Menopausa e mestruazioni

Con l’età che passa le mestruazioni in ritardo e vampate potrebbero anche essere il primo sintomo di premenopausa o menopausa. Si definisce premenopausa quella fase della vita riproduttiva di una donna che inizia alcuni anni prima della menopausa vera e propria e che ha luogo quando le ovaie iniziano a poco a poco a produrre un numero sempre minore di ormoni estrogeni, tale fase inizia di solito intorno ai 40 anni di età (menopausa precoce), ma può tranquillamente avere inizio anche molto tempo prima e che dura poi fino alla menopausa, momento in cui le ovaie smettono di rilasciare gli ovuli.

Menopausa e mestruazioni

Menopausa e mestruazioni


Menopausa e mestruazioni

Le donne in menopausa, precoce o no, possono avere le mestruazioni in ritardo o comunque un ciclo mestruale piuttosto irregolare e rimanere incinta diventa difficile ma non impossibile. Per diagnosticare che la paziente sia effettivamente entrata in questo momento della vita, spesso il medico si basa principalmente sull’analisi dei sintomi, dal momento che eventuali esami del sangue per controllare i livelli ormonali possono essere utili a dare una conferma, ma non sono determinanti a causa delle fluttuazioni di ormoni che hanno luogo proprio durante la premenopausa.


I sintomi della menopausa

Come anticipato prima, tra i principali sintomi della menopausa ci sono le mestruazioni in ritardo, in quanto gli ormoni femminili iniziano un ciclo diverso dal consueto.

Oltre a questo tassello importante vi sono ulteriori sintomi legati peraltro tutti facilmente riconoscibili ad esempio:

  • Vampate di calore
  • Peggioramento della sindrome premestruale
  • Diminuzione del desiderio sessuale
  • Tendenza all’affaticamento
  • Cicli mestruali irregolari
  • Secchezza vaginale
  • Dolore durante i rapporti sessuali
  • Perdite di urina quando si tossisce o si starnutisce
  • Urgenza urinaria, cioè un bisogno urgente di urinare più frequentemente
  • Cambiamenti di umore
  • Disturbi del sonno

Ma l’aspetto forse più fastidioso di tutto questo è il rischio d’incorrere in cicli mestruali che si trasformano in vere e proprie emorragie, e non si tratta solo un piccolo inconveniente che ostacola lo svolgimento delle normali attività quotidiane: un flusso particolarmente intenso comporta infatti un aumento dell’affaticamento, ma soprattutto può provocare un’anemia da carenza di ferro. E se è vero che la maggior parte dei casi di anemia sono facilmente trattati con integratori di ferro per via orale, a volte il sanguinamento è così intenso da comportare pesanti conseguenze come una mancanza di respiro e palpitazioni cardiache gravi che richiedono un’immediata ospedalizzazione. Se, però, un’irregolarità nei cicli mestruali è piuttosto comune e normale durante la premenopausa e la menopausa, esistono anche altre patologie che possono dar luogo ad anomalie durante le mestruazioni.

Potenziali cause di mestruazioni anomale possono infatti essere collegati all’uso di una pillola anticoncezionale, ad una gravidanza, ai fibromi, a problemi di coagulazione del sangue o, raramente, anche al cancro. Se si dovessero verificare una qualsiasi delle seguenti situazioni si suggerisce di consultare un medico per escludere cause ben più gravi:

  • i flussi mestruali sono molto abbondanti o accompagnati da coaguli di sangue
  • i cicli hanno una durata più lunga del solito
  • Si verificano mestruazioni a “spotting” dopo il rapporto sessuale
  • I cicli si verificano più ravvicinati o con un intervallo più lungo del solito


Mestruazioni in ritardo

In generale, le mestruazioni irregolari sono molto comuni durante la premenopausa: il primo sintomo è infatti in genere proprio un accorciamento della durata del ciclo, che poi si trasforma al contrario in un allungamento di tale fase ed in mestrui che letteralmente non compaiono per lunghi periodi di tempo. Una ragione frequente alla base di questo fenomeno sta nel fatto che l’ovulo non viene più rilasciato: quando ciò si verifica per un tempo sufficientemente esteso, il corpo inizia a liberarsi del rivestimento uterino in modo più frammentario, il che a sua volta conduce a un sanguinamento più prolungato. Questo può avvenire per lunghi periodi di tempo, o si può invece assistere a una nuova normalizzazione già con il ciclo successivo.
L’equilibrio ormonale, infatti, in questa fase appare del tutto compromesso: può capitare che per alcuni mesi i livelli di estrogeni e/o di progesterone siano particolarmente elevati, e che magari invece nei mesi successivi siano eccessivamente bassi, e tutto ciò influisce sul corretto andamento del flusso mestruale.


Rimedi e consigli utili per le mestruazioni in ritardo in menopausa

Molte donne trovano sollievo dalle vampate di calore con l'assunzione di ormoni sostitutivi, somministrazione che può avvenire ricorrendo per un breve periodo di tempo a una pillola anticoncezionale a basso dosaggio, ai cerotti anticoncezionali, alle iniezioni di progesterone. E’ importante però precisare che non in tutti i casi è opportuno ricorrere a questo tipo di terapia, ed è quindi sempre opportuno consultare il proprio medico prima di iniziare un qualsiasi trattamento ormonale.

Si può poi trovare sicuro giovamento avendo cura del proprio benessere generale, seguendo poche semplici regole:

  • Fare esercizio fisico
  • Dormire più a lungo e cercare di andare a letto e di svegliarsi alla stessa ora ogni giorno
  • Limitare l’assunzione di alcolici
  • Mantenere un peso idoneo alla propria costituzione
  • Bere almeno otto bicchieri di acqua al giorno


Trattamenti naturali per le mestruazioni in ritardo in menopausa

Per gestire al meglio l’irregolarità nei cicli mestruali durante la premenopausa e la menopausa esistono poi numerose opzioni di trattamento, che comprendono un cambiamento nello stile di vita, terapie alternative e specifiche procedure mediche.

La medicina alternativa, in particolare, offre numerosi integratori a base di erbe principalmente derivati da:

  • erbe fitoestrogeniche, che contengono bassi livelli di ormoni vegetali ma che, rendendo al corpo meno necessario produrre autonomamente gli estrogeni, rischiano sul lungo periodo di aggravare il problema.
  • erbe estrogeniche, che aiutano l’organismo ad incrementare la naturale secrezione ormonale aiutandolo anche a correggere lo squilibrio ormonale. E’ quello che nella terminologia medica viene definito un "modulatore selettivo dei recettori degli estrogeni" in quanto non solo aumenta i livelli totali di estrogeni, ma ha la capacità di incrementare selettivamente gli estrogeni solo in alcuni organi e invece di bloccarli o ridurli in altri.

Esistono poi procedure mediche che vanno dalla semplice terapia di sostituzione ormonale a veri e propri interventi chirurgici come l'isterectomia (l'asportazione chirurgica dell'utero) o la dilatazione ed il raschiamento, che consistono in una procedura che prevede il dilatamento dell'apertura del collo dell'utero ed il raschiamento dell’'endometrio).

A causa del loro costo piuttosto elevato e degli effetti collaterali ad esse associate, tra cui un più alto rischio di contrarre alcuni tipi di cancro, queste devono essere considerate solo come le ultime risorse in caso di sintomatologie particolarmente gravi.

Semplici informazioni sulle mestruazioni in concomitanza della menopausa.

Naturale benessere

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo menopausa e mestruazioni

Buongiorno, era da ottobre che non avevo il ciclo e venerdì scorso mi è tornato ed è, appunto, da venerdì scorso che ho perdite continue ed abbondanti, è il caso di preoccuparsi? Ho appena ritirato l'esito del pap test che è negativo, per fortuna! Grazie A.

Menopausa e mestruazioni con perdite

Buonasera, ho vuto il ciclo il giorno 6 ottobre, durato 7 gg abbondante e da allora a giorni alterni perdite lievi rosse, rosa marroni sino ad oggi, 3 novembre. Sto attraversando un periodo di stress , ho 53 anni e non sono ancora in menopausa.,Sino a qualche mese fa avevo perdite di muco in coincidenza con ovulazione. mi e' gia' successo l'anno scorso di avere perdite dopo il ciclo.In premenopausa pio succedere che si manifestino queste perdite fra un ciclo e l'altro? Sono macchie che durano un attimo e poi per 2 3 giorni basta..
Grazie.nadia

Mestruazioni che compaiono e scompaiono

Ciao, ho 50 anni, e da sei mesi non ho piu visto il ciclo mestruale, adesso sono ricomparse e a dire il vero stavo bene anche senza a parte qualche vampata di calore, ma niente più. Vorrei sapere se sono arrivata alla menopausa o devo ancora aspettare? Alcune amiche dicono che stanno male, io sinceramente stavo bene, ora invece ho di nuovo il ciclo abbondante e dura più di una settimana, anche 10 giorni.
Grazie Maura.

Menopausa e mestruazioni

alla nostra età (ho 51 anni) so che è normale avere il ciclo "sballato",anzi già dobbiamo considerarci fra le fortunate che in qualche modo lo abbiamo ancora. Se ci si è accertate con i vari esami che non ci sono patologie, mi hanno detto che è fisiologico.

Lascia il tuo commento: