Mal di denti bambini

Quali sono i rimedi e le cause del mal di denti nei bambini? Nei bambini, come negli adulti, le cause di mal di denti sono molteplici, tra le più comuni:

  • un trauma, che ha interessato uno o più denti
  • estensione di una carie non curata o curata male fino alla polpa del dente
  • presenza di un'infezione tra gengiva e dente
  • un ascesso sulla radice del dente
Mal di denti bambini

Mal di denti bambini

La causa del dolore può essere evidente, in tal caso la gengiva del dente interessato risulta arrossata e gonfia o il dente mostra una cavità, ma molte volte la gengiva è normale e l'aspetto del dente appare sano.

In tal caso per individuare la sede del dolore si procederà a toccare delicatamente i denti con un abbassalingua e quando questo toccherà il dente ammalato il bambino sentirà un dolore acuto.

Cosa fare in caso di mal di denti?

È necessario, se il bambino lamenta mal di denti, rivolgersi ad un dentista.

È importante che il bambino sia visto dallo specialista sin dai primi sintomi di mal di denti, senza aspettare che il dolore diventi forte e persistente.

Nell'attesa si può tentare di ridurre il dolore con paracetamolo o altra sostanza lievemente sedativa. Alle volte può dare un temporaneo sollievo l'applicazione della borsa di ghiaccio sulla zona interessata.

Le malattie che causano mal di denti

Le malattie della bocca e dei denti sono molto diffuse tra gli adulti, ma anche tra i bambini, che principalmente sono affetti da:

  • carie
  • malocclusione (denti storti)
  • malattia parodontale, conosciuta anche come piorrea alveolere, che attacca i tessuti di sostegno dei denti e può arrivare a causarne la caduta.

Prevenzione contro il mal di denti nei bambini

Per quanto riguarda le malattie dei denti la prevenzione gioca un ruolo fondamentale, insieme alla terapia precoce ed adeguata, per questo è bene che il bambino, anche se non accusa né fastidi, né dolore sia sottoposto a visita di controllo almeno due volte all'anno, in tal modo si potranno evitare danni gravi e permanenti.

Le principali misure di prevenzione

Per un'efficace opera di prevenzione delle malattie dei denti è bene osservare alcune semplici norme:

  • Igiene orale, dopo ogni pasto è importante che il bambino lavi i denti. Tra i 6 e i 7 anni dovrebbe già essere in grado di farlo da solo, quando è più piccolo alla pulizia dei denti dovranno provvedere i genitori.

La pulizia dei denti va effettuata con gli strumenti adatti:

  • spazzolino, quello usato da un bambino non deve essere troppo grande, deve avere setole di nylon e deve essere usato in modo appropriato, ovvero: l'arcata superiore e quella inferiore vanno spazzolate separatamente, dall'alto in basso quella superiore e dal basso all'alto quella inferiore; vanno spazzolate anche le superfici linguali e quelle palatine dei denti, vale a dire la loro parte interna e quella esterna detta anche vestibolare.
  • Dentrificio sono da preferirsi quelli a base di fluoro.
  • Filo interdentale, da usare quello di seta, flessibile e non cerato. È
  • importante abituare il bambino ad usare il filo interdentale perché è solo con esso che si riesce a rimuovere i residui di cibo dagli spazi interdentali. In genere il bambino impara ad usarlo in modo corretto da solo verso i 12 anni, anche in questo caso, prima di questo momento, dovrà essere aiutato dai genitori.
  • Pastiglie rivelatrici della placca batterica, servono per evidenziare l'accumulo della placca batterica, ovvero l'insieme di batteri e detriti (residui di cibo, cellule desquamate), causa primaria della carie. Esse introdotte nella cavità orale colorano di rosso le zone dove si deposita la placca, permettendo così di individuare i punti dove pulire con più cura.
  • Rimozione del tartaro, che è la placca batterica calcificata, essa può essere rimossa solo dal dentista con un particolare attrezzo.

Alimentazione

  • la formazione della placca batterica e lo sviluppo della carie sono favoriti dallo zucchero e da tutti gli alimenti che lo contengono, da questo punto di vista gli alimenti più pericolosi sono i dolci molli e appiccicosi. Sarebbe ottima abitudine che i bambini imparassero a lavarsi i denti subito dopo aver mangiato dolciumi di ogni genere.

Controlli periodici dal dentista

  • anche se il bambino non presenta alcun disturbo è bene che, a partire dai 3 anni, faccia un controllo dei denti almeno una volta all'anno, e due se avverte qualche disturbo.
  • Da tener ben presente che anche i denti da latte vanno controllati e curati in modo tale da conservarli il più possibile, in quanto estrazioni precoci potrebbero causare malocclusioni, che poi dovranno necessariamente essere corrette con apparecchi ortodontici.

Fluoro-profilassi

Quando il dente è carente di fluoro, principale costituente dello smalto dentario, è più facilmente attaccabile dalle carie. Laddove il bambino non possa assumere sufficiente fluoro dall'acqua è consigliata la somministrazione di fluoro in compresse, da assumere per via orale.

La stessa terapia è consigliata alle donne in gravidanza, dal 3° al 4° mese di gravidanza in poi, nelle dosi consigliate dal medico.

Il mal di denti nei bambini

Malattie

Lascia il tuo commento: