La pianta Aristolochia

La pianta dell'Aristolochia era tradizionalmente impiegata come regolatore del ciclo mestruale nell'amenorrea, oligomenorrea e nei disturbi della menopausa e come ossitocico e le erano riconosciute anche proprietà drastiche purgative e diuretiche.

La pianta Aristolochia

Aristolochia

Nome comune: Aristolochia
Francese: Aristoloche
inglese: Aristolochy
Famiglia: Aristolochiaceae
Parte utilizzata: rizoma e foglie

Costituenti principali della Aristolochia:

  • 0,4% olio essenziale
  • acido aristolochico (0,9%)
  • magnoflorina (alcaloide)
  • allantoina
  • pigmento flavonico
  • pigmento amaro: clematinina

Attività principali: emmenagoga e ossitocica; diuretico-purgativa; immunostimolante

Impiego terapeutico: sconsigliato

Gli estratti d'Aristolochia hanno proprietà stimolanti l'attività fagocitarla con conseguente aumento delle capacità di difesa dell'organismo alle infezioni batteriche. Esternamente i preparati d'Aristolochia erano utilizzati come cicatrizzanti (allantoina) nelle ulcerazioni e piaghe in genere e nelle paronichie delle mani e dei piedi.

Nel fitocomplesso della pianta è presente, però, l'acido aristolochico, che rappresenta il principio attivo, il quale, anche se possiede un'azione antiflogistica, diuretica e immunostimolante è tuttavia carcinogeno.

Curiosità sulla Aristolochia

  • Deve il suo nome al greco Aristos (ottimo) e ìokein (lochi), in quanto la tradizione le riconosce proprietà atte a promuovere le mestruazioni ed i lochi dopo il parto.
  • Nel Medioevo era impiegata per combattere i disturbi gastrici, nel XVII e XVIII secolo contro la gotta, nel XIX secolo contro le febbri intermittenti; poi il suo uso venne abbandonato.
  • Aristolochia cymbifera, pianta dell'America del Sud: radici e foglie segnalate come emmenagoghe, antisteriche, stimolanti, e dotate di azione analoga a quella della Valeriana, erano raccomandate come sedativo nelle malattie cutanee, in particolare nel prurito e nell'eczema secco; dell'Aristolochia serpentaria, chiamata anche Serpentaria della Virginia o Radice viperina, era utilizzata la radice (0,2% olio essenziale contenente borneolo): trovava impiego come eccitante, tonico, diaforetico e febbrifugo. Era considerata antidoto al veleno dei serpenti: in effetti l'acido aristolochico è in grado di inattivare alcuni veleni (Naja naja atra) mentre non avrebbe alcun effetto nei confronti di altri.

Tossicità ed effetti collaterali della Aristolochia

Tutte le specie del genere Aristolochia presentano proprietà nefrotossiche, mutagene e cancerogene (vedi sopra). Se ne sconsiglia pertanto l'impiego. A questo proposito si riporta quanto segue: «Si noterà, infine, dato che alcuni hanno messo in dubbio che gli acidi aristolocichi siano responsabili nelle nefropatie, che un caso di fibrosi interstiziale renale è stato diagnosticato in un uomo di 56 anni che per quattro anni aveva consumato un infuso di Aristolochia pistolochia.» L'autore di questa frase pensava che questa specie, indigena nella regione della Catalogna, fosse adatta ad alleviare i dolori addominali che lo affliggevano.

La pianta di Aristolochia e le sue proprietà.

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo la pianta Aristolochia

Erbe cinesi con acidi aristolochici e le case farmaeutiche.
Mi sorge un dubbio: e` davvero tossica oppure viene riconosciuta come tale solo per far comodo alle case farmaceutiche? Ci tengo a sottilineare che le case farmaceutiche hanno il contollo di universita`, dettano legge ai medici con tanta arroganza, e controllano gli esperimenti, gli studi scientifici insomma decidono loro cosa lasciare in mercato e cosa no.
Questa pianta cura i problemi femminili, i problemi legati al ciclo meustrale ed e` stata riconosciuta come tossica 30 anni fa`....
proprio contemporaneamente al boom farmaceutico della pillola?????
insomma le case farmaceutiche fanno un sacco di soldi vendendo la pillola, quindi perche` non proibire una pianta o delle erbe cinesi che contengono acidi aristolochici e che ostacolano l'entrata di miliardi alle case farmaceutiche??
mmmm
mi puzza di trucco di big pharma !!

La pianta aristolochia

Rispondo al commento di uela. ti informo che in qualunque libro di nefrologia o di anatomia patologica troverai pagine e pagine sulla nefropatia da analgesici (es.paracetamolo) da fans (antinfiammatori non steroidei,es:aspirina,ibuprofene) e da antibiotici e poche righe sulla nefropatia da acido aristolochico. Libri scritti da professori universitari che,come sostieni con tanto fervore,sono tutti al soldo delle case farmaceutiche,che hanno un grosso grosso introito dai farmaci che ti ho menzionato sopra.Aggiungo,nel caso non lo sapessi,che il controllo delle nascite non é sovrapponibile al controllo del ciclo mestruale di cui si parla sopra e che tra i primari obiettivi della pillola anticoncezionale c'era proprio quello di garantire un efficace contraccezione alle donne e alle coppie.Infine,e chiudo,qui sopra si cita un unico caso quando sicuramente in letteratura sarà pieno di studi e ricerche che dimostrano quest'associazione.Se la gente che come te vede complotti ovunque imparasse a informarsi su testi seri e non tramite il passa parola di internet,che equivale più o meno al "mi ha detto mio cuggino",ma soprattutto a rispettare chi lavora in campo sanitario con passione e dedizione,occupandosi solo di salvare e rendere migliore la vita di più persone possibile, il mondo sarebbe un posto migliore. Tu probabilmente non leggerai, spero lo faccia qualcun'altro o almeno spero di aver ridato un minimo di rispetto a chi lavora con chi sta male e che passa le sue giornate a faricare in primo luogo per il bene del paziente,in secondo luogo per la scienza e in nessun luogo per l'interesse delle case farmaceutiche.saluti

Lascia il tuo commento: