Olio essenziale di Santoreggia

L'olio essenziale di Santoreggia (Santureja hortensis) si ricava dalla pianta fiorita con il metodo della distillazione in corrente di vapore e si ottiene un liquido giallo scuro con un profumo intenso e speziato che ricorda quelli del Timo e della Maggiorana.

Olio essenziale di Santoreggia

Santoreggia

Proprietà della Santoreggia: carminative, cicatrizzanti, vermifughe, espettoranti, astringenti.

L'olio essenziale di Santoreggia è efficace per curare le affezioni della bocca, della gola, per i dolori mestruali, il mal di denti, per le nevralgie, per combattere i gas intestinali, la diarrea e i vermi.

Consigli pratici:

  • Sciacqui e gargarismi: in un bicchiere di acqua mettere 12 gocce di olio essenziale di Santoreggia e fare sciacqui o gargarismi prolungati in caso di stomatiti, gengiviti, tonsilliti.
  • Per i gas intestinali: in due cucchiai di olio di Mandorle dolci mettere 10 gocce di olio essenziale di Santoreggia. Con questa miscela massaggiare il ventre, fino a completo assorbimento, due volte al giorno, dopo i pasti.
  • Per il mal di denti: mettere una goccia di olio essenziale di Santoreggia direttamente sulle carie.
  • Suffumigi per asma e bronchite: in una bacinella di acqua bollente mettere 10 gocce di olio essenziale di Santoreggia. Coprire quindi il capo con un asciugamano ed inspirare profondamente, interrompere brevemente di tanto in tanto e continuare finché l'acqua sprigionerà vapore.
  • Per la diarrea: in 300 ml di acqua, bollita e lasciata raffreddare, mettere 15 gocce di olio essenziale di Santoreggia. Fare un clistere quotidiano, finché non sarà scomparso il disturbo. Le stesse dosi servono anche per preparare un clistere per combattere i vermi intestinali.

Olio essenziale Santoreggia

Oli essenziali: aromaterapia

Lascia il tuo commento: