso possibile dai muscoli oculari che sottopongono il cristallino a delle variazioni di angolazione per far si che l’immagine venga riflessa esattamente sulla retina, ma con il passare del tempo, a causa della continua contrazione a cui sono sottoposti questi muscoli, essi non riusciranno più a riprodurre il fenomeno dell’accomodamento, e le immagini risulteranno quindi più sfocate. Nonostante i sintomi dell’ipermetropia aumentino con l’età, molto spesso le persone non sanno nemmeno di avere l’ipermetropia, in quanto l’accomodamento risulta naturale, e quindi anche lievi peggioramenti non vengono avvertiti. Nei bambini, uno degli indizi che può darci segno della presenza dell’ipermetropia, è la tendenza del bambino ad evitare tutte quelle attività che gli provocano bruciore e fastidio agli occhi come ad esempio la lettura.


Altri sintomi dell’ipermetropia

Altre possibili conseguenze dell’ipermetropia possono anche essere manifestazioni di ambliopia, il cosiddetto occhio pigro, ecco perché molto spesso alcuni oculisti, per correggere l’ipermetropia ed eventuali danni che essa può provocare, usano coprire con l’ausilio di bendaggi l’occhio “normale” per evitare così che questo vada incontro a strabismo o ambliopia. Se però, si è già troppo avanti con l’età, per la correzione di tale fenomeno con le bende, si possono utilizzare gli occhiali da vista o lenti a contatto. Ecco perché è importante portare i bambini a fare una visita oculistica già prima che compiano due anni, poiché questo è il periodo migliore per poter correggere tale problema, prima che provochi scarso rendimento a scuola e ritardato sviluppo visivo.


Ipermetropia infantile trattamento e cura

Il trattamento per la cura della ipermetropia di solito comporta una prescrizione per indossare gli occhiali o le lenti a contatto. La maggior parte dei pazienti li indossa solo quando ha bisogno di vedere da vicino, anche se indossarli tutto il giorno si rivela spesso la soluzione migliore, in quanto si riesce attraverso le lenti bifocali, ad aiutare gli occhi a non sforzarsi troppo anche nella visione da lontano. Un’opzione di trattamento è la chirurgia laser per la correzione della visione. La chirurgia include anche interventi di rifrazione che utilizzano il laser di precisione per correggere la forma della cornea, permettendo una visione migliore e molto spesso perfetta. L’ipermetropia spesso può essere ereditata dai genitori, e non è una condizione che può essere prevenuta, ed anche se essa è una condizione permanente, i progressi della medicina hanno reso possibile correggerla. 


Considerazioni in breve sulla ipermetropia infantile

È importante essere consapevoli che anche se l’ipermetropia infantile è presente, uno scarso rendimento a scuola non è dovuto ad un difetto visivo, e quindi il bambino non studia perché non ci vede, ma anzi un bambino con questo problema non studia per il semplice fatto che la troppa concentrazione e la troppa energia che gli occorrono per poter mettere a fuoco correttamente le immagini, provoca un senso di stanchezza e mal di testa, che lo mette in condizione di rinunciare a fare compiti. Con questo si vuole sottolineare che il bambino presenti un handicap, ma anzi può svolgere normalmente tutte le attività a lui destinate come tutti gli altri bambini, ma serve l’attenzione dei genitori che nel caso notino delle anomalie sia urgente un controllo medico-oculistico per verificare la condizione visiva con l’eventualità di aiutarlo con occhiali da vista per correggere il difetto. Quindi innanzitutto, è buona norma sottoporre il bambino a regolari controlli, ma è ancora più importante sottoporlo a visita oculistica in età inferiore ai due anni, in modo da individuare precocemente eventuali ipermetropie, prima che queste possano provocare dei danni, e prima che queste possano peggiorare, in modo che è anche più facile trattarle

Ipermetropia infantile sintomi e trattamento per la cura

Malattie

Lascia il tuo commento: