La pelle del corpo umano (anatomia della cute)

La pelle del corpo umano assolve la funzione di protezione dagli agenti che possono essere atmosferici o di varia natura.

A cosa serve la pelle del corpo? La pelle è un organo che limita e riveste la superficie esterna del corpo, il suo colorito è variabile a seconda della razza e nello stesso soggetto anche a seconda dell'età e delle varie regioni del corpo. Dipende poi dal contenuto di pigmento (detto melanina), delle cellule degli strati più profondi dell'epidermide, sulla superficie della pelle si possono notare delle rilevanze o creste e solchi ben visibili (es. impronte digitali sui polpastrelli delle dita). Sono poi visibili gli orifizi di sbocco delle ghiandole sebacee e sudoripare e gli orifizi dei follicoli piliferi.

La pelle del corpo umano (anatomia della cute)

Pelle umana

La pelle si compone di:

  • uno strato superficiale epiteliale detto epidermide
  • uno strato profondo connettivale detto derma o corion

L'epidermide si compone di diversi strati che partendo dalla superficie verso la profondità sono:

  • strato corneo formato da cellule contenenti una sostanza detta cheratina, le squame superficiali di questo strato si staccano continuamente dalla superficie della pelle e sono quelle che noi comunemente eliminiamo facendo il massaggio
  • strato lucido formato da cellule che contengono dei granuli di eleidina, che deriva dalla trasformazione della cheratoialina.
  • strato granuloso formato da cellule i cui granuli sono ripieni di una sostanza detta cheratoialina
  • strato spinoso le cui cellule sono provviste di desmosomi (particolare giunzione fra cellule) di queste le più profonde elaborano il pigmento.
  • strato germinativo le cui cellule hanno compito di sostituzione degli elementi superficiali via via che essi muoiono e vengono eliminati.

Da ricordare che ogni cellula prende origine dallo strato germinativo e diviene man mano a far parte successivamente dei vari strati: infatti, in corrispondenza dello strato granuloso, ha inizio il processo di corneificazione; a livello dello strato lucido questo processo è già avanzato, fino ad essere completato nello strato corneo.

Tutti questi vari strati dell'epidermide, come avrete capito, rappresentano fasi, l'una successiva all'altra della evoluzione che la cellula epiteliale subisce portandosi dalla profondità verso la superficie.

Il derma o corion è composto da tessuto connettivo compatto, la cui faccia superiore, quella cioè a contatto con l'epidermide, non è completamente liscia ma forma papille dette appunto papille dermiche, che non vanno confuse con le creste cutanee visibili sulla superficie libera della pelle.

Il tessuto connettivo sottocutaneo continua al di sotto del derma con il quale si fonde assieme ed è costituito da tessuto connettivo lasso con fibre elastiche, che hanno la particolarità di contenere tra le trabecolature delle quantità più o meno rilevanti di grasso.

Infatti vi sono regioni quali addome, glutei, etc in cui il tessuto adiposo è più abbondante che in altri distretti.

Nell'epidermide e nel derma in corrispondenza di alcune mucose e del tessuto connettivo sottocutaneo si trovano numerose terminazioni nervose e corpuscoli sensitivi di varie forme e dimensioni.

Le principali terminazioni nervose libere sono i corpuscoli del tatto di Meissner, situati principalmente nelle papille dermiche che sono in corrispondenza delle dita, nelle lebbra, nella papilla mammaria e ve ne sono all'apice della lingua.

I corpuscoli di Krause sono situati nel derma dei genitali esterni.

Negli strati superiori del tessuto sottocutaneo si trovano i corpuscoli di Golgi-Mazzoni e di Ruffini che assieme ad altri concorrono ad informare i centri superiori della posizione del corpo nello spazio.

Negli strati più profondi troviamo infine i corpuscoli di Pacini, i quali sono situati nel tessuto connettivo sottocutaneo, nel periostio, nelle capsule fibrose articolari, nei legamenti, nel mesenterio e nelle fasce muscolari.

La loro funzione è principalmente quella di inviare dei messaggi al cervello quali ad esempio la posizione del corpo nello spazio.

Principali funzioni della pelle:

  • funzione di protezione da agenti chimici, fisici, termici e di rivestimento.
  • funzione enuntoria cioè di eliminazione tramite il sudore di sostanze nocive all'organismo quali: urea, acidi grassi, ammoniaca, acido acetico etc,
  • funzione di traspirazione cioè di emissione di vapor acqueo che aumenta con l'aumento della temperatura esterna; è stato dimostrato che l'emissione di vapor acqueo è maggiore attraverso la pelle che non attraverso i polmoni.
  • funzione termo-regolatrice: con la traspirazione cutanea avviene una maggiore o minore evaporazione che provoca raffreddamento del corpo.
  • funzione respiratoria: anche se minore come importanza, attraverso la cute avviene una scarsa emissione di anidride carbonica ed assorbimento di ossigeno.
  • funzione assorbente: varie sostanze (come ad esempio i medicamenti) possono venire assorbite tramite la pelle.
  • funzione sensoriale: nella cute sono situati un grandissimo numero di terminazioni sensitive e corpuscoli sensitivi, che raccolgono gli stimoli proveniente dal mondo esterno e li trasmetto attraverso il midollo spinale ai centri superiori.

La pelle del corpo...

Corpo umano anatomia organi

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo la pelle del corpo umano (anatomia della cute)

Pelle e anatomia della pelle

molto bello

Grazie per le informazioni sulla pelle e su come siamo fatti

E bello sapere queste cose di come siamo fatti perchè siamo fatti tremendamente meravigliosi

grazie mille per le informazioni

Lascia il tuo commento: