Lo shock traumatico e lo shock emorragico

Uno shock può essere traumatico oppure emorragico, lo shock traumatico rappresenta quadro clinico generale conseguente a traumi di ogni sede e gravità e può rappresentare una delle cause di morte immediata. Si può definire come un complesso di fenomeni che conseguono ad una insufficienza del circolo periferico per azione di un trauma di varia intensità oppure un complesso di fenomeni che sono di per sé indipendenti dalle lesioni provocate dal trauma e questo shock e quindi in apporto col trauma, ma non con le lesioni da esso provocate.

Lo shock traumatico e lo shock emorragico

Shock traumatico emorragico

1) Shock neurogenico:

Il trauma determinerebbe una stimolazione intensa ed improvvisa dei nervi periferici e del simpatico viscerale e in via riflessa paralisi dei centri bulbari.

L'alterazione dei detti centri produrrebbe vasodilatazione periferica con sproporzione fra massa sanguigna e superficie del letto circolatorio.

2) Shock tossico:

Lo shock tossico sarebbe dovuto al riassorbimento di sostanze organiche dal focolaio traumatico.

Tali sostanze agirebbero sul sistema nervoso centrale o direttamente sui vasi periferici o su tutti e due o contemporaneamente, determinando vasodilatazione.

3) Shock ematogenico, periferico:

Importante è il più frequente. Sembra sia dovuto ad un aumento della permeabilità di tutti i capillari,permeabilità determina, secondo alcuni da uno stato ancossiemico. Si stabilisce nel traumatizzato uno stato di labilità cardiocircolatoria preesistente, che è caratteristica essenziale dello stato di shock.

Il primo sintomo è la caduta pressoria dovuta alla vasodilatazione periferica ed alla exemia plasmatica.

La capacità vascolare potenziale è circa due volte superiore di quella abitudinale e pertanto, a causa della vasodilatazione, la massa di sangue circolante diviene insufficiente anche se quantitativamente invariato.

Il sangue quindi, ristagna, ne segue ipovolemia, anossia dei tessuti (insufficiente apporto di ossigeno) accentuazione dell'aumento della permeabilità capillare e si stabilisce quindi un circolo vizioso, che se non viene interrotto, porta l'individuo alla morte.

Sintomatologia:

  • Per lo più la coscienza è conservata.
  • Ipotensione sistolica sudorazione fredda.
  • Pupille midiatriche. respiro superficiale, frequente irregolare.

Terapia:

  • Porre il Paziente in Trendelemburg (testa bassa).
  • Combattere l'ipotensione e l'ansia e sostenere il sistema cardiocircolatorio con ossigeno.
  • Compensare l'ipovolemia con trasfusioni di plasma-sostituiti.

Shock emorragico:

A differenza dello shock traumatico che è di tipo normo-volerico, nello shock emorragico la perdita di sangue e l'ipovolemia conseguente, costituiscono la causa iniziale.

Sintomi:

  • intenso pallore
  • tachicardia
  • battito del polso lieve
  • tensione arteriosa
  • ipotermia
  • sudorazione profusa
  • tachipnea
  • oliguria
  • forte sensazione di sete

Terapia:

La terapia per questo tipo di shock consiste in emotrasfusioni.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo lo shock traumatico e lo shock emorragico

Lo shock traumatico e lo shock emorragico

Ottima spiegazioni sullo shock emorragico e traumatico, vi ringrazio per le delucidazioni.

Lascia il tuo commento: