Lino linum e stipsi

I semi di lino hanno proprietà utili contro la stitichezza e la stipsi, il lino era coltivato già nell'epoca preistorica sia per le fibre, atte alla filatura, sia per i semi commestibili, i medici ippocratici, Teofrasto, Dioscoride, Plinio e tanti altri, utilizzavano la pianta per curare infiammazioni "interne ed esterne", disturbi intestinali, tosse ecc.

Attualmente la prescrizione dei semi trova indicazione nel trattamento della stispi e stitichezza, nei soggetti affetti da intestino irritabile e in coloro che hanno il colon danneggiato da abuso di lassativi.

Quando il volume fecale è ridotto, la motolità dell'intestino risulta rallentata: al fine di aumentare questo volume, oltre a un'alimentazione adeguata (verdura, frutta, cereali ecc.) e a un appropriato apporto idrico, possono essere consigliati alcuni rimedi fitoterapici ricchi in mucillagine, come i semi di Plantago ovata Forsskal, i semi di Linum usitatissimum L. ecc., considerati blandi lassativi di massa.

Lino linum e stipsi

Semi di lino stitichezza

L'aumento della massa fecale provoca, infatti, un aumento della peristalsi grazie alla conseguente stimolazione del riflesso di stiramento.

I semi contengono anche una frazione minerale ricca in sali di potassio, calcio, magnesio che contribuisce a ottimizzare la loro azione terapeutica.

L'azione emolliente e addolcente risulta, infine, particolarmente indicata per sfiammare le mucose irritate.

Si fa notare che i semi presentano, in virtù della loro composizione, un elevato valore calorico (100 g di semi corrispondono a 470 Kcal), per cui «in caso di sovrappeso si dovrebbero utilizzare solo semi interi, non frantumati, che escono intatti dall'intestino, senza aver rilasciato i grassi.

In questo caso, tuttavia, non si beneficia della sussidiaria azione lubrificante dell'olio grasso»

Si ricorda che in situazioni di irritazione intestinale è opportuno utilizzare i semi solo dopo averli fatti rigonfiare (macerazione).

E inoltre esternamente i cataplasmi sono risultati utili nel trattamento delle flogosi locali, foruncolosi, catarri bronchiali ecc.

Curiosità:

  • «Un campo di Lino fiorito in giugno-luglio è per l'occhio come uno di quei laghi alpini di un blu incomparabile».
  • «[...] Alla lente, la superficie liscia (del seme) appare finemente alveolata. Immergendo la droga in acqua si forma uno spesso involucro mucillaginoso»

Semi di lino stipsi e stitichezza...

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo lino linum e stipsi

Lino e stipsi

chiara e utile spiegazione

Lascia il tuo commento: