Occhio pigro: laser

Prima di parlare di occhio pigro e laser è bene esplorare la problematica: I bambini che soffrono di occhio pigro, vale a dire di ambliopia, sono, più o meno, il 2% o il 3% e ciò deve essere tenuto in considerazione in quanto, se questo disturbo non viene adeguatamente trattato, la conseguenza potrebbe essere la riduzione della vista o, addirittura, la cecità del così detto occhio pigro, ovvero l’occhio la cui vista viene inibita dal cervello.

Occhio pigro: laser

Occhio pigro e laser

Riconoscere l'occhio pigro

Questa patologia può essere riconosciuta quando è associata allo strabismo, poiché, di solito, lo strabismo è piuttosto evidente, dato che uno dei due occhi guarda in un’altra direzione, tuttavia, nella maggior parte dei casi, l’occhio pigro è difficilmente riconoscibile e, proprio per questo, l’occhio pigro risulta essere la causa più comune di problemi alla vista nelle persone di età inferiore ai 45 anni.
L’occhio pigro può svilupparsi in qualsiasi momento della vita, tuttavia, in genere, questa patologia insorge durante l’infanzia e, di conseguenza, deve essere trattata prima che la visione del bambino si sia completamente sviluppata, vale a dire prima dei sette o otto anni: a questo proposito, è molto importante ricordare l’utilità di sottoporre il bambino ad una visita oculistica già nei primi anni di vita, in modo da diagnosticare un eventuale disturbo, quale potrebbe essere l’occhio pigro, prevenendo così una possibile riduzione o, nei casi peggiori, perdita della vista.

Quali le sono le principali cause dell’occhio pigro?

Ogni occhio vede un’immagine ed invia, di conseguenza, dei segnali al cervello che può così riconoscere questa immagine, tuttavia, quando esiste una grande differenza tra le diverse immagini inviate al cervello dai due occhi, il cervello si serve solamente dell’immagine migliore, così l’occhio che vede l’immagine in una maniera scorretta lavora sempre di meno e questo indebolimento determina lo sviluppo dell’occhio pigro, ovvero l’occhio diventa pigro.

I principali fattori che possono determinare lo sviluppo dell’occhio pigro sono:

  • lo strabismo: se gli occhi non sono allineati tra loro, le immagini inviate al cervello saranno molto diverse l’una dall’altra, perciò il cervello andrà ad ignorare l’immagine inviata dall’occhio che guarda in una direzione scorretta; proprio per questa stretta relazione tra lo strabismo e l’occhio pigro, queste due diverse patologie vengono spesso confuse, mentre, sebbene lo strabismo possa provocare l’occhio pigro, si tratta di due condizioni ben diverse.
  • gli errori di rifrazione: se uno dei due occhi produce un’immagine sfocata, a causa di un altro disturbo che può essere la miopia, l’ipermetropia o l’astigmatismo, il cervello utilizza solamente l’immagine ricevuta dall’altro occhio, ignorando quella dell’occhio con il disturbo, che, di conseguenza, lavora sempre meno, diventando pigro.
  • i traumi: gli infortuni e le malattie possono causare alcuni problemi della vista in uno dei due occhi, perciò, anche in questo caso, il cervello utilizzerà soltanto le immagini inviate dall’occhio sano, determinando lo sviluppo di occhio pigro nell’altro occhio.
  • la cataratta: la cataratta è una condizione patologica degli occhi, che, in alcuni casi, può colpire uno solo dei due occhi, favorendo così lo sviluppo di occhio pigro nell’occhio colpito dalla cataratta, in quanto il cervello ignorerà le immagini ricevute da questo occhio, che, di conseguenza, diventa pigro.

Come può essere trattata la patologia dell’occhio pigro?

L’occhio pigro può essere trattato in diversi modi, tuttavia qualsiasi trattamento si sceglie di utilizzare, l’obiettivo da conseguire consiste nel favorire il riconoscimento, da parte del cervello, delle immagini inviate dall’occhio pigro, in modo da stimolare questo occhio a lavorare, migliorando, di conseguenza, la visione dell’occhio stesso.

I possibili trattamenti che possono essere intrapresi contro l’occhio pigro sono:

  • la terapia di visione: questa terapia consiste in una serie di esercizi volti sia a rafforzare la visione nell’occhio pigro, che a stimolare il cervello ad utilizzare entrambe le immagine ricevute dagli occhi e non solo quelle inviate dall’occhio sano.
  • le patch: queste bende devono essere applicate per coprire l’occhio sano, in modo da stimolare la visione nell’altro occhio, vale a dire nell’occhio che sta lavorando meno, cioè l’occhio pigro.
  • le gocce: le gocce hanno la stessa funzione delle patch, infatti vengono applicate nell’occhio sano, in modo da rendere la visione di quest’occhio più difficile, permettendo al cervello di utilizzare l’altra immagine, ovvero quella ricevuta dall’occhio pigro che, in questo modo, sarà stimolato a lavorare maggiormente.
  • le lenti correttive: gli occhiali e le lenti a contatto vengono utilizzati per correggere il difetto della vista che ha determinato l’insorgenza di occhio pigro, quindi possono essere considerati come un trattamento indiretto, tuttavia la correzione della vista permette al cervello di utilizzare entrambe le immagini, in quanto entrambe le immagini saranno, non solo corrette, ma uguali tra loro.
  • la chirurgia Lasik: questo tipo di chirurgia può essere utilizzata per correggere un difetto dell’occhio pigro o un difetto che riguarda entrambi gli occhi, tuttavia in tutti e due i casi gli occhi vengono portati ad una condizione di equilibrio, vale a dire che entrambi gli occhi vedranno nello stesso modo; la chirurgia Lasik viene preferita, in genere, dagli adulti, sia perché sottoporsi ad un intervento chirurgico permette di non utilizzare né gli occhiali né la patch, sia perché questo tipo di chirurgia non sempre è indicata per i bambini, infatti l’occhio pigro nei bambini viene trattata attraverso l’intervento Lasik solamente se il bambino non ha risposto positivamente a nessun altro tipo di terapia: durante la prima infanzia, infatti, la visione del bambino continua a svilupparsi, perciò la chirurgia non viene considerata come una soluzione adeguata, in quanto, con la crescita, il problema può essere risolto in un’altra maniera, tuttavia, in alcuni casi, la chirurgia Lasik, nei bambini che soffrono di occhio pigro, può assicurare che la vista si sviluppi correttamente ed allo stesso modo in entrambi gli occhi.

Questi trattamenti sono tutti efficaci contro l’occhio pigro, ma, essendo ognuno più indicato per una determinata situazione, la terapia da intraprendere deve essere decisa insieme al proprio medico o, preferibilmente, con il proprio oculista, che, dopo aver esaminato il problema con cura, saprà effettuare una scelta mirata.

Quali sono i vantaggi della terapia con il laser per l'occhio pigro?

Nei pazienti affetti da occhio pigro, la chirurgia con il laser, ovvero la chirurgia Lasik, può correggere la vista, permettendo ad entrambi gli occhi una migliore visione, tuttavia la chirurgia non può intervenire sul cervello che utilizza l’immagine migliore, poiché questo tipo di chirurgia non agisce sulle cellule della retina che inviano le immagini al cervello: la chirurgia, infatti, non interviene in alcun modo sui contatti nervosi tra gli occhi ed il cervello che non si sono sviluppati correttamente durante l’infanzia, ovviamente nei pazienti che soffrono di occhio pigro.

Nonostante ciò, la chirurgia con il laser può correggere altri difetti della vista, come la miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo, favorendo una corretta formazione delle immagini, tuttavia solo un medico può valutare gli effettivi vantaggi, per quanto riguarda le condizioni dell’occhio pigro, di sottoporsi alla chirurgia Lasik: per effettuare una scelta sicura, in ogni modo, conviene ascoltare i pareri di diversi esperti, in quanto alcuni sono favorevoli a questo tipo di intervento, mentre altri sono piuttosto scettici, perciò, solamente dopo aver ascoltato diverse opzioni, si potrà effettuare una scelta consapevole.

Considerazione finale sul laser e l'occhio pigro

L’occhio pigro è un disturbo della vista che si sviluppa nei primi anni di vita e può persistere fino all’età adulta, in quanto, in molti casi, questa patologia non viene affatto diagnosticata, perciò in età adulta si manifestano gli effetti più negativi dell’occhio pigro. E’ molto importante diagnosticare questa patologia prima che la vista si sia sviluppata completamente, in modo da intraprendere un trattamento mirato che possa risultare davvero efficace, tuttavia anche in età adulta si possono eseguire dei trattamenti, come la terapia Lasik, per migliorare le condizioni di questo disturbo.

Laser ed occhio pigro.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo occhio pigro: laser

Mio figlio ha l'occhio pigro

mio figlio ha l'occhio pigro sono due mesi che ha la benda ha quattro anni mercoledi ho il controllo, spero che sia migliorato perchè è stato bravo non ha saltato un giorno....baci

Occhio pigro e intervento

mia figli ha 6 anni e a novembre le è stato diagnosticato l'occhio pigro. Porta da allora la benda per 10 h al giorno, inizialmente con gli occhiali. visti gli scarsi risultati, ora porta la lente a contatto con il bendaggio di 10 h al giorno. vi assicuro che non è una passeggiata ma lei é bravissima, sia nel mettersi la lente che la benda. tuttavia, ora siamo a febbraio e i risultati tardano ad arrivare. Pensavo all'intervento.....ultima spiaggia....

Lascia il tuo commento: