La pianta di Arnica

La pianta di Arnica montana viene utilizzata in omeopatia per via delle sue proprietà antiinfiammatorie, analgesiche ed antiecchimotiche. Principalmente la pianta di arnica montana viene impiegata contro le ecchimosi conseguenti a contusioni e distorsioni con l'Arnica opportunamente diluita e a condizione che la pelle sia integra e non abrasa, altrimenti può provocare dermatiti assai pruriginose.

La pianta di Arnica

La pianta Arnica

La pianta di arnica

Nome comune: Arnica
Francese: Arnica; Tabac des Vosges
Inglese: Mountain Arnica
Famiglia: Asteraceae
Parte utilizzata: fiori

Costituenti principali della pianta di arnica montana:

  • lattoni sesquiterpenici (0,2-0,5%): elenalina, diidroelenalina e i loro esteri
  • carotenoidi
  • olio essenziale (0,5%): timolo, acidi grassi (40-50%)
  • triterpeni, fitosteroli, n-alcani (9%), polisaccaridi, acidi fenoli
  • flavonoidi (0,2-0,3%): isoquercitina, astragalina, luteolina-7-glucoside; cumarine: umbelliferone, scopoletina

Attività e proprietà principali della pianta di arnica:

  • antiinfiammatorie;
  • antimicrobiche;
  • antinevralgiche;
  • antiecchimotiche

Impiego terapeutico dell'arnica:

  • ematomi,
  • distorsioni,
  • dolori muscolari e articolari (reumatismi);
  • flogosi delle mucose orali e faringee;
  • foruncolosi, punture di insetto... (uso topico)

La presenza di elenalina può provocare in alcuni individui, dopo sensibilizzazione, dermatite da contatto.

Un altro effetto sfruttato nella terapia delle forme reumatiche è quello dell'iperemia con conseguente senso di calore dopo la sua applicazione.

Tuttavia, se si aumenta la concentrazione o il contatto è troppo prolungato o se la preparazione di Arnica è applicata con impacco occlusivo, vi può essere la formazione di flittene, infiammazione e prurito.

In caso contrario facilita, tramite una leggera revulsione locale, il riassorbimento di stravasi ecchimotici, stimolando la circolazione nella parte contusa.

Preparazioni a base di Arnica vengono utilizzate con successo nelle numerose affezioni delle mucose e della pelle: sono impiegate come antisettico orale, nella piorrea alveolare, nella faringite cronica, nell'angina o comunque nelle flogosi delle mucose orofaringee (collutori e /o gargarismi: 5 a 10 gocce di tintura in un bicchiere d'acqua o Camomilla), nelle flebiti superficiali, nelle foruncolosi.

Compresse imbevute di Arnica possono dare ottimi risultati nel trattamento delle emorroidi e, per le proprietà antiinfiammatorie, nei disturbi muscolari o articolari di natura reumatica e negli edemi da frattura.

L'uso interno è desueto; infatti, la sua assunzione può provocare cefalea, algie addominali, turbe vasomotorie, quali palpitazioni, e respiratorie.

Sono state descritte inoltre proprietà colagoghe e diuretiche e di modulazione dell'attività riflessa del sistema nervoso centrale.

In passato era utilizzata in caso di shock oppure come sedativo nervoso nelle forme da stress, nell'arteriosclerosi e nell'arteriospasmo per l'azione sedativa generale ed elettiva sul sistema arterioso e sul cuore.

In medicina popolare era utilizzata come emmenagoga e a dosaggi elevati come abortiva. In passato era impiegata in ostetricia per prevenire le febbri puerperali e nel parto distocico: agirebbe infatti come antisettico e stimolante i processi di riparazione del tessuto uterino (20 gocce di tintura + 100 g di acqua bollita: un cucchiaino ogni ora dopo il parto distanziando poi le somministrazioni.

All'occorrenza veniva data sin dall'inizio dei dolori.

Tossicità, interazioni controindicazioni ed effetti secondari della pianta di arnica

L'uso interno viene sconsigliato: la sua assunzione infatti può provocare cefalea, algie addominali, turbe vasomotorie (palpitazioni) e respiratorie.

Tali disturbi sono dovuti ad effetti tossici sul cuore da parte degli elenanolidi (l'elenalina provocherebbe
un'alterazione della permeabilità delle membrane al calcio).

Sarebbe da considerare, inoltre, anche un problema di idiosincrasia individuale.

La pianta pertanto non deve essere ritenuta tossica (è la dose che la può rendere tale) ma piuttosto difficile da gestire anche per il variare della concentrazione dei principi attivi.

A questo proposito sarebbe opportuno utilizzare preparati standardizzati.

È comunque necessaria la sorveglianza medica. Il suo utilizzo è controindicato in caso di gravidanza e durante l'allattamento.

Come per molte asteracee contenenti lattoni sesquiterpenici, può dare luogo a dermatite da contatto.

Per uso topico, se il contatto con la pelle è troppo prolungato o la concentrazione non è adeguata, si possono manifestare reazioni dermotossiche primarie con formazione di vescicole fino alla necrotizzazione.

Le preparazioni della pianta devono essere impiegate solo su pelle integra.

Curiosità sulla pianta di arnica montana

  • Totalmente ignorata dagli antichi perché non cresce se non in alta montagna, è citata per la prima volta da Santa Hildegard von Bingen (1098-1179) nel trattamento di contusioni ed ecchimosi. Santa Ildegarda, personaggio di grande erudizione, ci ha lasciato tre opere notevoli che racchiudono un vasto sapere medico: nel De arboris completa le conoscenze fitoterapiche di Teofrasto, Dioscoride, Galeno e Plinio (originari del bacino del Mediterraneo) e divulga le proprietà di circa 250 piante di cui molte, come Arnica e Pilosella, sono state da lei segnalate per la prima volta.
  • Arnica appare citata nei testi medici, però solo a partire dal XV secolo. Mattioli (1554), che la confonde con l'Alisma di Dioscoride, ne ignora le proprietà ma è il primo a descriverla e a rappresentarla. Alla fine del 1500 il botanico Tabernaemontanus la segnala contro le ferite e nel 1678 viene celebrata come panacea lapsorum.
  • Nella tradizione popolare è conosciuta "Tabacco di montagna", in quanto le foglie essiccate venivano una volta usate come tabacco da naso.

La pianta di Arnica

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo la pianta di Arnica

L'arnica può dare controindicazioni ed effetti collaterali ?

Dopo aver assunto arnica 200 ch monodose e arnica 6 ch 3 granuli duel volte al giorno ho inziato ad avere problemi di sbandamenti, palpitazione e sensazioni di stordimento. E' possibile che questi sintomi siano stati causati dall'assunzione di questi prodotti omeopatici. E se è cosi dopo quanto tempo dovrebbero sparire dall'ultima assunzione. Grazie

Crema con arnica utile per le distorsioni

trovo che questa pomata sia veramente ottima nel mio caso è servita per distorsioni

Uso un gel all'arnica in caso di disidratazione o allergia da contatto

La sto utilizzando (all'occorrenza) di mia iniziativa in gel per un problema di disitratazione o allergia da contatto ( il dermatologo non sa di preciso di cosa si tratta) a due dita della mano destra. Una benedizione! Nel giro di 4 giorni e' quasi scomparso il problema.

Lascia il tuo commento: