Leucemia: sintomi leucemia

La leucemia è una sorta di cancro del sangue, una patologia dalle cause non note, caratterizzata dalla produzione di una elevata quantità di cellule anomale da parte del midollo osseo. Ci sono diversi tipi di leucemia, ed ognuno di essi è classificato in funzione del tipo di cellula attaccata dalla patologia stessa. La leucemia cronica è una forma lenta e progressiva di leucemia che implica il coinvolgimento di tipi di cellule più mature. La leucemia acuta è una forma di leucemia che progredisce molto velocemente se non trattata fin da subito e coinvolge cellule immature. Si sviluppa rapidamente già a partire dai primi stadi cellulari relativamente alle cellule non mature del midollo osseo. Questa forma di leucemia necessita di urgente intervento medico, ma solitamente risponde bene anche alla chemioterapia. La leucemia acuta è una patologia rara che è più comune tra i bambini ed i giovani in generale. Comunque sia il tasso di sopravvivenza è maggiore rispetto a quello delle persone più anziane.

Leucemia acuta

Leucemia acuta


Quali sono i sintomi della leucemia acuta?

  • Improvvisa comparsa dei sintomi.
  • Innaturale stato di pallore.
  • Fatica.
  • Dolori articolari (in tal caso, quando ne sono colpiti i bambini, la situazione è spesso confusa con i dolori tipici della crescita).
  • Infiammazioni ripetute, come ad esempio l’infiammazione alla gola.

La forma acuta di leucemia è normalmente accompagnata da perdita di sangue nasali e da comparsa frequente di lividi anche in assenza di gonfiore. Se anche solo uno dei summenzionati sintomi dovesse comparire, contattare urgentemente un dottore sarebbe la cosa più sensata da fare. I genitori sono sempre in ansia per i propri figli circa l’evenienza di riscontrare tale patologia, ma fortunatamente la diagnosi rivela, nei più dei casi, che si tratta di qualcos’altro poiché tante altre patologie hanno sintomatologia comune.

Come viene diagnosticata la leucemia acuta?

Molte forme di leucemia possono essere diagnosticate attraverso le analisi del sangue. Normalmente le cellule anormali identificanti la forma acuta della leucemia sono riscontrate nel torrente ematico. Inoltre, un test del midollo osseo può essere eseguito per diagnosticare i tipi cellulari coinvolti, poiché tale aspetto risulta di notevole importanza per il medico al fine di decidere per la migliore soluzione di trattamento. Solitamente la diagnosi della forma acuta della leucemia risulta abbastanza semplice.

Come viene trattata la forma acuta di leucemia?

La maggior parte dei pazienti riportanti la forma acuta di leucemia sono veicolati verso unità specialistiche ai fini investigativi e per il trattamento. Al giorno d’oggi i trattamenti medici sono così efficaci che un numero sempre più in crescita di bambini ed individui giovani riesce a guarire completamente. Il trattamento, generalmente, consiste nella chemioterapia somministrata per via endovenosa. In molti casi, la chemioterapia è portata avanti per 4-6 mesi. Ogni ciclo settimanale di chemioterapia dura dai 4 ai 5 giorni. La chemioterapia distrugge tutte le cellule che vanno incontro a veloci processi di divisione, e ciò include cellule normali quanto quelle anomale. Un midollo osseo sano è molto sensibile al trattamento chemoterapico e, perciò, il volume ematico potrebbe facilmente risentirne, ed il paziente risulta così molto più vulnerabile alle infezioni ed ai sanguinamenti. Ciò significa che il paziente deve stazionare in ospedale per settimane al fine di portare avanti la chemioterapia. Ad ogni modo il volume ematico, poi, si ripristinerà nel corso delle settimane successive. Per via di tutto ciò, le trasfusioni di sangue sono necessarie durante questa fase di estrema vulnerabilità. La chemioterapia può portare a conseguenze non indesiderabili, quali: perdita di capelli, nausea, vomito e diarrea. I medici, infatti, ai fini di evitare tali conseguenze somministrano ai pazienti dei farmaci per ridurre il vomito e la diarrea. La perdita di capelli non è permanente, ed i capelli ricrescono dopo 3-4 mesi. A volte è auspicabile procedere anche con un trapianto di midollo osseo. Questa operazione, però, necessita di una gran mole di accorgimenti e trattamenti. Si tratta di un forma di intervento molto aggressivo e, pertanto, è raccomandata solo per i più giovani o per persone in ottimo stato di salute. Le cellule usate per tal tipo di trattamento possono essere quelle del paziente, oppure quelle donate da un fratello o sorella o, semplicemente ancora, da un donatore non imparentato. Il trattamento medico potrebbe essere molto sconfortevole. La presa di coscenza di ciò fa si che il personale ospedaliero specializzato sia preparato a tal punto da offrire il maggior aiuto e supporto possibile al paziente.

Varie informazioni sulla leucemia.

Malattie

Lascia il tuo commento: