Occhio pigro

Occhio pigro cosa fare? Quali sono i sintomi e le cure per l'occhio pigro? L'occhio pigro (dal greco ops che vuol dire visione e amblyos che vuol dire pigra), è una manifestazione che riguarda ovviamente la visione non correttamente sviluppata, che colpisce circa il 2% dei bambini nei primi anni di vita. Di regola colpisce solo un occhio ma si possono presentare dei casi che vedono entrambi gli occhi coinvolti.

Occhio pigro

Occhio pigro

Contro l'occhio pigro è importante conoscere cause, sintomi e cure, poiché l'occhio pigro, è una problematiche che può manifestarsi nei bambini ma anche negli adulti, ecco perché la corretta informazione risulta indispensabile per contrastare questa patologia oculare.

Cosa succede con l'occhio pigro?

In presenza dell'occhio pigro, il soggetto non riesce a visualizzare correttamente le immagini perché queste arrivano solo da un occhio e di conseguenza il cervello non recepirà l'informazione corretta. Autonomamente il bambino non è in grado di rendersi conto di avere il problema dell'occhio pigro, fino a quando non sarà sottoposto alla prima visita oculistica vera e propria.

Come si manifesta l'occhio pigro? (sintomi)

Di solito il bambino che soffre di occhio pigro non ha sintomi evidenti, in diversi casi invece può presentarsi uno strabismo che può essere convergente o divergente, può presentarsi con una palpebra cadente oppure ancora una cataratta.

Le cause che portano allo strabismo possono essere varie come ad esempio causato da una forte miopia, un incidente oppure a causa di un virus.

Occhio pigro anisometropico

È un errore di rifrazione che si riscontra in presenza di miopia, ipermetropia oppure astigmatismo. Questo sta a significare che gli occhi non hanno la medesima visione, un occhio presenta un grosso difetto visivo rispetto all'altro e le immagini che la retina invia al cervello sono sfuocate.

A questa stimolazione il cervello risponde prediligendo l'immagine più nitida e di conseguenza mette a riposo l'occhio che non invia le immagini definite al cervello.

Occhio pigro ametropico

È un problema legato alla riduzione visiva che interessa entrambi gli occhi per correggere la quale è necessario ricorrere ad occhiali e mantenerli per diversi mesi fino a quando e se è possibile correggere il difetto.

Occhio pigro con privazione dello stimolo

È la forma più grave e rara di ambliopia ed è provocata da danni presenti in occhio o in entrambi gli occhi che gli impediscono non solo di vedere ma che lo portano o ad avere uno o tutti e 2 gli occhi pigri e le cause possono essere:

  • una patologia oculare come ulcera della cornea;
  • una cataratta dalla nascita;
  • palpebra cadente;
  • un problema legato al glaucoma.

Questa forma di ambliopia può essere causata anche da un intervento chirurgico oculare, oppure ad una lesione agli occhi. L'ambliopia dev'essere riconosciuta e trattata il prima possibile e sarebbe meglio che la diagnosi avvenisse prima dell'età scolare del bambino. Laddove questo non fosse possibile, prima dell'inizio della scuola tutti i bambini vengono sottoposti alle classiche visite tra le quali quella oculistica che potrà diagnosticare la patologia ed iniziare a far eseguire i primi test oculari. Viene visitato prima un occhio e poi l'altro per verificare la presenza o meno di qualche problema legato alla rifrazione. In base ai problemi riscontrati i bambini verranno indirizzati ad un oculista oppure ad un ortottista specializzato nei problemi oculari dell'infanzia.

In caso di occhio pigro bisogna fare:

  • intervenire immediatamente prima degli 8 anni e correggere i problemi;
  • intervenire sull'occhio pigro per renderlo reattivo e farlo sviluppare correttamente.

Utilizzo degli occhiali con l'occhio pigro

Si ricorre agli occhiali in tutti quei casi è stato accertato un deficit visivo, sia esso miopia, astigmatismo o ipermetropia ma anche nel caso specifico dell'occhio pigro. L'ortottista attraverso visite periodiche può verificare l'efficacia o meno del ricorso agli occhiali nel trattamento dell'occhio pigro che nella maggior parte dei casi risulta essere una tecnica efficace. Spesso i bambini avranno una sorta di rifiuto nell'indossare gli occhiali perché hanno la sensazione di vedere meglio senza occhiali e questo è legato al fatto che mentre prima faticavano a mettere a fuoco, adesso trovano il lavoro dimezzato in quanto la messa a fuoco viene fatta dalle lenti degli occhiali. Si tratterà semplicemente di abituarli all'uso costante degli occhiali che avranno in primis uno scopo curativo.

Intervento chirurgico di cura con la chirurgia per l'occhio pigro

Uno dei problemi che possono interferire con una perfetta visione è la cataratta che può essere rimossa chirurgicamente con anestesia o locale o generale ed è un intervento semplice la cui durata è di circa 20 minuti. Il paziente viene operato e rimane giusto una notte in ospedale per essere monitorato nelle ore notturne e viene dimesso il giorno dopo previa occlusione dell'occhio con una benda. Di regola viene fornita una terapia da seguire a casa che consiste nell'applicazione di farmaci in gocce da instillare nell'occhio operato.

Utilizzo di un occlusore

L'occlusore che è una sorta di cerotto da applicare sull'occhio sano per costringere l'occhio pigro a lavorare. È importante sottolineare che l'utilizzo dell'occlusore non è consigliato in caso di strabismo. Il periodo di applicazione dell'occlusore dipenderà dai risultati che si hanno. È ovvio che se il bambino è collaborativo minore sarà il tempo in cui dovrà indossare il cerotto che è il rimedio più efficace soprattutto nei bimbi piccoli. Spesso l'occlusore viene applicato anche sotto gli occhiali e questo non preclude assolutamente al bambino di svolgere i più elementari compiti.

Utilizzo di colliri per l'occhio pigro

L'atropina oltre che per essere utilizzata nel corso di una normale visita oculistica può essere instillata nell'occhio sano e metterlo momentaneamente fuori uso per costringere l'occhio pigro a lavorare e mettere a fuoco le immagini.

Questa procedura però potrebbe avere degli effetti collaterali:

  • occhi irritati;
  • eruzioni cutanee;
  • cefalea.

È di solito da preferire la procedura con l'occlusore ma nel caso il bambino non lo tolleri si può ovviare utilizzando il collirio.

La chirurgia dell'occhio stanco

Nel caso in cui l'occhio pigro sia causato da cataratta l'intervento chirurgico si rende necessario e oltre che per un aspetto prettamente estetico si ricorre sempre alla chirurgia nei casi di strabismo. Il fine sarebbe quello di fare in modo che i due occhi lavorino contemporaneamente, ma nel caso in cui questo non dovesse succedere, l'intervento serve a modulare i muscoli dell'occhio pigro facendo in modo che siano in asse con quelli dell'occhio sano: dal punto di vista della visione non ci saranno cambiamenti, in quanto per quella saranno necessari sia l'occlusore che gli occhiali. Nel caso in cui uno strabismo non viene curato può portare anche alla perdita della vista in entrambi gli occhi.

La terapia visiva per la cura dell'occhio stanco

È una tecnica che prevede tutta una serie di esercizi che coinvolgono l'occhio pigro, in molti casi può essere un'alternativa valida all'operazione chirurgica laddove in poco tempo di riescono ad avere dei buoni risultati, unitamente all'uso dell'occlusore e degli occhiali.

Considerazioni finali dedicate all'occhio pigro

Alcuni casi dove non ci sono stati riscontri positivi ai trattamenti contro l'occhio pigro possono essere imputabili anche alla trascuratezza dei genitori, per questo si raccomanda ai genitori la massima attenzione per i propri figli. Il problema della vista è fondamentale per un corretto sviluppo del bambino che potrebbe andare incontro a delle grosse difficoltà di tipo relazionale.

Occhio pigro (cause cure sintomi e trattamenti chirurgici)