Margherita

Lo sapevate che un infuso a base di margherita aiuta a dimagrire? La margherita è una delle piante più comuni della nostra penisola, considerata da molti come una sorta di erbaccia a causa della sua natura invasiva nonostante la sua semplice bellezza caratterizzata da un centro giallo circondato da petali bianco candido. La margherita cresce allo stato selvatico nei campi ed è una pratica comune a tutti i bambini quella di raccoglierne il fiore per portarlo a casa come regalo ornamentale ai propri genitori.

Margherita

margherita per dimagrire

Un semplice infuso per dimagrire ed aumentare il metabolismo a base di camomilla: infuso alla margherita, versare 1/4 di litro di acqua bollente su due cucchiai di margheritina (foglie e fiori) e filtrare dopo circa 10 minuti.

Bere 1 tazza 2-3 volte al giorno.

Per aumentare l'azione stimolante sul metabolismo la pianta può essere miscelata con il tarassaco o con la cicoria.

Ben pochi sanno che la margherita può venir impiegata in diversi modi per beneficiare la salute del corpo, come vedremo in seguito.

La resistenza della margherita

La margherita ha origine in Europa ed Asia, pensate che in Scozia il governo ha dato via libera alla mutilazione dei campi degli agricoltori dov’era presente la margherita per il motivo che abbiamo precedente spiegato, e cioè che la margherita viene purtroppo vista come una pianta infestante.

La margherita cresceanche negli Stati Uniti apparendo come un fiore davvero versatile che si adatta a qualsiasi tipo di terreno, temperatura e condizione atmosferica. Potete trovare infatti la margherita anche in aree caratterizzate da un forte inquinamento.

Caratteristiche della margherita

Amata da molti, odiata da altri, la margherita si sviluppa per alcuni centimetri ed è c caratterizzata da uno stelo forte e resistente, le cui radici si spargono al suolo per ricevere nutrimento, ma permettendo anche la rapida diffusione della pianta che darà vita a nuovi fiori nella zona circostante.

I fiori sono composti da una corona di petali bianchi che circondano un cuore giallo intenso: la margherita sviluppa la sua struttura completa nel periodo tra maggio e giugno, la quale include un’azione difensiva nei confronti di insetti e parassiti che la protegge da malattie o altri fattori che possono danneggiarla e comprometterne la vita.

Usi della margherita

Nel nostro bel paese le foglie di margherita vengono aggiunte alla comune insalata per dare un ulteriore sapore ai piatti tipici della nostra cucina, ma nel corso della sua storia la margherita è stata spesso impiegata anche per scopi medicinali.

Nonostante il suo sapore amaro, la margherita viene raccolta ed essiccata per fare un efficace rimedio omeopatico nei confronti di molti disturbi, tra cui troviamo bronchiti, raffreddore, ittero e sudorazione notturna.

L’olio estratto dalla margherita può essere utilizzato anche per guarire ferite, contusioni, ulcere o escoriazioni della pelle, in quanto agisce come un vero e proprio antinfiammatorio sui tessuti dell’epidermide.

Dall’estratto della margherita viene prodotta anche un unguento tonificante per la pelle, con l’ovvia conseguenza che la margherita entra a far parte di diritto nella vasta cerchia di rimedi omeopatici utili per la salute del corpo.

Compresse alla margherita

Preparare una tisana di margheritina e immergere la compressa da porre sulle parti interessate.

Tintura di margherita

Lasciare macerare 30 g della pianta essiccata e triturata in 120 g di alcol al 60% per almeno 10 giorni, filtrare.

Assumere 20 gocce di tintura 3 volte al giorno.

Spremuta fresca di margheritina

E' indicata per eliminare le tossine opo la stagione invernale.

Assumere quotidianamente un cucchiaio di spremuta diluita con un po' d'acqua.

Un semplice infuso per aumentare il metabolismo a base di camomilla

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: