Mettere le lenti a contatto

Mettere le lenti a contatto può sembrare una cosa difficile ma vi assicuriamo che una volta imparato piccoli trucchi è solo questione di abitudine.

Mettere le lenti a contatto è più facile di quanto si creda, quindi se stai prendendo in considerazione l’idea di cominciare a utilizzare le lenti a contatto, ti starai sicuramente chiedendo se esiste una procedura specifica da seguire per riuscire ad applicarle in maniera corretta. Leggendo questo articolo, troverai quasi certamente le risposte alle tue domande per imparare a mettere le lenti a contatto.

Mettere le lenti a contatto

Mettere le lenti a contatto

Perchè mettere le lenti a contatto?

Le lenti a contatto possono rivelarsi una valida alternativa agli occhiali da vista, in tutte quelle situazioni in cui ritieni sarebbe antiestetico o anche solo scomodo indossarli. Molte persone, infatti, preferiscono utilizzare lenti o occhiali a seconda dell’occasione.

Durante lo sport, ad esempio è preferibile indossare le lenti a contatto, per evitare che gli occhiali scivolino via o si rompano, ma ci sono anche situazioni, occasionali come una giornate di mare, o casi più seri di allergie stagionali, in cui è sconsigliato l’uso delle lenti a contatto, e l'ago della bilancia pende a favore degli occhiali da vista.

Consigli utili e suggerimenti per mettere con facilità le lenti a contatto

Prima di iniziare ad utilizzare le lenti a contatto, è opportuno valutare quali siano i propri bisogni e le aspettative in merito a questa scelta. Innanzitutto durante le prime applicazioni delle lenti, occorre molta pazienza, poiché ci vuole del tempo per abituarsi alle consuete operazioni di applicazione, rimozione e manutenzione delle lenti. Anche l’occhio ha bisogno di tempo per adattarsi alla presenza di un corpo estraneo sulla sua superficie.

Le prime regole d'oro da tenere bene a mente prima di iniziare a utilizzare delle lenti a contatto, sono le seguenti:

  • Lavare sempre accuratamente le mani con acqua e sapone prima di toccare le lenti
  • Le lenti a contatto sono strettamente personali, e non vanno mai scambiate con altre persone
  • Non acquistare alcun tipo di lente a contatto se non è stato prima valutato se l’occhio ne permette l’utilizzo
  • Non acquistare lenti a contatto a basso prezzo, facilmente reperibili su internet, poiché spesso sono di qualità scadente
  • Quando si utilizzano prodotti per il make-up, è preferibile farlo dopo aver applicato le lenti
  • Evitare di utilizzare le lenti a contatto in ambienti saturi di vapore o vento, come ad esempio la sauna, in quanto si seccherebbero eccessivamente, irritando fortemente gli occhi
  • Alle prime sensazioni di prurito, eccessiva lacrimazione o fastidio agli occhi, rimuovere immediatamente le lenti a contatto, risciacquarle con la soluzione salina, e riapplicarle. Se la situazione persiste, rimuoverle e lasciare a riposo gli occhi. Nel caso in cui questa condizione dovesse protrarsi per diversi giorni, consultare uno specialista.
  • È consigliabile, quando si sceglie di utilizzare le lenti a contatto, tenere sempre con sé una confezione di lacrime artificiali, da applicare nell’occhio qualora le lenti dovessero seccarsi eccessivamente.
  • Solitamente, è l’ottico a spiegare per la prima volta quali sono le operazioni per indossare e rimuovere le lenti.

Queste operazioni consistono in:

  • Lavare le mani con acqua e sapone e asciugarle correttamente
  • Rimuovere la lente dal contenitore
  • Posizionarla sul dito indice, assicurandosi che sia dal lato corretto. Infatti la lente, dovrebbe avere la forma di una piccola coppa, mentre se è posta in maniera errata, presenterà una leggera svasatura lateralmente.
  • Sollevare la palpebra superiore con un dito, e quella inferiore con un altro, per evitare che il riflesso oculare porti le palpebre a chiudersi involontariamente, come spesso accade
  • Poggiare lentamente sulla superficie dell’occhio la lente
  • Chiudere le palpebre per favorire l’adattamento della lente. In alcuni casi può capitare che l’occhio non tolleri la lente appena posizionata, magari per la presenza di piccole impurità sulla sua superficie; in questi casi, basta rimuoverla, sciacquarla con i prodotti appositi e riapplicarla.

Per rimuovere le lenti invece basta seguire queste indicazioni:

  • Lavare le mani con acqua e sapone
  • Poggiare delicatamente il dito sulla lente, e cercare di spostarla verso l’angolo esterno dell’occhio
  • Prendere la lente tra indice e pollice e rimuoverla dall’occhio
  • In alcuni casi, l’occhio potrebbe essersi seccato per la presenza della lente; in questo caso basta umettare l’occhio con delle lacrime artificiali, aspettare qualche secondo, e procedere con le operazioni sopraelencate

Altre informazioni da sapere

Le lenti a contatto, a meno che non si tratti di lenti giornaliere usa e getta, necessitano di costante manutenzione. Per effettuarla nel modo corretto, servono un contenitore portalenti e delle soluzioni specifiche; nel caso in cui ci ne avessimo bisogno solo per risciacquare la lente prima di riapplicarla, è sufficiente la soluzione salina, ma per conservarle, è tuttavia necessaria una soluzione specifica che sia al contempo detergente e disinfettante, al fine di rimuovere correttamente tutti i residui normalmente presenti sulla lente. In commercio esiste una soluzione unica, che svolge le funzioni di risciacquo, detersione e disinfezione in un unico prodotto.

Ecco come e quando utilizzare questi prodotti:

  • Prima di rimuovere le lenti, occorre preparare il contenitore portalenti, lavandolo con acqua fredda e lasciandolo asciugare, quindi risciacquarlo con la soluzione apposita
  • Può capitare che la lente si disidrati, se l’occhio è secco, o se è stata tenuta per troppo tempo. In questo caso, basta rimuoverla delicatamente; appena rimossa, si piegherà, lasciando i due lembi adesi tra loro. Evitate assolutamente di separarli, altrimenti la lente sicuramente si romperà. Piuttosto, poggiatela nel portalenti con abbondante soluzione salina per almeno un’ora, finché non tornerà allo stato originario. Massaggiatela delicatamente e controllate che non ci siano spaccature, altrimenti sarebbe da sostituire.
  • Il contenitore va sostituito almeno ogni tre mesi, per evitare che si creino depositi di sporco e batteri.Per chi è troppo pigro e quindi poco propenso a effettuare costantemente le operazioni di manutenzione, o anche in occasione di un viaggio, la soluzione più comoda è quella di ricorrere a delle lenti giornaliere. In questo caso, non siamo costretti a portare con noi il necessario per la cura o manutenzione delle lenti. Le lenti a contatto giornaliere vanno utilizzate al massimo per ventiquattro ore, dopo le quali è obbligatorio gettarle. L’aspetto positivo di queste lenti è che sono molto più confortevoli, non solo per la manutenzione, ma anche una volta applicate. Sono realizzate, infatti, in un materiale plastico che consente il passaggio ottimale dell’ossigeno, il quale giunge alla cornea solo attraverso l’aria ambientale. Questo materiale, l’hydrogel, è altamente gas permeabile, e viene utilizzato nella realizzazione delle lenti a contatto morbide di ultima generazione, per evitare l’insorgenza di infezioni o irritazioni a livello dell’occhio.

Tra  la vasta gamma di lenti a contatto disponibili in commercio, si possono effettuare diverse distinzioni.

In base alla consistenza, abbiamo:

  • Lenti a contatto morbide: realizzate in materiali plastici dalla consistenza morbida, come ad esempio l’hydrogel, che oltre ad essere gas permeabile, contiene anche dell’acqua, che rende l’occhio e la lente costantemente umettati
  • Lenti a contatto rigide: sono realizzate in materiali rigidi, ma gas permeabili. Sono più scomode da applicare e rimuovere, ma offrono una visione migliore, e sono ideali in alcuni casi patologici in cui non si possono usare quelle morbide. Hanno un costo abbastanza elevato, ma la loro durata è notevole.

Le lenti a contatto morbide possono anche essere suddivise in base alla loro durata:

  • Giornaliere: possono essere usate per ventiquattro ore, e poi vanno gettate.
  • Quindicinali: hanno una durata di circa due settimane
  • Mensili: sono le lenti ideali per chi le utilizza quotidianamente. Hanno una durata di circa un mese, durante il quale vanno messe in atto le consuete operazioni di manutenzione per una corretta igiene.

Mettere o no le lenti a contatto?

In conclusione, la scelta di passare all'utilizzo di lenti a contatto come  alternativa agli occhiali da vista  per rivelarsi una soluzione ottimale va supportata da una serie di consigli di utilizzo, da tenere sempre a mente. Esiste infatti una sorta di vademecum standard da tenere in considerazione durante il periodo in cui ricorriamo a questa tipologia di lenti. Tra questi accorgimenti c'è sicuramente la regola d'oro dell'igiene, fondamentale per ridurre al minimo qualsiasi rischio di infezione batterica. Occorre poi avere molta, molta pazienza e anche non scoraggiarsi  se al primo tentativo non riusciamo ad applicarle. Non è così automatico imparare a indossarle! L'occhio deve fisiologicamente adattarsi al corpo estraneo rappresentato dalla lente. Tuttavia, con un po’ di pratica, nel giro di qualche giorno, il procedimento di applicazione e rimozione delle tue lenti diverrà un'abitudine e un'operazione automatica, da eseguire a occhi chiusi o quasi!

Suggerimenti e consigli utili per mettere correttamente le lenti a contatto.

Naturale benessere

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo mettere le lenti a contatto

Come mettere le lenti a contatto

Grande spiegazione su come mettere le lenti a contatto. Aggiungo solo, almeno per quanto mi riguarda, che serve anche un pizzico di pazienza e poi metterle diventa un gioco da ragazzi.

Lascia il tuo commento: