Mani sudate

Avere le mani sudate in determinate situazioni può essere fonte di imbarazzo, per questo è bene conoscere le possibili cause della problematica.

Mani sudate cosa fare? Le mani sudate vengono indicate con il termine medico di iperidrosi palmare, che si riferisce, appunto, alla condizione di sudorazione eccessiva delle mani; l’iperidrosi palmare è una forma di iperidrosi focale, vale a dire che la sudorazione eccessiva interessa una zona specifica del corpo. Molto spesso la condizione di avere le mani sudate è accompagnata dalla condizione di avere i piedi sudati, la fronte sudata o i le guance sudate, infatti, in alcuni casi, questa condizione può essere indicata come iperidrosi generale, ovvero sudorazione eccessiva di tutto il corpo.

Mani sudate

Mani sudate

La sudorazione e le mani

La sudorazione è un meccanismo naturale dell’organismo che permette di mantenere la temperatura stabile, tuttavia il termine iperidrosi indica una sudorazione eccessiva che prescinde dalla termoregolazione del corpo, vale a dire che questa sudorazione eccessiva non dipende da una necessità dell’organismo di controllare la temperatura, perciò la condizione di mani sudate, spesso, viene indicata come iperidrosi.

Quali sono le cause delle mani sudate?

Innanzitutto, bisogna distinguere l’iperidrosi palmare dall’iperidrosi generale, in quanto l’iperidrosi palmare interessa solamente le mani, mentre l’iperidrosi generale interessa tutto il corpo.
Le cause dell’iperidrosi palmare molto spesso non vengono individuate, infatti, nella maggior parte dei casi, si tratta di una predisposizione familiare, tuttavia, in altri casi, possono essere individuati fattori scatenanti, quali lo stress, il nervosismo, la rabbia, la paura o, comunque, altre emozioni piuttosto intense; la sudorazione eccessiva delle mani tipica dell’iperidrosi palmari, proprio per questa ragione, a volte, si riduce notevolmente durante la notte.

Le cause dell’iperidrosi generale, ovvero della condizione di mani sudate accompagnata dalla sudorazione generale del corpo, possono essere diverse, quali i fattori ormonali, le disfunzioni del metabolismo, alcune patologie, l’assunzione di farmaci, come gli ipertensivi e gli anti depressivi, l’abuso nel consumo di alcool ed altre ancora.

Quali sono i sintomi delle mani sudate?

L’intensità dei sintomi delle mani sudate, in genere, varia a seconda delle condizioni del paziente, tuttavia i sintomi più comuni sono:

  • la viscosità delle mani, dovuta ad una sudorazione che può essere lieve o piuttosto abbondante, infatti, in alcuni casi, si può manifestare un vero e proprio gocciolamento
  • la differenza di temperatura tra la superficie dei palmi delle mani ed il resto del corpo
  • la desquamazione della pelle nelle zone interessate da una sudorazione eccessiva
  • la secchezza delle mani, in quanto una sudorazione eccessiva può comportare una conseguente condizione di secchezza

Come funzionano le ghiandole sudoripare?

Le ghiandole sudoripare, ovvero le ghiandole eccrine e le ghiandole apocrine, secernono sudore quando ricevono gli stimoli da parte del sistema nervoso: il neurotrasmettitore che agisce sulle ghiandole eccrine è l’acetilcolina, mentre le catecolamine stimolano l’attività delle ghiandole apocrine; la sudorazione permette di mantenere stabile la temperatura corporea, che viene controllata dal centro della termoregolazione che si trova nell’ipotalamo, tuttavia il centro della termoregolazione non viene influenzato solamente dalla temperatura corporea, ma anche dagli ormoni e da alcune condizioni dell’organismo, quali l’attività fisica e le emozioni.
La condizione delle mani sudate dipende da un’iperattività delle ghiandole eccrine, mentre le ghiandole apocrine non sono assolutamente coinvolte nell’iperidrosi palmare; la sudorazione eccessiva è dovuta, in realtà, ad un’iperattività del sistema nervoso che si traduce, quindi, in un’iperattività delle ghiandole sudoripare, stimolate proprio dal sistema nervoso: le ghiandole eccrine, infatti, ricevono numerosi impulsi dai neurotrasmettitori e, di conseguenza, secernono maggiori quantità di sudore; le persone che soffrono di mani sudate non hanno, nella maggior parte dei casi, alcuna alterazione nel numero delle ghiandole sudoripare o nella dimensione di queste ghiandole, ma l’alterazione riguarda l’attività dei neurotrasmettitori.
I fattori che influenzano l’attività dei neurotrasmettitori sono diversi, perciò può essere difficile individuare la causa delle mani sudate, soprattutto perché, in alcuni casi, si innesca un meccanismo per cui la sudorazione eccessiva ed il conseguente raffreddamento per evaporazione della pelle inducono, a loro volta, una ulteriore secrezione di sudore.

Come può essere diagnosticata la condizione delle mani sudate?

Per poter effettuare una corretta diagnosi delle mani sudate, ovvero dell’iperidrosi focale, il medico deve, innanzitutto, distinguere questo disturbo dall’iperidrosi generalizzata: a questo proposito, può essere sufficiente rivolgere alcune domande al paziente, in modo da indagare determinate condizioni, quali l’entità della sudorazione, la frequenza della sudorazione, l’eventuale riduzione della sudorazione durante la notte, l’eventuale presenza, in famiglia, di soggetti affetti dallo stesso disturbo ed altre ancora; una volta effettuata una corretta diagnosi delle mani sudate, è necessario individuare quali siano i fattori scatenanti, rivolgendo, ancora una volta, alcune domande al paziente, ad esempio a proposito dell’assunzione di farmaci o del consumo di alcol.
In alcuni casi, per effettuare una diagnosi più sicura, possono essere eseguiti alcuni test diagnostici, quali ad esempio le analisi del sangue, in modo da individuare eventuali condizioni legate alle mani sudate, o altri tipi di test che permettono di individuare in quali aree del corpo si registra una sudorazione superiore rispetto alle condizioni naturali.

Quali trattamenti si adottano per la cura delle mani sudate?

Esistono diversi trattamenti che permettono di ridurre la condizione delle mani sudate, ovvero dell’iperidrosi palmare, tuttavia è necessario individuare quali siano le cause scatenanti; infatti, se la sudorazione eccessiva dipende da una condizione di ansia o di stress, può essere necessario seguire una terapia che permetta di controllare le proprie emozioni e sensazioni, mentre se si ritiene che le mani sudate dipendano da una eccessiva attività fisica o da una esposizione a temperature elevate, bisogna evitare queste condizioni, riducendo l’esercizio fisico ed evitando di rimanere in ambienti troppo caldi, così come se l’iperidrosi dipende dal consumo di alcol o dall’assunzione di qualsiasi sostanza, come la caffeina o la nicotina, occorre eliminare, se possibile, o comunque ridurre l’assunzione di quella determinata sostanza, modificando le proprie abitudini alimentari ed il proprio stile di vita.

Qualsiasi sia la causa dell’iperidrosi, quindi, è di fondamentale importanza cercare di eliminare la causa stessa, in modo da risolvere il problema delle mani sudate senza adottare ulteriori trattamenti: i trattamenti con i farmaci o con altre tecniche, infatti, nella maggior parte dei casi, possono essere evitati, in quanto si possono adottare strategie di altro tipo.

Molto spesso, le mani sudate dipendono da uno stato emotivo, perciò la componente psicologica deve essere tenuta in gran considerazione: la sudorazione, infatti, è sotto il controllo del sistema nervoso, la cui iperattività può dipendere da alcuni stati emotivi, come l’ansia o lo stress, di conseguenza riuscire a gestire queste forti emozioni permette, in alcuni casi, di curare l’iperidrosi, in quanto la sudorazione eccessiva delle mani dipende solamente da queste sensazioni.

Ovviamente non sempre le mani sudate dipendono da una causa psicologia, tuttavia la maggior parte delle persone che soffrono di iperidrosi notano un aumento della sudorazione contemporaneamente ad alcuni stati emotivi, perciò, che sia la causa o semplicemente un fattore aggravante, lo stress può essere gestito, attraverso tecniche di rilassamento e di meditazione, in modo da ridurre comunque l’entità della sudorazione.
In conclusione, quindi, il trattamento da intraprendere in caso di sudorazione eccessiva delle mani dipende dalla causa dell’iperidrosi, perciò, innanzitutto, occorre individuare la causa, quindi si può adottare un trattamento adeguato; nella quasi totalità dei casi, riuscire a controllare le situazioni di stress e di ansia aiuta a ridurre la sudorazione delle mani, inoltre, in alcuni casi, il controllo dell’ansia permette di eliminare del tutto la condizione delle mani sudate.

Considerazione finale sulle mani sudate

Le mani sudate sono un problema molto comune, conosciuto con il termine medico di iperidrosi; questa condizione dipende da una iperattività delle ghiandole sudoripare che vengono stimolate dal sistema nervoso, perciò è necessario individuare quale sia la causa di questa iperattività per poter intraprendere un trattamento adeguato delle mani sudate.

Le mani sudate possono essere un disagio, ecco alcuni consigli e cose utili da sapere.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo mani sudate

mani sudate

Salve, soffro di Iperidrosi a mani e piedi, ormai da diversi anni, prima solo in estate ora in qualsiasi stagione, spesso anche in orari notturni. Sta diventando un problema psicologico a volte non esco di casa. :(

Lascia il tuo commento: