Orticaria

Che cos'è l'orticaria? Quali sono le cause le cure ed i rimedi? L'orticaria in sostanza è una dermatosi caratterizzata da un’eruzione cutanea ed è considerata il disturbo più frequente a livello dermatologico, infatti non si può definire una vera e propria malattia bensì proprio un problema cutaneo.

Orticaria

Orticaria

Orticaria

Come si presenta l'orticaria

L'orticaria può essere localizzata oppure generalizzata a livello epidermico e solitamente si presenta con piccoli rilievi cutanei in aree ben circoscritte formando un eritema o anche un edema che coinvolge il derma e l'epidermide. Queste zone si rivelano anche con chiazze dal colore rosato che possono insorgere per vari motivi in tutte le zone del corpo con l'aggiunta del prurito, tipico fenomeno associato all’orticaria che si manifesta nell'immediato o quasi. I cosiddetti focolai di orticaria hanno la caratteristica tendenza a modificare la loro dimensione rapidamente e di spostarsi anche di zona.

Un sintomo di orticaria singolo solitamente non dura più di 24 ore ed a volte un focolaio di vasta copertura cutanea può sembrare allarmante al mattino e può essere completamente passato nell'arco di mezza giornata, solo per essere di nuovo in piena forza nel corso della giornata.

Forme e durata dell'orticaria

  • Orticaria acuta: solitamente con una durata inferiore alle 6 settimane
  • Orticaria cronica: dura più di 6 settimane

Può essere confusa con una varietà di altre malattie dermatologiche che sono simili in aspetto e sono pruriginose comprese ad esempio la dermatite atopica (eczema), la dermatite da contatto, le punture d'insetto, l'eritema multiforme, la pitiriasi rosea, etc.

Il primo rischio noto, mentre si cerca di alleviare il prurito grattandosi, è di creare piccole lesioni cutanee proprio per il troppo “grattare”.

Nella maggior parte dei casi, l'orticaria si verifica in modo piuttosto indipendente, ma può essere accompagnata da manifestazioni cliniche più gravi di anafilassi come l'angioedema e lo shock anafilattico.

Principali sintomi dell'orticaria

I sintomi di orticaria

Spesso i sintomi che accompagnano un'orticaria possono essere:

  • eruzioni cutanee che possono essere di colore rosa, rosso o bianco
  • prurito
  • i classici segni rossi che possono tornare nella stessa aree della cute o in una zona diversa ore o giorni dopo che sono apparentemente andati via
  • bruciore
  • i focolai di orticaria possono cambiare forma e dimensioni prima di scomparire completamente
  • può formarsi una condizione nota come angioedema che porta a gonfiore doloroso intorno alla bocca, alle palpebre ed alle labbra.

Possibili complicazioni legate all'orticaria

Le possibili complicazioni dell’orticaria possono essere:

  • angioedemi: si formano quando l'orticaria colpisce gli strati più profondi della pelle causando gonfiori ancora più gravi. L'angioedema colpisce spesso palpebre, labbra e qualche volta la bocca. Questi gonfiori possono essere dolorosi ed accompagnati da prurito. In breve l'angioedema colpisce le vie respiratorie e può creare difficoltà nel respirare, deglutire o parlare.
  • Anafilassi: è una grave reazione allergica che colpisce tutto il corpo piuttosto che solo la vostra pelle. Può essere pericolosa per la vita se non si ottiene aiuto medico subito. In caso di anafilassi si possono avere sintomi di debolezza, problemi di respirazione, nausea, palpitazioni etc.

Come curare in modo efficace l'orticaria:

Innanzittutto, ci si deve rivolgere ad un dermatologo che potrà valutare se si tratta effettivamente di orticaria o di altro e successivamente prescrivere la cura ed il trattamento più efficace e per scoprire che cosa sta causando l'orticaria, il dermatologo potrebbe anche ritenere di fare prima degli esami che potrebbero essere:

  • delle prove allergiche (sulla pelle o esami del sangue)
  • fare un'analisi del sangue (per escludere una malattia o infezione)/li>
  • fare una biopsia del lembo cutaneo affetto da apparente orticaria

Solitamente la cura più comune per la classica sintomatica dell'orticaria, soprattutto se pensiamo ai casi lievi o moderati di focolai, è la prescrizione di un antistaminico, che possa alleviare dai sintomi del prurito.

Oppure possono essere prescritti farmaci come quelli cortisonici (per uso a breve termine solo a causa di effetti collaterali a lungo termine), antibatterici e / o altri farmaci che combattono l'infiammazione (arrossamento e gonfiore) tipici dell'orticaria. In alcuni dei casi più gravi di orticaria o angioedema potrebbe addirittura essere necessario un'iniezione di adrenalina.

Primi sintomi dell'orticaria

Durante una crisi di orticaria si possono presentare, oltre ai classici e fastidiosi pruriti, sintomi come: febbre, dolore alle articolazioni, disturbi digestivi, respiratori, al cuore ed ai vasi sanguigni. I pomfi, sono le lesioni caratteristiche dell'orticaria, si presentano come rigonfiamenti della pelle, di un colore che può andare dal bianco porcellana al rosa, fino al rosso acceso, con numero, forma e dimensioni dei pomfi possono variare anche notevolmente in base al tipo di orticaria e tra un individuo e l'altro.

Quali prove (sintomi) si possono fare per sapere se è effettivamente l'orticaria ?

  • Prove di reattività cutanea: sono prove che possono essere praticate mettendo la sostanza allergizzante sotto un cerotto a diretto contatto sulla pelle (patch test), oppure pungendo la pelle attraverso una goccia della soluzione (prick test), oppure con un'iniezione intradermica (test intradermico).
  • RAST (radioallergosorbent test): è un esame del sangue da cui si ricavano gli allergeni

Alcuni consigli utili in caso di orticaria

  • L'orticaria non è solo prurito ma è da prendere in considerazione anche i disagi derivanti da essi: prurito a volte insopportabile e pomfi, anche dolorosi, possono interferire con le normali attività di tutti i giorni o con il sonno, debilitando sia dal punto di vista fisico che psichico.
  • Esiste anche un tipo di orticaria denominata Edema di Quincke che interessa gli strati più profondi della nostra pelle o delle nostre mucose. L'Edema di Quincke predilige le zone di volto (labbra, palpebre), mucose (lingua, gola), regione genitale, mani e piedi.
  • Evitare di indossare vestiti troppo stretti o scarpe a punta, in caso di orticaria da pressione. Questo perché i pomfi tendono a presentarsi nei punti di maggiore pressione.
  • Mantenere la stanza con una temperatura adeguata in quanto il prurito aumenta con il calore.
  • Chiedere al medico curante una terapia farmacologica che aiuti a contrastare l'azione dell'istamina (si parla infatti di antistaminici nella cura), una delle principali sostanze responsabili della formazione dei pomfi e del prurito.

Nb. Le lesioni della orticaria spesso non prudono ma danno una sensazione di tensione dolorosa.

Orticaria cosa è meglio fare in prima battuta?

Prima di pensare alle cure per l'orticaria è molto importante individuare il collegamento tra l'insorgere dell'orticaria e qualunque causa possa averla scatenata perché cosi sarà più facile cercare di eliminarla o quantomeno ridurla anche se non è possibile in tutti i casi. Il medico è quindi sempre fondamentale per diagnosticare esattamente la malattia da cui siamo affetti e per dare le cure più opportune.

È meglio evitare di ricorrere a "fai da te" improvvisati per alleviare il prurito o mascherare gli antiestetici pomfi in quanto si rischia di fare molto peggio...

In caso di orticaria, anche se di breve durata o che compare molto occasionalmente bisognerebbe:

  • consultare un medico competente
  • cercare di individuare le possibili cause e riferire più dettagli possibili al medico
  • assumere i farmaci consigliati e seguire sempre le indicazioni terapeutiche

Le cause dell'orticaria

Quali sono le cause orticaria ? in realtà le cause sono molteplici ed in quasi la metà dei casi non sempre si identifica subito ed in modo esatto la causa che ha scatenato l'orticaria. Inoltre l'orticaria non è sempre di natura allergica. Ci sono cause allergiche e non allergiche per orticaria cronica.

Le cause non-allergiche comprendono:

  • auto-immunità correlate,
  • stress
  • temperatura
  • altri fattori.

Mentre invece le cause allergiche comprendono:

  • allergeni: un gran numero di allergeni sono stati identificati come agenti causali di alcuni casi di orticaria.
  • allergeni alimentari come: latte, formaggio, uova, prodotti proteici, grano, cereali, piselli, arance, pesce, pollo, etc.
  • allergeni sintetici e additivi alimentari
  • reazioni allergiche all'etanolo: possono avvenire reazioni allergiche con reazioni anafilattiche a causa dell'alcol
  • fattori ambientali come: polline, polvere, peli di animali, funghi, variazione di temperatura, etc.
  • infezioni e infestazioni: punture di insetti, frequenti infezioni batteriche, infezioni virali, etc.
  • uso di alcuni prodotti di igiene personale come: deodoranti, profumi, talco, cosmetici, etc
  • fattori emotivi: stress o altri fattori psicologici
  • orticaria causata da malattia sistemica e generale a causa di malattie sistemiche o generali interni, come disturbi ormonali (ipertiroidismo), LES, policitemia, etc.

Altri consigli utili per evitare o curare l'orticaria

Alte dosi di antistaminici non sedativi possono essere necessari per periodi lunghi anche sei settimane o più, mentre brevi cicli di steroidi orali sono a volte necessari per estinguere i sintomi più gravi.

Evitare stress, alcool, aspirina, bagni caldi, improvvisi sbalzi di temperatura, indumenti stretti e cibi spazzatura o trasformati contenenti biossido di zolfo, benzoato di sodio, salicilato e tartrazina, perché possono essere tutte cause scatenanti l'orticaria.

Inoltre è meglio evitare pomodori, fragole, formaggi piccanti, pesce scuro e cibi fermentati, in quanto anche se non sono considerati cause primarie di orticaria, tendono ad aggravare sicuramente i sintomi.

Antistaminici e cortisonici sono validi rimedi per curare l'orticaria ed i suoi sintomi ma se non ci sono risultati positivi, uno specialista dovrebbe indagare su eventuali altre malattie concomitanti, come il lupus, le malattie della tiroide e le infezioni croniche.

Rimedi omeopatici per l'orticaria

L'omeopatia può essere un valido rimedio per la cura dell'orticaria e la durata di un trattamento omeopatico può avere una durata variabile a seconda della gravità e dei seguenti fattori:

  • da quanto dura effettivamente l'orticaria
  • dalla natura allergica o non-allergica
  • dal grado di diffusione (lieve, moderata o grave)
  • dall'utilizzo di farmaci attuali e passati (antistaminici o cortisone)

I vantaggi principali di sfruttare l'omeopatia per la cura dell'orticaria sono:

  • si evitano farmaci di una certa rilevanza e nonostante ciò si concretizza un tasso di successo di cura di circa l'80%
  • migliore immuno-correzione che dà quindi la possibilità all'organismo di approfondire il livello di guarigione in modo più duraturo
  • lunga durata nel sollievo dei sintomi derivanti dall'orticaria
  • è un trattamento non tossico.

Altri rimedi e farmaci per il trattamento di orticaria

Il principale obiettivo dei rimedi antiorticaria è di trattare la maggior parte dei casi alleviando nel modo più immediato possibile i sintomi. I trattamenti più comunemente usati sono gli antistaminici per via orale, che aiutano a contrastare gli effetti dell'istamina trapelata dai mastociti.

Alcuni antistaminici hanno però un effetto collaterale che porta alla sonnolenza e molti degli antistaminici in commercio sono disponibili senza prescrizione medica.

Alcuni farmaci senza prescrizione sono:

  • difenidramina (Benadryl)
  • clorfeniramina (cloro-Trimeton)
  • Loratadina (Claritin)
  • idrossizina (Atarax, Vistaril)
  • cetirizina (Zyrtec).

Mentre alcuni antistaminici che richiedono una prescrizione medica sono:

  • ciproeptadina (Periactin)
  • fexofenadina (Allegra)
  • levocetirizina (Xyzal).

In alcuni casi vengono consigliati o prescritti in combinazione anche antibiotici ed antifungini che contribuiscono maggiormente a velocizzare la cura anti-orticaria.

Considerazioni finali in merito all'orticaria

Consultare un medico vuol dire avere la certezza di sapere esattamente che tipo di orticaria si possa avere o per saperne di più sulla ricerca immunitaria di focolai di orticaria, oltre che delle forme più rare di questa condizione. Le cure fai da te possono aiutare nella maggior parte dei casi solo ad alleviare i sintomi spesso legati al prurito, ma spesso non aiutano a debellare la causa e si prolungano anche i tempi di guarigione, pertanto si consiglia sempre una visita medica che possa stabilire la reale entità dell'orticaria nonché suggerire e prescrivere la cura migliore per il caso sottoposto in modo soggettivo.

Che cosa fare e che cosa sapere per combattere l'orticaria.