Malvone, Alcea rosea

Infuso di malvone come rimedio naturale contro le malattie da raffreddamento: versare 1/4 di litro d'acqua bollente su 2 cucchiai di fiori essicati e sminuzzati o metterli in acqua fredda e riscaldarli, lasciare poi riposare per almeno 10 minuti e berne due taze al giorno. Contro le malattie da raffreddamento, tosse e bronchite va bene la tisana zuccherata.

Malvone, Alcea rosea

Malvone

Il malvone, probabilmente meglio conosciuto come alcea rosea, è uno dei fiori favoriti dagli amanti del giardinaggio che curano e “addobbano” il loro giardino con il malvone, visto soprattutto che sono fiori facili da coltivare e sbocciano già il primo anno se piantati abbastanza presto.

La specie di malva produce fiori alti di colore rosa-rosso e le sue foglie hanno una caratteristica abbastanza particolare, e cioè hanno la forma tipica di un cuore.

Il malvone cresce durante tutta l’estate e possono raggiungere perfino i 6 metri d’altezza, il che la rende una pianta davvero ideale per mettere in risalto il proprio giardino, ma non solo, come vedremo in seguito.

L’alcea rosea veniva considerata ancora dagli antichi greci una pianta utile alla guarigione, al tempo veniva infatti utilizzata per trattare l’infiammazione, l’indigestione, la diarrea, il mal d’orecchi ed il mal di denti, al giorno d’oggi ci sono infatti ancora numerose testimonianze a riguardo dell’utilizzo di questa speciale pianta officinale.

Gli antichi romani usavano i fiori ed i frutti della specie alcea rosea in diverse ricette culinarie, mentre nella tradizione cinese veniva considerata uno degli ingredienti principali della loro medicina.

Per quanto riguarda il linguaggio dei fiori vittoriani, invece, il malvone aveva un profondo significato di fecondità ed ambizione, soprattutto riguardante le persone di sesso femminile.

Il malvone è famoso per le sue proprietà di carattere lenitivo, diuretico ed emolliente, anche per il fatto che le sue radici sono piene di mucillaggini e forme naturali di zucchero che assumono la consistenza simile ad un gel, facilmente applicabile sulla gola per affrontare i malanni di stagione ed i sintomi correlati come tosse e mal di gola.

Pensate che il malvone è infatti uno degli ingredienti principali di un gran numero di prodotti farmaceutici come compresse o sciroppi.

La radice di malvone viene raccolta durante il periodo autunnale e, dopo esser stata sminuzzata e privata della corteccia, viene messa ad essiccare.

L’alcea rosea è una pianta commestibile che vi permetterà di godere dei suoi benefici anche in cucina, non è infatti rara la soluzione di mettere in infusione la radice assieme a petali e germogli, in maniera da permettere all’acqua di acquisire tutte le sue sostanze nutritive.

Tisana di malvone

In caso di infiammazioni alle mucose gastrointestinali o diarrea è efficace una tisana non zuccherata di malvone e fiori di camomilla, così come di radici di tormentilla.

Gargarismi

Contro le infiammazioni del tratto bocca-trachea, preparare un infuso con cucchiai di malvone e 1/4 l d'acqua. Utilizzare la tisana per sciacqui e gargarismi.

Bagni e semicupi

Preparare un bagno o un semicupio a cui aggiungerere una manciata i fiori essiccati, per un trattamento calmante e idratante della pelle.

Malvone per il raffreddore

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: