Orticaria da freddo

L’orticaria da freddo come tutti i tipi di orticaria è purtroppo molto fraintesa da persone che non soffrono di questa malattia, che credo sia una sorpresa, tuttavia ci sono molti staff medici che lottano con tutto ciò che riguarda l’orticaria.

Orticaria da freddo

Orticaria da freddo

Orticaria da freddo

L’orticaria da freddo è un'altra versione dell’orticaria, i cui sintomi tendono ad apparire come pomfi rossastri singoli o eruzioni cutanee.  Molti malati di orticaria che sono afflitti dall’orticaria da freddo possono anche soffrire di altre forme, ad esempio di orticaria colinergici (orticaria indotta da calore o da sudore) I sintomi dell’orticaria da freddo, a differenza di molte altre forme di orticaria, tendono ad apparire e poi scomparire altrettanto velocemente, questo può naturalmente essere un problema per molti. Personalmente conosco una persona che soffre di orticaria fredda, la sua orticaria o rash orticarioide appare, poi svanisce completamente per riapparire di nuovo poche ore dopo, spesso più volte al giorno.

Quindi c'è una cura per l'orticaria da freddo?

Come per qualsiasi forma di orticaria, trattando i sintomi spesso si ha qualche sollievo rapido, tuttavia si dovrebbe anche notare che i trattamenti sintomatici dell’orticaria non sono una soluzione a lungo termine.

Il trattamento per l’orticaria da freddo numero 1

Come ho detto sopra, questi trattamenti per l’orticaria sono in realtà semplici modi di trattare con un sollievo di breve termine i sintomi dell’orticaria. Forse il modo più veloce di trattare l’orticaria da freddo è tenere il corpo caldo, naturalmente questo suona come una cosa banale e lapalissiana, ma c'è un trucco per questo, specialmente per coloro che soffrono anche con il contatto, cioè l’orticaria da pressione: bisogna  indossare più strati di vestiti, preferibilmente di un materiale più leggero e traspirante a contatto con la pelle.

Il trattamento per la cura dell’orticaria a freddo numero 2

Come per tutti i tipi di orticaria, i sintomi di orticaria da freddo sono il risultato dell’eccesso di istamina prodotta dal corpo in risposta ad un allergene;  bloccare questa risposta è spesso possibile per molte persone utilizzando un antistaminico. L’antistaminico spesso fornisce un sollievo limitato, se la vostra orticaria da freddo è un problema costante l’antistaminico allora probabilmente non sarà un palliativo momentaneo.
Per affrontare davvero qualsiasi tipo di orticaria ha senso trattare le ragioni di fondo che ne determinano lo sviluppo, che sono quasi sempre le stesse con qualsiasi tipo di orticaria.

Orticaria da freddo nei bambini

A causa di un aumentato rischio di anafilassi, tutti i bambini con orticaria fredda ed i loro genitori dovrebbero essere informati riguardo il rischio anafilassi e dotati di un autoiniettore di epinefrina. L’orticaria e l’angioedema che si sviluppano dopo l'esposizione al freddo è una condizione rara nei bambini. Quando si verifica, però, è un presagio di pericolo: i bambini con orticaria fredda hanno un aumentato rischio di anafilassi, come recenti evidenze suggeriscono . Oltre il 30% dei bambini con questa condizione sono inclini ad uno shock anafilattico. Si raccomanda perciò a tutti i bambini con orticaria da freddo di tenere con sè un autoiniettore di epinefrina per casi di emergenza.

Caratteristiche cliniche dell'orticaria da freddo

Le caratteristiche cliniche dell’orticaria fredda sono state indagate in uno studio in 30 bambini sofferenti di questa  condizione. Hanno basato la diagnosi di orticaria fredda sulla storia del paziente e utilizzato i risultati di un ice-cube challenge test per supportare la diagnosi. L’età media dei bambini al momento della comparsa della malattia era di circa 7 anni, e il disordine sembra essere idiopatico (senza causa riconosciuta) in tutti i casi.
Una storia di asma o di altre malattie allergiche era comune in questi bambini. Quattordici di loro avevano l'asma e il 15 per cento aveva la rinite allergica. Solo quattro bambini tuttavia avevano un eczema. Risultati positivi per gli allergeni ambientali sono stati ottenuti in 16 dei 19 bambini sottoposti a test cutanei. Inoltre, dei 28 bambini per i quali era disponibile una storia familiare,  25 avevano parenti stretti con atopia (predisposizione genetica a sviluppare reazioni anafilattiche localizzate). Nonostante la storia dei bambini di malattie atopiche, non si crede abbia un senso che lo screening venga fatto per tutti i bambini allergici o asmatici a causa dell’orticaria fredda, perché la condizione è rara. L’orticaria da freddo tuttavia è abbastanza comune, tanto che i medici dovrebbero essere consapevoli che può verificarsi nei bambini.

Rischio di anafilassi

Undici dei 30 bambini con orticaria fredda avevano sintomi sistemici. Otto di loro hanno mostrato una diminuzione nella coscienza (ad esempio, vertigini, debolezza, o ipotensione), e cinque hanno sviluppato di stress respiratorio.
Le condizioni per l’anafilassi includono il freddo e toccare oggetti freddi. La più importante, tuttavia, sta nel nuotare ed era la causa solo per un terzo dei pazienti. Il nuoto è un fattore importante a causa della massiccia esposizione al freddo. In realtà, il nuoto è stato la causa scatenante in 10 dei 11 bambini con sintomi sistemici, tali reazioni sono più probabili,  quando vaste aree di cute sono  esposte e quando c'è una lunga durata di esposizione, come avviene durante il nuoto.

Sebbene i meccanismi alla base dell’orticaria fredda e il suo legame con l’anafilassi siano chiari, i cambiamenti nelle cellule della pelle innescano proteine albero in grado di rilasciare mediatori, che possono causare anafilassi. Non è noto se ogni bambino particolare con orticaria da freddo è ad aumentato rischio di anafilassi. Pertanto, si consiglia ai bambini affetti da orticaria-freddo e ai loro genitori, di non saltare in una piscina fredda, e che i genitori dovrebbero avere a disposizione farmaci di salvataggio quando i loro figli vanno a nuotare. Può essere utile anche la premedicazione con un antistaminico, ma il suo effetto nella prevenzione delle reazioni sistemiche non è chiaro.

Orticaria da freddo acquisita

L’orticaria da freddo acquisita è un tipo comune di orticaria. Si chiama "acquisita", perché le persone tendono a sviluppare la condizione più tardi nella vita e perchè non sembra funzionare all’interno di fattori ereditari. Le persone con questa condizione hanno la classica orticaria pruriginosa. I pomfi si sviluppano in pochi minuti dopo che la persona entra in contatto con un oggetto freddo o con acqua fredda. Nei casi più gravi una persona può andare in shock anafilattico. Gli antistaminici sono usati per trattare questa condizione. Ci sono stati pochi casi di questa condizione che sono stati conosciuti per andare via dopo tempo. Non si sa come le persone acquisiscano questa condizione, ma alcuni casi sono stati sospettati essere legati alla stanchezza e anche alle punture di api, ma questo non è stato clinicamente dimostrato.

Qual è la differenza tra "Orticaria familiare da freddo" e "Orticaria acquisita da freddo"?

Ci sono due forme di orticaria fredda: "familiare" e "acquisita". L’orticaria familiare da freddo è estremamente rara. In realtà non è stata inizialmente diagnosticata in quanto esistevano solo circa 20 famiglie che erano conosciute in tutto il mondo, ma ci sono probabilmente molte famiglie che vivono con la condizione e non si rivolgono al medico. La ricerca ha trovato altre storie con Internet. Alcune famiglie hanno tracciato la condizione intorno al 1700. Questa condizione comincia molto presto nella vita e viene eseguito nelle famiglie senza saltare generazioni. L’orticaria familiare da freddo non è in realtà una descrizione accurata della condizione. L'eruzione non è orticaria e non è pruriginosa, ma è piuttosto dolorosa. Tuttavia questo è il nome che è stato utilizzato dal 1940, quando fu descritta per la prima volta ed è stata anche indicata come ipersensibilità al freddo.

Background:

L’orticaria da freddo acquisita è una condizione della pelle, in cui l'esposizione al freddo dà risultati in pomfi e prurito e a volte generali complicanze sistemiche. Ha un profondo impatto sulla qualità della vita dei pazienti. Gli antistaminici di seconda generazione sono raccomandati come trattamento di prima linea, ma ad oggi solo pochi sono stati scientificamente testati per questa condizione.

Aiuto:

Per valutare la sicurezza e l'efficacia dell’ebastina nella prevenzione dei sintomi.

Metodi

Ventidue pazienti adulti hanno partecipato a un trial in doppio cieco cross-over di ebastina 20 mg. La sicurezza dell’ebastina è stata sensibilmente valutata con un test delle prestazioni della batteria psicometrica cognitive e dell'umore. Dopo il contatto a freddo, il pomfo e l’eritema sono stati valutati dallo sperimentatore e l'intensità del prurito e bruciore sono stati valutati dal soggetto.

Risultati:

L’ebastina non ha avuto impatto negativo su uno dei parametri di performance cognitive o dell'umore. E' drasticamente ridotto il numero di pazienti che hanno ponfi, prurito e bruciore dopo il test. L’ebastina è sicura ed efficace nel prevenire i sintomi di questo tipo di orticaria.

Informazioni utili relative alla dermatite da contatto (cause sintomi e trattamento di cura)

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo orticaria da freddo

Orticaria da freddo risolta con elabastina

ho risolto il problema dell'orticaria da frigor assumendo 20 mg. al giorno di Ebastina.il contatto con l'acqua fredda mi provocava un intenso bruciore e la pelle assumeva un color melanzana. E' iniziato tutto nel maggio 2010 all'improvviso, continuo con Ebastina da allora.

Orticaria da freddo

ho 63 anni e da 15 giorni quando vado a contatto con l'aria fredda mi viene prurito e tonfi in molte parti del corpo e in viso sento un gran caldo e divento rosso

L'orticaria da freddo non è conosciuta da molti e la ricerca non lavora per una cura...

La mia orticaria da freddo si è manifestata la prima volta dopo un forte stress e riesco a tenerla a bada solo con l'antistaminico. Ho fatto milioni di esami e visite ma non sono guarita completamente... si può vivere prendendo un antistaminico a vita?, cosa fa la ricerca per questa "malattia" così invalidante ma così insignificante da non essere neanche conosciuta dalla maggior parte della gente?

Ho sofferto per anni di orticaria da freddo

Ho 28 anni.. a 4 anni ho avuto la prima manifestazione della mia orticaria da freddo. ero in piscina e sono svenuta. Dopo innumerevoli visite all'Umberto I di Roma mi diagnosticarono l'orticaria da freddo. Ho cominciato a prendere confezioni di antistaminico (che è un farmaco..ma non guarisce dall'orticaria!!!) e sono stata lontana da mare, piscina, montagna, neve, sport all'aperto e uscite invernali. Oggi vado al mare, in piscina, in montagna, sulla neve e esco e faccio sport quando e dove voglio. Dopo un'infanzia di privazioni ho deciso che non potevo vivere cosi tutta la vita ed ho cominciato ad espormi al freddo, con moderazione e controllo, giorno dopo giorno, fino a riuscire a "tollerarlo" come una persona normale.

Orticaria da freddo dal 1969

Io soffro di orticaria da freddo da quando svolgevo il servizio militare a Trieste, dal lontano 1969, è da allora che dopo alcune settimane di esercitazioni sulla neve incominciai a notare prurito ,arrossamenti e rigonfiamenti della pelle dapprima sotto i piedi, poi nelle varie parti del corpo. Quanti esami e prove allergiche in ogni clinica d'Italia, nessuno è mai riuscito a diagnosticarmela. Concludevano tutti che era un'orticaria di origine psico-somatica. Alleviavo la mia sofferenza con gli antistaminici, ma col tempo anch'essi sono divenuti inefficaci. Oggi riesco a prevenire il fenomeno con del cortisone, sempre a portata di mano, che risulta molto efficace. Lo uso da quando, ed era proprio questa la mia paura, un giorno il fenomeno contrariamente al solito si manifestò alla laringe rischiando di soffocarmi. Alla diagnosi, orticaria da freddo, ci sono arrivato da solo, ma soltanto recentemente. Peccato, poichè avrei potuto fruire di un indennizzo essendo stata contratta durante il servizio militare.
Tursi (MT) 07/07/2013

Orticaria a frigore

Io soffro di orticaria a frigore dall'età di 14 ora ne ho 35 e l'unico rimedio che allevia un po i sintomi del prurito e dei ponfi è l'antistamico, preso costantemente 365 gg all'anno da 20 anni!Me l'hanno diagnosticata abbastanza in fretta all'ospedale di Padova.Sono fortunata che non si gonfiano gola e collo....Ho imparato ormai a conviverci..so che mi da 30 minuti circa di tempo massimo di esposizione al freddo dopo di che mi esce come una punizione!!!IHo imparato a convivere, evitando lunghe esposizioni al freddo e limitando i bagni al mare e piscina...ogni tanto cerco in internet qualche opinione, rimedio o solo altre esperienza...ma trovo molto poco al riguardo, deve trattarsi di una forma davvero rara di orticaria.L'unica paura che ho è che l'antistamico noon faccia piu effetto per via anche del fatto che lo prendo quotidianamente, prorpio perchè so che questo è l'unico rimedio ad oggi.Speriamo bene e consoliamoci pensando che non siamo soli!

Orticaria da freddo peggiorata

salve, la mia bimba di 10 anni ha manifestato la sua orticaria da freddo nell'estate del 2012 con due shok anafilattici da contatto d'acqua fredda, dall'allora la situazione è peggiorata, non possiamo più esporla a temperature basse per più di 20 minuti, non può più fare nuoto agonistico, viviamo costantemente sotto stres perchè ogni minimo freddo la fa star male, prende 2 antistaminici al giorno, ora proveremo con dei test genetici , speriamo che qualcosa di nuovo si possa scoprire

Orticaria a frigore

Ciao, anch'io soffro di orticaria a frigore da 13 anni. la prima volta che si è manifestata ero al mare e dopo aver fatto il bagno ho avuto dei ponfi dappertutto anche sulla gola tanto che respiravo a fatica.all'ospedale di Lecco me l'hanno diagnosticata subito tra lo stupore di medico e infermiera...dopo la mia prima gravidanza è quasi sparita. Spero non ritorni ancora perché è veramente fastidiosa.

Mio figlio soffre di orticaria da freddo da quando ha due anni

Io ho mio figlio che soffre di orticaria da freddo e ha iniziato dall'età di due anni si riempie di ponti grandi e larghi,in pancia,fianchi,dietro ginocchia,sotto le ascelle,insomma diventa una cartina biografica,indovinate quando? Quando entra in acqua al mare e l'acqua è più fredda della temperatura,ho sempre terrore dello shoc anafilattico perché a volte si riempie.adesso ha 8 anni e non sta' migliorando ma peggiorando.poi d'inverno labbra sempre screpolate e mani rosse come i peperoni.ghiaccio a contatto con la pelle,assolutamente,no...per carità neanche sapevo potesse esistere un orticaria cosi.

soffro di orticaria da freddo da circa 20 anni ma non ho mai preso farmaci.

Per due volte sono andato in shock anafilattico quindi comprendo bene il rischio che corro ad espormi al freddo ma negli anni ho imparato qualche strategia per evitare la manifestazione in molte delle esposizioni al freddo come al mare o in piscina.
In pratica faccio scatenare la reazione su più parti del corpo per un breve tempo bagnandomi o esponendomi poco per volta al freddo.
Solitamente se la reazione è limitata a una piccola parte del corpo in breve tempo tende a normalizzarsi.
Fatto questo passo a espormi totalmente sempre per un breve tempo, aspetto la reazione, la faccio normalizzare e rifaccio lo stesso processo fino a quando non si manifesta più (solitamente un paio di volte di questa prassi mi bastano).
Ovviamente nei miei due casi di shock anafilattico mi sono trovato in situazioni dove non ho avuto la possibilità e il tempo di abituare il mio corpo al freddo.

Orticaria da freddo e ebastina

quest'estate, dopo anni di questa fastidiosa e limitante orticaria, leggendo questo forum, ho cominciato a prendere l'ebastina; PARADISO! non mi è sembrato vero di poter cominciare a fare una vita normale, uscire di casa (abito in montagna dove il fredo direi c'è per 12 mesi all'anno), andare in città ecc. senza soffrire. Certe volte mi prendeva così forte il prurito che poi vomitavo. Qualche estate fa ho nuotato in un mare meraviglioso del Conero e, nel bel mezzo della nuotata ho cominciato a stare male; appena uscita sono svenuta e, dopo essermi ripresa non riuscivo a risalire il viottolo e stavo male di stomaco.
Sono stata male tutto il giorno.
Ringrazio chi ha suggerito l'uso dell'ebastina.

Lascia il tuo commento: