Melissa Officinalis: scheda

Melissa officinalis chiamata anche erba limoncina è una pianta erbacea perenne dall’odore di limone alta circa 30 o 100 cm e dalle proprietà benefiche, originaria del Mediterraneo orientale e dell’Asia occidentale presenta foglie picciolate di forma ovale-allungata con lamina dal margine crenato o seghettato di colore verde scuro superiormente e verde più chiaro inferiormente.

Melissa Officinalis: scheda

Melissa

I fiori della pianta di Melissa Officinalis sono bianco-giallastri, bilabiati, unilaterali riuniti in verticillastri all’ascella delle foglie.

Composizione e Proprietà

Le foglie di Melissa contengono i seguenti principi attivi:

  • Olio essenziale (0,05-0,1%, prodotto dai tricomi ghiandolari) contenente citronellale, citrale a e b, acetato di eugenolo e geraniolo, altri mono e sesquiterpeni (beta-cariofillene, germacrene D).
  • Acidi triterpenici (ac.ursolico, ac.oleanolico, ac.pomolico).
  • Acidi polifenolici con legame glicosidico (ac.rosmarinico, ac.clorogenico, ac.caffeico, ac.ferulico, ac.protocatechico).
  • Flavonoidi (luteolina, luteolin 7-O-beta-D-glucopiranoside, apigenin 7-O-beta-D-glucopiranoside, luteolin-7-O-beta-D-glucuronopiranoside, luteolin 3’-O-beta-D-glucuronopiranoside, luteolin 7-O-beta-D-glucopiranoside-3’-O-beta-D-glucuronopira-noside, quercitroside, rhamnocitrina, isoquercitrina, cinaroside. ramnazina).   
  • Tannini; polisaccaridi.              

All’olio essenziale si attribuiscono proprietà sedative, spasmolitiche, antinfiammatorie ed antibatteriche; alle sostanze polifenoliche e tanniniche proprietà antivirali.
 
Proprietà riconosciute alla Melissa:

  • Sedative del SNC, ansiolitiche, spasmolitiche.
  • Antidispeptiche. Stomachiche, carminative e coleretiche.
  • Antivirali, antibatteriche, antifungine. Antiossidanti. 

Attività sedativa, ansiolitica

La Melissa è considerata un riequilibrante del sistema nervoso dalle proprietà toniche e rilassanti. Il medico Avicenna già nell’XI secolo attribuiva alla specie “la meravigliosa proprietà di rallegrare e confortare il cuore”. Il meccanismo d’azione neurosedativo e spasmolitico potrebbe in parte essere attribuito all’attività antitiroidea soprattutto antitireotropina (TSH). L’essenza di Melissa agisce a livello del lobo limbico del SNC, cui competono il coordinamento delle funzioni vegetative nonché l’azione protettiva da stimoli abnormi provenienti dalla periferia, garantendo un’attività sedativa utile nelle distonie neurovegetative. 

La Melissa, assieme alla Valeriana ed alla Passiflora, viene indicata come pianta sedativa utile nel trattamento della sindrome clinica della iperattività infantile presente soprattutto nei maschi in alternativa alla somministrazione dei farmaci psichiatrici non privi di rischi. Nell’Europa occidentale si attribuivano alla Melissa proprietà ricostituenti le funzioni cognitive con aumento delle capacità mnemoniche. .

Attività spasmolitica

La Melissa si presenta come efficace rimedio nelle manifestazioni spastiche-ansiose del tratto gastroenterico e genito-urinario.
L’effetto citoprotettivo è in parte legato al contenuto in flavonoidi ed alle proprietà radical scavenging. Gli effetti spasmolitici, antinfiammatori, carminativi e blandamente coleretici, giustificano l’utilizzo della Melissa nelle distonie neurovegetative gastrointestinali caratterizzate da dispepsie digestive e nei dolori gastro-intestinali di origine nervosa. Anche a livello cardiaco la specie esercita un effetto antispasmodico muscolotropo con azione batmotropa negativa. 

Antivirali, antibatteriche, antifungine

L’olio essenziale di Melissa a 500 mcg/ml inibisce completamente lo sviluppo del lievito Saccharomyces cerevisiae. Il componente principale, il citrale (58,3%) risulta un potente fungitossico. Applicata esternamente la Melissa esercita proprietà antifungine ed antimicrobiche. La droga risulta efficace sotto forma di unguento (0,7 g di droga ogni grammo di unguento) nel trattamento dell’herpes simplex di tipo I. In un trial clinico randomizzato, in doppio cieco e placebo-controllato condotto su 66 pazienti affetti da herpes simplex labiale ricorrente, una crema a base di Melissa ha prontamente evidenziato una rapida riduzione dei sintomi (prurito, bruciore, gonfiore, eritema, tensione) e delle dimensioni delle lesioni con accelerazione del tempo di guarigione.

Attività antiossidanti ed altre attività.

I componenti fenolici (ac.rosmarinico) dell’estratto di Melissa esercitano proprietà antiossidanti, inibizione della perossidazione lipidica ed azione radical scavenger. La Melissa, grazie alle sue proprietà spasmolitiche favorenti il rilassamento della muscolatura bronchiale viene consigliata nel trattamento dell’asma. E’ presente infatti in formulazioni di sciroppi decongestionanti ed antiallergici. 

Indicazioni d’uso

  • Stati neurotonici degli adulti e dei bambini. Sindromi ansiose e ansiose-depressive. Disturbi del sonno di origine nervosa.
  • Disturbi funzionali gastrointestinali (nevrosi gastrointestinali quali dispepsia, aerofagia, flatulenza, nausea, vomito, gastrite, ulcera peptica, spasmi gastrointestinali), piccola insufficienza epatica, discinesie biliari.
  • Manifestazioni dolorose di origine nervosa (psicosomatismi cardiaci quali palpitazioni, extrasistoli, tachicardia), vertigini, ronzii ed acufeni psicogeni originati da stress ed emozioni, emicranie di origine nervosa.
  • Distonie neurovegetative della menopausa e della sindrome premestruale (dismenorrea), forme algiche in genere.

Melissa Officinalis pianta e proprietà

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo melissa Officinalis: scheda

Interessante! Desidero sapere come preparare da solo tisane e/o altro. Grazie

sono una paziente trapiantata di rene e vorrei sapere se ci sono controindicazioni a livello renale nell'assumere tisane di melissa grazie

mi ha aiutato senza che neanche ne sapessi nulla, e questo mi sembra la miglior prova: ho passato giorni di profondo disagio psicologico, ho preso un cucchiaio di acqua dei camerlitani acquistata casualmente in un'erboristeria in croazia, non sapevo che cosa fosse, era la bottiglietta più economica... L'ho dimenticata su una mensola e nel tedio e disagio che stavo vivendo mi è capitato di rivederla, ho letto di berne un cucchiaio e mi ha sollevato, corroborato..la prendo raramente ma penso che Avicenna avesse proprio ragione :)

Benefici molto rapidi della melissa

Articolo interessante e di agevole lettura, sto apprezzando gli effetti della melissa questa mattina, molto rapidi per altro, su nausea, mal di testa e gonfiore addominale, fastidi che si ripercuotevano sull'umore..sono stata subito molto meglio!

Lascia il tuo commento: