Lenti a contatto mensili

Le lenti a contatto mesnsili sono la tipologia di lenti più adatte per risolvere o correggere eventuali problemi di vista.

Le lenti a contatto mensili possono essere anche colorate e vengono poste in commercio per correggere difetti come miopia, astigmatismo e ipermetropia che sono tra i difetti visivi più comuni e frequenti. La correzione di tali problematiche prevede generalmente l'utilizzo di occhiali da vista da parte dei soggetti interessati, ovvero di lenti in grado di compensare il difetto dell'occhio. Essere costretti a indossarli in maniera più o meno costante può tuttavia risultare una condizione scomoda o fastidiosa per moltissime persone, soprattutto giovani, a causa di diversi motivi, estetici ma non solo.

Lenti a contatto mensili

Lenti a contatto mensili

Tra questi, eccone un elenco:

  • Nascondono in parte lo sguardo: non tutti riescono a trovare una montatura che si armonizzi con la forma naturale del proprio viso, e in ogni caso lo sguardo non sempre risulta valorizzato, essendo in parte mascherato dalla lente.
  • Sono un ostacolo durante l’attività fisica: gli occhiali da vista possono risultare d’impaccio per chi pratica abitualmente sport; infatti con il sudore e i movimenti, la montatura tende inevitabilmente a scivolare o a cadere. Gli occhiali possono rivelarsi inoltre particolarmente problematici nel caso di sport all’aperto, soprattutto in caso di pioggia.
  • Sono costosi: molti tipi di occhiali sono davvero costosi, in quanto al prezzo di base della montatura, bisogna aggiungere quello delle lenti da vista. Inoltre, la gradazione adatta in relazione al proprio difetto visivo tende in ogni caso a mutare nel tempo, dovendo quindi modificare o sostituire le lenti dopo un certo periodo. Gli occhiali inoltre sono soggetti a rompersi facilmente: quante volte vi è capitato di infrangere gli occhiali inavvertitamente, o di perderne una lente? Questo rappresenta un vero problema, poiché gli occhiali sono talmente delicati che quando il danno è notevole, occorre sostituirli completamente, pagando una nuova montatura e nuove lenti.
  • Lasciano segni sul naso: a meno che non riusciate a trovare la montatura perfetta e leggera per il vostro viso, quando tenete gli occhiali a lungo, inevitabilmente troverete il fastidioso segno alla base del naso.

Per fortuna esiste un valido rimedio per evitare questi fastidiosi problemi in maniera efficace: le lenti a contatto. Queste sono delle piccole lenti circolari che vanno posizionate sulla superficie della cornea, e vi restano aderenti finché non decidiamo di rimuoverle. Hanno la stessa funzione delle lenti presenti negli occhiali da vista, ma offrono il vantaggio di non essere visibili. Sono realizzate in un particolare materiale plastico, che le rende idonee ad essere applicate direttamente sulla cornea, senza bloccare il passaggio dell’ossigeno e creare danni alla struttura dell'occhio.

In base al materiale utilizzato e alla consistenza, possono essere distinte in:

  • Lenti a contatto morbide: il materiale utilizzato nelle lenti morbide di nuova generazione è l’hydrogel, formato da materiale plastico a cui viene unita dell’acqua, per rendere morbide, umettate, e filtranti, in modo da impedire che l’occhio si secchi e si irriti. Sono le lenti più utilizzate in quanto offrono comodità nell’utilizzo e praticità nell’applicarle.
  • Lenti a contatto rigide: le nuove lenti a contatto rigide sono formate da materiali gas permeabili, che consentono il passaggio dell’ossigeno attraverso la lente. Sono meno comode rispetto a quelle morbide, soprattutto durante i primi utilizzi, ma offrono una visione migliore, e offrono un aiuto in più in quei casi in cui le lenti morbide non possono essere utilizzate.
  • In commercio esistono diversi tipi di lenti a contatto, distinguibili anche in base alla loro durata.  È possibile infatti scegliere in base alle proprie esigenze, tra lenti morbide giornaliere, quindicinali, mensili, semestrali e annuali.
  • Lenti a contatto giornaliere: sono le lenti “usa e getta”, in quanto il loro utilizzo si limita alle ventiquattro ore, dopo le quali vanno necessariamente rimosse e gettate. Sono molto confortevoli per gli occhi in virtù della loro consistenza estremamente leggera, e sono consigliate per chi utilizza le lenti a contatto sporadicamente, o per chi non vuole impelagarsi eccessivamente nelle normali e consuete operazioni di manutenzione. Un altro aspetto positivo di queste lenti è legato all’igiene; infatti, proprio perché ad ogni utilizzo, si apre una nuova confezione, si evitano i rischi di infezioni e irritazioni, proprio perché si indossa ogni volta un paio di lenti perfettamente sterile. Sono ideali per chi fa sport, in quanto non ci si deve preoccupare di rimuovere adeguatamente eventuali tracce di polvere o impurità, oppure in caso di viaggi, dal momento in cui non occorre trasportare con sé anche il necessario per la manutenzione. Inoltre, l'aspetto vantaggioso di queste lenti è rappresentato anche dal fatto che, qualora dovessero smarrirsi accidentalmente, il danno economico resterebbe tutto sommato contenuto.
  • Lenti a contatto quindicinali: vanno sostituite ogni due settimane. Sono la giusta soluzione per chi deve utilizzarle ogni giorno, o per un periodo di tempo breve, magari alternando i giorni restanti con le lenti a contatto giornaliere. Necessitano di una buona manutenzione, e vanno conservate dopo l’utilizzo nell’apposito contenitore, umettandole con le soluzioni detergenti e disinfettanti specifiche.
  • Lenti a contatto mensili: possono essere utilizzate per circa quattro settimane, dopo le quali devono essere di norma gettate, poiché perdono la loro permeabilità all’ossigeno. Sono ideali per chi le indossa tutti i giorni, o comunque con una certa frequenza, ma necessitano di un’assidua manutenzione. Infatti, dopo l’uso, vanno conservate nei contenitori appositi, che vengono riempiti con la soluzione detergente e disinfettante, che ne rimuove batteri e impurità. L’ideale sarebbe lasciarle nella soluzione tutta la notte, per garantire la massima igiene. Questa soluzione specifica contiene proteine e minerali che rimuovono facilmente dalla superficie della lente, eventuali depositi di sporco e batteri. In commercio esistono combinazioni di prodotti da utilizzare contemporaneamente, o la cosiddetta “soluzione unica”, che racchiude in un unico prodotto tutto ciò che è necessario per la pulizia delle lenti. Inizialmente, le lenti a contatto mensili erano costituite da un materiale plastico altamente idrofilo, l’HEMA, ovvero idrossietilmetacrilato, oggi sostituito dal più idoneo hydrogel, un composto simile a quello originario, ma che differisce da esso per l’aggiunta di acqua, che le rende più umettate e traspiranti. Le lenti mensili sono ideali per chi le utilizza quotidianamente, o per i viaggi abbastanza lunghi.

Le lenti a contatto presentano numerosi aspetti positivi, ma restano tuttavia dei corpi estranei che vengono applicati sulla superficie del nostro occhio.

Per questo bisogna sempre mettere in atto degli accorgimenti quando si sceglie di utilizzarle.

Ad esempio:

  • Non indossarle per troppe ore: le lenti a contatto non rappresentano mai una definitiva sostituzione degli occhiali da vista. Vanno applicate per qualche ora, ma non tutto il giorno, soprattutto se vengono utilizzate quotidianamente. Ciò impedisce il normale apporto di aria alla cornea, che non riceve nutrimento dai vasi sanguigni, ma esclusivamente dai gas ambientali, e così, lasciando le lenti per molto tempo nell'occhio, si favorisce l’insorgenza di infezioni ed irritazioni.
  • Non utilizzarle la notte: le lenti a contatto vanno assolutamente gettate o conservate la sera prima di andare a dormire. Si ricorda di non sottovalutare questa buona norma, in quanto il danno eventuale per gli occhi potrebbe rivelarsi anche molto grave.
  • Non utilizzarle in spiaggia: il contatto con l’acqua salata e l’eccessiva esposizione al sole, potrebbe irritare l’occhio molto più facilmente se si indossa un paio di lenti a contatto.
  • Non prolungarne l’uso oltre i giorni indicati: le lacrime hanno una composizione oleosa, che può andare a depositarsi nelle lenti a contatto, rendendole untuose, e impedendo la normale traspirazione. Inoltre, i residui di polvere, batteri e impurità potrebbero non essere rimossi sempre perfettamente con le soluzioni detergenti, pertanto è opportuno aprire sempre una nuova confezione alla scadenza dei giorni indicati sulla scatola.

Cosiderazione finale sulle lenti a contatto morbide

Concludendo, le lenti a contatto rappresentano la soluzione ottimale per chi vorrebbe correggere i propri difetti visivi e al contempo mantenere uno sguardo quanto più naturale.  L'uso delle lenti riduce al minimo una serie di disagi legati invece al ricorso agli occhiali da vista, soprattutto in relazione a costi, fattori estetici e pratici. Si ricorda di non sottovalutare mai le relative norme di utilizzo, ad esempio, di non lasciare le lenti troppo a lungo a contatto con la cornea per non stressare l'occhio, e di adoperare buone abitudini a livello di igiene e conservazione di questi prodotti.

Opinioni e suggerimenti dedicati a vantaggi e svantaggi delle lenti a contatto morbide.

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: