Mastodinia (dolore al seno)

La mastodinia a seconda dei sintomi può essere ciclica, premestruale, in menopausa ed anche in gravidanza, il dolore al seno ciclico è a volte anche conosciuto come mastalgia ciclica o mastodinia è la condizione di dolore al seno che può riguardare sia una, sia entrambe le mammelle.

Questo disagio si presenta nella parte superiore esterna del seno e può estendersi sino alle ascelle.

Quanto è diffusa la mastodinia?

Il suddetto malessere colpisce solamente le donne in pre-menopausa, (ossia in età fertile), poiché è legato al periodo mestruale.

Colpisce solitamente le donne 34 enni, ma non di rado anche le adolescenti tredicenni.

Il 70% delle donne sperimentano il dolore mammario nel corso della loro vita.

Lo stress amplifica il disagio. Talvolta anche gli anticoncezionali amplificano il dolore.

Gli sport come il nuoto o l’acqua gim, lo yoga, a volte aiutano a rilassare i muscoli pettorali ed aiutano a sopportare meglio questo stato fisiologico.

Il dolore può durare anni e scomparire con la menopausa.

Sintomi della mastodonia ciclica

  • sede del dolore: quadrante esterno del seno, in particolar modo in quello superiore
  • il suddetto stato si presenta solitamente nello stesso punto dove è apparso nel ciclo mestruale precedente (1-3 giorni prima che inizi)
  • tale malessere migliora alla fine di questo periodo
  • vi è un leggero gonfiore e talvolta potrebbero comparire anche dei nuduli.

La mastalgia viene considerata come un fenomeno fisiologico piuttosto che una malattia.

Vi è poi anche un altro tipo di mastodonia, il cui dolore non si riferisce al ciclo mestruale, chiamata mastalgia non-ciclica. Essa è presente nelle donne che sono in pre-post menopausa (che hanno tra i 40-50 anni).

Sintomi della mastalgia-non ciclica

  • il dolore riguarda anche qua il quadro superiore della mammella, o intorno la zona dei capezzoli. Non è detto però che sia ben localizzato
  • il disagio può riguardare un seno o entrambi i seni
  • il fastidio può durare svariati anni e potrebbe sparire da solo.

La mastodinia extramammaria (falsa mastalgia)

A questo gruppo non appartiene la mastodinia classica.

Il dolore descritto dalle donne riguarda le mammelle ed il torace e non è riferito al periodo mestruale.

Cause extramammarie

Dolore al torace causato dall’insufficiente ossigenazione del muscolo cardiato per via di una momentanea riduzione del flusso sanguigno (nota come ischemia miocardica).

Fattori di rischio

Il dolore può peggiorare non seguendo un’attività aerobica, perseguendo una dieta ipercalorica, ostinandosi a fumare.

Spesso non basta eliminare i fattori di rischio suddetti per far sparire il disagio, bensì occorre talvolta prendere anche dei farmaci (antiagregganti, statine, per citarvene alcuni).

Sindrome di Tietze (o costosternale)

La sindrome di Tietze (dal nome del chirurgo tedesco che la identificò), è una malattia rara che colpisce le cartilagini costrondrali. È caratterizzata da gonfiore alle costole ed alla cartilagine vicino allo sterno. È accompagnata da un rossore che riguarda le zone colpite dal disagio. Il dolore è tagliente e può durare ore o giorni, peggiorato dai movimenti o dai colpi di tosse.

La sua origine è incerta, benchè si sa che è legata alla ipertrofia cartilaginea o a certi tipi di conformazione toracica.

In genere se questa sindrome costosternale non scompare da sé si deve ricorrere all’impiego dei fans o nei casi èiù gravi ad infilatrazioni locali di steroidi.

Da non confondere con la costocondrite, infiammazione delle cartilagini di una costola. Questa infiammazione coinvolge che può coinvolgere anche entrambi i lati dello sterno.

Non si sa a cosa si deve l’origine di questo malessere. Esso si manifesta a seguito di lesioni, predisposizioni genetiche, di virus. Il disagio può scomparire da se o bisogna assumere degli antinfiammatori.

La nostra postura e l’età che avanza possono infiammare ulteriormente le articolazioni.

Se avvertiste un qualsiasi dolore al seno dovete recarvi dal vostro medico di base: egli attraverso la palpazione, in base ai vostri sintomi potrà farsi una prima idea di quello che avete.

Nel caso potrà anche decidere se farvi fare un’ecografia, una mammografia per scongiurare un tumore al seno, l’holter (elettrocardiogramma continuo di 24 ore) per rilevare l’angina pectoris O ad un RX toracico, EDGS(gastroduodenoscopia), scintigrafia osseo-articolare per vedere se presentate la sindrome di Tietze.

Mastodinia

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo mastodinia (dolore al seno)

Ho dolore al seno da due mesi

Io sono 2 mesi che ho dolore al seno non ce la faccio piu mi sembra di impazzire

Mastodinia

Soffro di mastonidia non ciclica da circa 3 anni.
Tutto è iniziato 1 anno e mezzo dopo che ho finito di allattare mio figlio.
Il dolore compare in diversi momenti del ciclo e dura in media 10 giorni.
E' difficile conviverci perchè nella fase più acuta condiziona tutta la mia giornata, non riesco a indossare il reggiseno e nemmeno ad alzare le braccia.
Ho un bimbo di 5 anni e stare sola con lui è un problema perchè è difficile gestirlo fisicamente quando non si ha la forza di tenerlo in braccio.
Ho provato diverse cure. Ma tutte hanno dato sollievo per qualche mese e poi il dolore è tornato.
Spero davvero che prima o poi la medicina scopra come risolvere questo problema che mi sta rovinando la vita.

Mastodinia omolaterale

è oramai piu di un anno che soffro di mastodinia omolaterale, mi sono sottoposta a diversi accertamenti, ma oltre a una ciste liquida l'ecografo non ha riscontrato nulla. anche a me è cominciata dopo aver allattato il mio bambino (per 21 mesi) e ora ci sono giorni che non riesco ap renderlo in braccio o a indossare un reggiseno "decente". ho un seno pesante e abbondante e le canotte non sono molto eleganti! questa volta ho anche degli indolenzimenti nell'areola e sotto sento dei noduli durissimi. i capezzoli sono arrossati e gonfi, tremo all'idea anche di farmi una doccia, non riesco a dormire e sono isterica...e leggendo i vostri commenti capisco che non c'è cura che tenga. il mio medico mi sta imbottendo di antibiotico, lui ritiene che la ciste si sia infettata...diamine, non ne posso piu. scusate lo sfogo! :(

Lascia il tuo commento: