Macchie sul viso e brufoli

Macchie sul viso e brufoli, quali sono le cause? Molte persone sono affette dai brufoli, questo è un problema che affligge soprattutto gli adolescenti che entrano in pubertà, ma in parte minore anche le persone adulte. L'acne, o brufoli, è una malattia cutanea molto comune causata dall'infiammazione delle piccole ghiandole sebacee che circondano la peluria sul viso e sul petto.

Da cosa è causata l'acne?

Sul volto, l'acne continua ad aumentare fino a raggiungere il suo picco intorno alla età di 17/19 anni. Per la maggior parte delle persone, questo disturbo tende ad andare via al superamento dei 20 anni d'età.

Macchie sul viso e brufoli

Macchie sul viso brufoli

Soggetti molto sensibili possono continuare ad avere questa malattia fino ai 40 anni. I cambiamenti ormonali legati alla gravidanza o alle mestruazioni possono causare o contribuire alla comparsa dell'acne. Altre cause possono essere l'inquinamento, il caldo intenso, l'umidità e il freddo.

Durante la pubertà, la produzione di ormoni sessuali maschili (androgeni) aumenta sia nelle ragazze che nei ragazzi. Questi sono in grado di stimolare le ghiandole sebacee le quali producono più sebo. In alcune persone, le ghiandole sono estremamente sensibili agli androgeni.

Questi soggetti, per lo più uomini, sono afflitti da un'acne talmente grave che hanno bisogno di cure mediche intensive. L'aumento della produzione di sebo rende le aperture delle ghiandole sebacee stretto e ciò impedisce al secreto, in continua produzione, di uscire.

I brufoli sono spesso causati da Propionebacterium acnes, un comune batterio della pelle che si nutre di sebo. Questo batterio produce prodotti di scarto e acidi grassi che irritano le ghiandole sebacee, rendendole infiammate.

Quali sono i sintomi dei brufoli sul viso?

I primi sintomi sono piccole macchie rosse che poi si trasformano in pustole contenenti acidi grassi degradati. L'infiammazione scompare in pochi giorni o settimane, a seconda della gravità. L'acne più profonda può provocare cicatrici che non spariranno con il tempo. Questa malattia è fonte anche di stress psicologico. Un trattamento precoce e preventivo è quindi efficace.

C'è qualcosa che può far peggiorare l'acne?

Lavorare in un ambiente umido con prodotti chimici, oli e grassi, possono far peggiorare l'acne. Anche premere i brufoli provoca un aumento della malattia. I periodi mestruali e alcuni farmaci sono altri fattori d'aumento dei brufoli.

Come si può eliminare questo inestetismo della cute?

Lavandosi il viso due volte al giorno con un detergente delicato si può ridurre l'acne. Lavarsi la pelle ogni volta che si suda e non strofinare il volto servirà a diminuire il disturbo. Evitare acconciature in cui i capelli siano a costante contatto con il volto e lavarsi spesso il cuoio capelluto. Evitare di esporre la pelle al freddo e al calore. La luce solare può migliorare l'acne per un po', ma non lo cura. Troppa esposizione al sole può provocare bruciore e tumori della pelle quindi non esporsi troppo.

Utilizzare un idratante a base d'acqua al posto di creme grasse o oleose. Evitare di utilizzare fondotinta i quali andrebbero a bloccare i pori e quindi a causare i brufoli. Nessuna ricerca scientifica ha dimostrato che alcuni cibi possono causare l'acne, ma se si nota che i punti aumentano dopo aver mangiato certi alimenti, ha senso per evitarli. La dieta deve essere varia e con molta acqua. L'acne può essere controllata anche con dei farmaci, da assumere dopo aver consultato il vostro dottore o il vostro farmacista.

Che tipi di trattamenti esistono contro l'acne?

A seconda della gravità dell'acne, questo disturbo può essere trattato con farmaci assunti per la pelle o per via orale.

Il trattamento è mirato a contrastare i fattori che scatenano l'acne, che sono:

  • L'aumento della produzione di sebo che porta ad un restringimento delle ghiandole sebacee.
  • I batteri che causano l'acne.

Ci vogliono dalle sei alle otto settimane prima che l'effetto del trattamento può essere visto. Il trattamento in genere deve continuare fino a quando il paziente raggiunge i 20 anni.

Trattamento locale (applicato sulla pelle)

Un trattamento con acido azelaico o perossido di benzoile di solito è sufficiente per curare l'acne lieve o moderata. Questi farmaci aiutano a prevenire il restringimento delle aperture delle ghiandole sebacee e rallentare quindi la crescita del batterio dell'acne. In alternativa, il medico può scegliere di prescrivere un prodotto che combina il perossido di benzoile con un antibiotico topico come l'eritromicina o clindamicina. Si può trattare il disturbo anche con un unico antibiotico topico, ad esempio, clindamicina, eritromicina e tetraciclina. Il medico può prescrivere adapalene per le persone con punti neri, brufoli e acne infiammatoria lieve. Le donne dovrebbero usare solo adapalene se si utilizza una contraccezione efficace, come pillole contraccettive, mentre le donne in cinta non devono utilizzarlo. Topici tretinoina e l'isotretinoina hanno usi simili.

Trattamento sistemico (assunto per bocca)

Donne adulte con acne grave possono trarre beneficio dal trattamento con pillole contraccettive contenenti anti-androgeni.

Per le persone con grave acne infiammatoria, è consigliato un trattamento a lungo termine con antibiotici per via orale come la tetraciclina o minociclina. La tetraciclina non è data alle donne in gravidanza, donne che allattano o ai bambini sotto i 12 anni di età. Per i pazienti con grave acne cistica che non migliora con altri farmaci, può essere necessario assumere per via orale isotretinoina. Le donne devono utilizzare un adeguato metodo contraccettivo durante il trattamento, e per un mese intero al termine della terapia. Isotretinoina non è adatto a persone con malattie epatiche o renali. La medicina ha diversi effetti collaterali gravi ed è per questo che può essere prescritto solo da un dermatologo, ma ha anche un alto tasso di successo contro questo disturbo.

Le cicatrici causate dall'acne possono essere rimosse per abrasione (dermoabrasione) o tramite trattamento laser. Queste operazioni vengono effettuate da un dermatologo o da un chirurgo plastico.

Macchie della pelle, quanto sono fastidiosi i brufoli?

Bellezza corpo: uomo donna

Lascia il tuo commento: