Iris versicolor

Per quali proprietà si utilizza l'iris in omeopatia? Iris versicolor è un fiore indicato in caso di dolori che si manifestano con forte bruciore. Calma l'irritazione dei nervi ed è utile quindi contro le forti emicranie. L'iris, detto anche giaggiolo, fiorisce rigoglioso in tutta l'area mediterranea. Nell'omeopatia viene utilizzato il giaggiolo multicolore tenendo presente che il succo delle sue radici causa avvelenamento, nausea, infiammazioni al fegato e al pancreas, così come nevralgie e forte bruciore in tutto il tratto digerente.

Iris versicolor

Iris versicolor

In omeopatia si ricorre a questa pianta ed al suo rizoma per preparare un rimedio utile per il trattamento di emicranie gravi e croniche. In caso di malessere con vomito, inoltre, l'Iris si rivela ideale. Il tipo Iris appare poco incline alla tranquillità ed e sempre sotto pressione. Il metodo omeopatico riduce la tensione nervosa.

Il tipo lris

è caratterizzato da una figura snella e una pelle ruvida e sensibile. Appare sovente stressato e teso.

Azione terapeutica

Le sostanze Iridin, acidi isoflalici e oli essenziali presenti svolgono un'azione equilibrante sui centri nervosi dell'intero organismo e sulle mucose del tratto digerente. Esse riducono l'iperacidità e sostengono l'attività del fegato e del pancreas. In questo modo i nervi irritati ritornano lentamente alla funzione normale.

Principali campi d'applicazione

L'Iris agisce contro il mal di testa e le emicranie che spesso sono accompagnati da vomito. Infine, i problemi dell'apparato digerente, da cui dipendono i fastidi al fegato e al pancreas, vengono eliminati. Infine, l'Iris è utilizzabile contro le infiammazioni dei nervi del viso (nevralgia del trigemino).

Preparazione del rimedio con l'iris

Il rimedio omeopatico si ricava dal rizoma della pianta, dal cui olio essenziale si ottengono le tinture e gli unguenti.

Disturbi principali per i quali si può utilizzare l'iris

  • Introversione
  • Tendenza a spaventarsi
  • Irritabilità causata da motivi futili
  • Irrequietezza
  • Difficoltà di concentrazione
  • Mancanza di prontezza di riflessi
  • Nevralgia al viso, soprattutto nella parte destra
  • Emicranie con vomito
  • Disturbi della vista che precedono cefalea
  • Emicrania che compare improvvisamente, a intervalli regolari
  • Frequente malessere con immediato rigetto
  • Travaso di bile
  • Forti bruciori in tutto il tratto digerente
  • Vomito acido e diarrea acquosa
  • Diarrea con bruciore rettale
  • Disturbi al fegato
  • Disfunziohi del pancreas
  • Irritazione e tensione
  • Tremito delle mani
  • Nevralgie con forti dolori
  • Tendenza alle infiammazioni nevralgiche

Utilizzo di rimedi a base di iris

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: