La cirrosi biliare

La cirrosi biliare può essere primitiva o secondaria.

La cirrosi biliare è un sottotipo di cirrosi epatica che causa numerosi e variegati problemi alle vie biliari ed extraepatiche, le forme di cirrosi biliare sono essenzialmente due e la più conosciuta e frequente risulta essere la cirrosi biliare primitiva mentre l'altra è la cirrosi biliare secondaria ed entrambe sono contraddistinte da una stasi biliare. Le forme secondarie di cirrosi biliare sono legate a fenomeni di origine ostruttiva a carico delle vie biliari extraepatiche che possono subentrare negli adulti a causa di sclerosi cicatriziale del dotto epatico oppure del coledoco consecutivi ad esempio dopo interventi chirurgici nella zona delle vie biliari ed anche a calcolosi di varie entità con possibili con possibili complicazioni infiammatorie. Contrariamente a quanto si crede è molto raro che una cirrosi biliare possa trovare genesi da da un tumore maligno come quello del pancreas oppure della papilla di Vater dato che questo non consentirebbe solitamente una sopravvivenza così lunga da permettere lo sviluppo di una eventuale cirrosi.

La cirrosi biliare

Cirrosi bilare

Altre forme di cirrosi biliare:

Le forme secondarie di cirrosi biliare sono legate a fenomeni di origine ostruttiva a carico delle vie biliari extraepatiche che possono subentrare negli adulti a causa di sclerosi cicatriziale del dotto epatico oppure del coledoco consecutivi ad esempio dopo interventi chirurgici nella zona delle vie biliari ed anche a calcolosi di varie entità con possibili con possibili complicazioni infiammatorie.

Contrariamente a quanto si crede è molto raro che una cirrosi biliare possa trovare genesi da da un tumore maligno come quello del pancreas oppure della papilla di Vater dato che questo non consentirebbe solitamente una sopravvivenza così lunga da permettere lo sviluppo di una eventuale cirrosi.

La cirrosi biliare secondaria può affliggere anche i bambini e solitamente in questo caso la problematica può essere causa di malformazioni delle vie biliari extraepatiche e per tali cambiamenti non consentire il naturale e fisiologico flusso della bile nell'apparato intestinale.

Invece la cirrosi biliare primitiva trova causa e legame a fenomeni di ostruzione dei dotti biliari intraepatici e può manifestarsi con maggior frequenza in persone di media età e di sesso femminile e si pensa che queste insorgenze possano essere dovute a vari fenomeni immunitari.

Sintomi della cirrosi biliare primitiva:

I sintomi di questa cirrosi sono ben definiti. Solitamente la cirrosi biliare primitiva inizia con la comparsa di prurito in associazione ad una pigmentazione dal colore particolare (giallo/verdastro) della cute specialmente nelle zone interessate da luce ed emissione di feci scolorate e ricche di grassi.

Si può osservare inoltre che nel sangue è presente la tendenza all'aumento della bilirubina, fosfatasi alcalina e purtroppo anche del colesterolo tanto che quest'ultimo può causare la comparsa di accumuli di colesterolo anche nella cute oltre che nei tessuti connettivi periarticolari e tendini (questi accumuli sono chiamati in gergo xantomi).

Tutto questo insieme di sintomi è la conferma di un alterato deflusso biliare che può aggravarsi lentamente con il passare del tempo (mesi/anni) ai quali possono sopraggiungere anche insufficienza epatica dovuta ad ascile, edemi ed anche ipertensione portale con varici esofagee.

Terapia della cirrosi bilare:

La terapia per questa problematica viene decisa dal professionista in base allo stato di avanzamento della cirrosi ed alle condizioni fisiche del soggetto ma essenzialmente può consistere nela somministrazione di vitamine liposolubili (A-K-D) ed una alimentazione ad hoc in modo da favorire la fisiologica eliminazione di sali bilari ed alleviare cosi il prurito.

Per quanto riguarda invece le cirrosi bilari secondarie, in base allo stato di salute lo specialista può anche suggerire come terapia l'intervento chirurgico atto a ripristinare la corretta canalizzazione delle vie bilari.

Informazioni sulle cirrosi bilari

Malattie

Lascia il tuo commento: