Mononucleosi

La mononucleosi è una malattia infettiva acuta causata dal virus di Epstein Barr, che appartenente alla famiglia degli Herpes. I sintomi della mononucleosi sono spesso scambiati per quelli del raffreddore o dell’influenza. I sintomi della mononucleosi sono in genere trasmessi per via orale, motivo per cui questo disturbo virale è chiamato “la malattia del bacio”. Essi includono febbre, mal di gola, dolori, tosse e gonfiore ai linfonodi. In genere, i sintomi non durano per più di quattro mesi. La mononucleosi è comune in genere tra gli adolescenti e i giovani adulti, ma la malattia può colpire persone di tutte le età. Anche se il motivo specifico per cui è più diffusa tra i giovani non è chiaro, è assodato che il sistema immunitario è più debole a causa di uno stile di vita malsano.

Mononucleosi cosa fare

Mononucleosi


I sintomi più comuni della mononucleosi

Come anticipato, i sintomi e i segni della mononucleosi generalmente sono simili a quelli dell'influenza e comprendono:

  • Tosse
  • Linfonodi ingrossati
  • Tonsille gonfie
  • Stanchezza
  • Febbre
  • Sensazione di malessere generale
  • Perdita di appetito
  • Eruzione cutanea
  • Grave mal di gola
  • Macchie bianche sulle tonsille

Sintomi meno comuni della mononucleosi

In alcuni casi, possono manifestarsi altri segni e sintomi con la mononucleosi che sono:

Sintomi che potrebbero indicare una condizione grave

Anche se i sintomi della mononucleosi ricordano l'influenza e in genere si risolvono da soli, chiamate immediatamente l’ambulanza se voi, o qualcuno che è con voi, presentate uno qualsiasi di questi sintomi seri, tra cui:

  • Difficoltà a respirare
  • Febbre alta persistente (superiore a 38,3 gradi C)
  • Mal di testa forte
  • Grave mal di gola o tonsille gonfie
  • Braccia o gambe deboli
  • Pelle o parte bianca degli occhi gialla


Dopo quanto compare la mononucleosi

I sintomi compaiono da 4 a 6 settimane dopo l'esposizione.

Quali sono le cause della mononucleosi?

La mononucleosi è provocata dal virus di Epstein-Barr (EBV) ed è più comune negli adolescenti e nei giovani adulti. I bambini possono prendere il virus, ma spesso passa inosservato perché i loro sintomi sono lievi. Gli anziani di solito non contraggono la mononucleosi, perché sono immuni al virus. Questa malattia si trasmette attraverso il contatto con la saliva, il muco dal naso e dalla gola, e a volte con le lacrime. Poiché il virus si diffonde attraverso i baci, la mononucleosi si è guadagnata il soprannome di "malattia del bacio". Appena supererete la mononucleosi, i sintomi andranno via per sempre, ma il virus sarà sempre con voi. Può diventare attivo di volta in volta senza causare alcun sintomo e se è attivo, lo trasmettete ad altri.

Quando e per quanto tempo siete contagiosi

Anche se il virus è presente nella gola durante la malattia e un anno dopo l'infezione, non è noto quanto tempo una persona è in grado di diffonderlo dopo l'infezione. A causa della presenza del virus nel sangue, non dovete donarlo per sei mesi dopo l'insorgenza della malattia.

Chi contrae la mononucleosi? Soggetti più a rischio contagio

Anche se la maggior parte delle persone sono esposte al virus di Epstein-Barr qualche volta nella loro vita, solo il 50% svilupperà i sintomi della mononucleosi. Nei paesi sviluppati, l'età della prima esposizione può essere ritardata fino all'infanzia avanzata e nella prima fase dell’età adulta, e cioè quando è più probabile che i sintomi si manifestino. Per questo motivo, è riconosciuto più spesso nelle scuole superiori e fra gli studenti universitari.


Diagnosi della mononucleosi

Durante un esame fisico, il medico può trovare i linfonodi ingrossati nella parte anteriore e posteriore del collo, così come le tonsille gonfie con un rivestimento bianco-giallo. Può inoltre accorgersi che le dimensioni del fegato o della milza sono aumentate quando preme sulla pancia e notare un’eruzione cutanea. Le analisi del sangue rivelano spesso un livello più alto del normale di globuli bianchi sia leucociti dall'aspetto insolito chiamati linfociti atipici, che si vedono quando il sangue è esaminato al microscopio. I linfociti atipici e l’alterazione dei test di funzionalità epatica sono un segno distintivo della malattia. 

Test per la mononucleosi

Esami specifici sono:

  • In caso di mononucleosi, un test chiamato “monospot” sarà positivo
  • Un esame speciale chiamato “antibody titer” per aiutare il medico a distinguere un’infezione corrente da una che si è verificata in passato.

Alcuni consigli per il trattamento e la cura dei sintomi

L'obiettivo del trattamento è di alleviare i sintomi. Farmaci come gli steroidi (prednisone) e gli antivirali (come aciclovir) agiscono poco o non garantiscono alcun beneficio.

Per lenire i sintomi tipici della mononucleosi, seguite i suggerimenti seguenti:

  • Bevete molti liquidi
  • Fate dei gargarismi con acqua salata calda per calmare il mal di gola o con un colluttorio specifico
  • Riposate abbondantemente
  • Assumete medicinali come acetaminofene o ibuprofene per il dolore e la febbre

Dovreste anche evitare sport di contatto quando la milza è gonfia, per impedire che sia perforata.

Prognosie durata

La febbre scende generalmente in 10 giorni e le ghiandole linfatiche e la milza gonfie guariscono in 4 settimane. La stanchezza di solito va via nel giro di poche settimane, ma può protrarsi per 2 o 3 mesi.


Rimedi per la mononucleosi

  • L’aromaterapia utilizzando estratti di bergamotto, eucalipto, lavanda e oli speciali in un bagno caldo può aiutare a diminuire la stanchezza.
  • Il consumo di aglio può aiutare a combattere la trasmissione del virus
  • Per lenire il mal di gola, è utile fare dei gargarismi con corteccia di olmo e liquirizia oppure con acqua salata: entrambe queste soluzioni calmano il dolore laringeo.
  • L’achillea millefoglie e i fiori di sambuco hanno proprietà medicinali e aiutano a ridurre la febbre.

Dieta per la mononucleosi

  • Fate quattro-sei piccoli pasti ogni giorno, invece di soli tre pasti principali
  • Includete frutta fresca, verdura e cibi naturali nella vostra dieta
  • Bevete molta acqua per eliminare le tossine
  • Assumete integratori per migliorare il sistema immunitario come: vitamina A, vitamine del complesso B, vitamina C, magnesio, potassio e calcio.

Quali sono le complicanze potenziali della mononucleosi?

I sintomi della mononucleosi raramente durano più di quattro mesi, ma in alcuni casi la malattia può diventare cronica perché permane per più di sei mesi. In questo caso, il medico valuterà se avete la sindrome da stanchezza cronica.

La mononucleosi è in grado di causare complicazioni gravi, tra cui:

  • Epatite con ingiallimento della pelle e della parte bianca degli occhi (ittero)
  • Orchite (infiammazione dei testicoli)
  • Perforazione della milza (rara; evitate di premere su di essa)
  • Trombocitopenia (bassi livelli di piastrine – esse aiutano a formare i coaguli per arrestare la perdita di sangue.)

Complicanze neurologiche

Le complicanze neurologiche della mononucleosi sono rare:

  • Sindrome di Guillain-Barré (disordine nervoso autoimmune)
  • Meningite (infezione o infiammazione della sacca intorno al cervello e al midollo spinale)
  • crisi epilettiche

Prevenzione per prevenire il contagio da mononucleosi

Il virus che causa la mononucleosi, cioè di Epstein-Barr, non si diffonde così facilmente come la maggior parte della gente pensa.

Se seguirete questi consigli, ridurrete la probabilità di trasmettere o contrarre la mononucleosi:

  • Non baciate o condividete piatti o posate con qualcuno che ha la mononucleosi. Un breve bacio sulle labbra non è in grado di contagiare il virus di Epstein-Barr, questo accade quando la saliva passa da una persona infetta nella bocca di un'altra persona.
  • Non donate il sangue se avete la mononucleosi. Anche se è strano che il virus di Epstein-Barr si diffonda attraverso il sangue, questa possibilità non è comunque da escludere.

In breve, i sintomi e disagi della mononucleosi possono essere scambiati facilmente per una normalissima influenza, quindi è bene che andiate dal medico per essere sicuri. Provate i rimedi naturali consigliati nel frattempo, ma assumete i farmaci che vi prescrive il medico. in questo modo eviterete complicazioni.

Mononucleosi: (cause sintomi diagnosi prognosi e cura)

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: